Nuoto e schiena

Sfatiamo subito un mito: il nuoto non è la panacea del mal di schiena! Anzi, l'esecuzione di alcuni esercizi può peggiorare la situazione in tutti quei casi in cui risulta già  compromessa. Di certo, se si ha mal di schiena si riesce di solito a nuotare senza troppi problemi ma sono da evitare assolutamente i seguenti esercizi: nuotata a delfino, nuotata a rana, tutti gli esercizi a gambe che prevedono l'uso della tavoletta (ottimo invece per è il gambe dorso con le braccia distese in alto), stile libero con la testa alta fuori dall'acqua.

 

Nuoto e scoliosi

 

Di grande interesse è lo studio realizzato da Geyer sulle forze autodeformanti che agiscono sul torace scoliotico. La scoliosi trasforma il torace in un cilindro deformato, che tende ad aumentare spontaneamente la sua deformazione ogni volta che vengono esercitate delle forze sulla sua superficie esterna o interna. Le indagini di Vercauteren hanno dimostrato che oltre i 10 millimetri di gibbo dorsale, le forze applicate al torace agiscono in senso autodeformante, come avviene ad esempio nel nuoto.

 

Questi studi hanno distrutto un'altra nostra certezza: e cioè che il nuoto sia una terapia della scoliosi. In conclusione, oggi sappiamo che il nuoto non è una terapia della scoliosi, è invece una forma di attività  fisica che, come tutte le altre, ha indicazioni e controindicazioni. L'importante è utilizzarlo come strumento utile in rapporto alle esigenze del paziente. Il nuoto è indicato nella fase di preparazione al corsetto e nella scoliosi in corsetto, perchè:

  • mobilizza la colonna e, di conseguenza, permette al corsetto di realizzare una migliore correzione della deformità ;

  • stimola e sviluppa la funzione cardiorespiratoria, ridotta dall'azione costrittiva del busto sul torace.

  •  

    Il nuoto invece non è indicato nelle scoliosi evolutive in trattamento libero, con sola cinesiterapia, perchè:

  • oltre la soglia dei 10 mm di gibbo, sviluppa un'azione autodeformante;

  • non sviluppa le funzioni neuromotorie e muscolari antigravitarie, perchè si pratica in ambiente al di fuori della forza di gravità ;

  • mobilizza e, in alcuni stili, rana e delfino, porta la colonna in estensione, cioè nel senso che evolve la deformità  scoliotica sul piano sagittale.

  •  

     

    Se hai gradito il nostro articolo fai una donazione a Nuotomania.it tramite Pay-Pal. Anche pochi euro sono sufficienti per sostenere le spese di mantenimento del portale.

     

    Nuotomania.it non è in alcun modo responsabile degli eventuali danni fisici o psichici indotti da una cattiva esecuzione degli esercizi proposti. L'utente che esegue quanto proposto lo fà  sotto la sua responsabilità  sollevando Nuotomania.it e il suo proprietario da qualsiasi responsabilità  civile o penale.