Senza immagini - Con immagini - Stampa






Warning: strftime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in D:\inetpub\webs\nuotomaniait\public\nuoto-notizie\print.php on line 170
Titolo: Potenzia la tua respirazione
Data: 21/11/2012 08:36 Autore: Redazione Categoria: Notizie nuoto URL: http://www.nuotomania.it/public/nuoto-notizie/view.php?id=368


[img2]http://www.sportmedicina.com/RESPIRO_SLA/sara6.JPG[/img2]La Dott.sa Alison McConnell, autrice del libro Breathe Strong, Perform Better, ha scritto un articolo, Every Breath You Take, per l’edizione di aprile del giornale inglese Running Fitness. L’allenamento muscolare inspiratorio, scrive la Dott.sa McConnell, una volta visto con scetticismo, è oramai considerato da tutta la comunità scientifica internazionale come una delle “vie più brevi” per migliorare la performance.

[ads1][/ads1]“Un lavoro muscolare inspiratorio intenso attiva il riflesso (vascolare), causando il restringimento del flusso sanguigno degli arti inferiori, compromettendo la consegna di ossigeno e la rimozione dei metoboliti dai muscoli. La buona notizia è che l’allenamento muscolare inspiratorio aumenta l’intensità del lavoro respiratorio necessario per attivare il riflesso. Quindi è possibile lavorare più intensamente e più a lungo prima che il riflesso allontani il flusso sanguigno dagli arti inferiori. Il risultato è quello che la performance migliori in molte attività sportive o esercizio fisico”

L’articolo continua con il dimostrare come l’allenamento muscolare inspiratorio con particolari strumenti come il POWERbreathe migliori la performance di un runner rispetto ad altri metodi di allenamento:

“Uno studio dimostra come la performance di un runner migliori sui 5000mt del 2,1% (circa 20 secondi) e richieda meno di 30 minuti alla settimana di interval training. In contrapposizione uno studio basato sull’interval training dimostra un miglioramento dell’1,5% (circa 13 secondi) sui 5000 mt, ma richiede circa quattro volte tanto di allenamento, senza considerare l’impegno di completare cinque ripetizioni vicino al massimale di corsa di circa cinque minuti e trenta cad.”.

 



Copyright © Nuoto Mania - Tutti i diritti riservati.