Puoi fare ogni cosa se vuoi..non sempre!!

Lorenzo Bianchi psicologo nuoto(di Lorenzo Bianchi, Psicologo esperto in età evolutiva)

 

Dopo aver definito i nostri obiettivi, dobbiamo capire come fare per portare avanti i comportamenti che ci permettono nel breve o lungo termine di raggiungere lo scopo prefissato. In questa fase, molto complessa, interviene l'autodisciplina.

 

Cos' è l'autodisciplina?
Differentemente dalla disciplina, imposta dall'esterno, l'autodisciplina è un insieme di atteggiamenti, abitudini e comportamenti che mettiamo in atto volontariamente per raggiungere gli obiettivi che desideriamo. Il bambino nelle sue prime fasi di vita cerca l'immediato soddisfacimento dei propri bisogni inviando le proprie richieste alle persone che si prendono cura di lui. Basta chiedere per ottenere. Con la crescita ci rendiamo conto che per ottenere qualcosa spesso dobbiamo aspettare e dobbiamo faticare per raggiungere il nostro obiettivo, e non sempre ci riusciamo. In particolare capita spesso di dover rinunciare a fare cose che ci piacerebbe fare e lasciar spazio a cose meno piacevoli per raggiungere obiettivi per noi importanti. Ciò non significa che sia bene vivere solo in funzione delle gratificazioni future trascurando ogni piacere presente; bensì essere capaci di apprezzare e vivere con intensità il presente mentre prepariamo il futuro. La mancanza di autodisciplina dipende da quello che viene definito LTF (Low Frustration Tollerance), che potrebbe essere tradotto in italiano con un'espressione come "limitata tolleranza alla fatica".

Consulenze sport psicologia

 

Per ridurre la LTF, Dale Carnegie suggerisce di fare ogni giorno una cosa che ci costa fatica, in tal modo ci impegniamo ad aumentare tale tolleranza e di conseguenza lavoriamo sulla nostra autodisciplina. La conseguenza immediata e maggiormente temibile della LTF è la procrastinazione.

 

Sapete di cosa si tratta? Affronteremo insieme l'argomento nel prossimo articolo. Vi lascio un semplice esercizio da fare, così da avere qualche feedback. Pensiamo ad attività (allenamenti/esercizi) che non ci piace fare, ma che crediamo siano importanti per raggiungere obiettivi futuri a cui teniamo. Una volta elencate tali attività riflettiamo sulle differenze tra quelle piacevoli e quelle meno piacevoli. Successivamente pensiamo a come poter rendere piacevole una attività che ci piace meno.

 

Contatta il Dr. Lorenzo Bianchi per una consulenza gratuita: skype: bianchilor
web: www.psicologoromaprovincia.com

 

Fai una domanda a Lorenzo:

 

 

Se hai gradito il nostro articolo fai una donazione a Nuotomania.it tramite Pay-Pal. Anche pochi euro sono sufficienti per sostenere le spese di mantenimento del portale.

 

Nuotomania.it non è in alcun modo responsabile degli eventuali danni fisici o psichici indotti da una cattiva esecuzione degli esercizi proposti. L'utente che esegue quanto proposto lo fà  sotto la sua responsabilità  sollevando Nuotomania.it e il suo proprietario da qualsiasi responsabilità  civile o penale.