Ciao Thorpe,non credo.
Solamente che da quando ho iniziato a nuotare ho cambiato alimentazione,non bevo più bevande gassate,schifezze tipo patatine fritte quasi azzerate,non bevo quasi più,solo acqua e birra quando capita una serata con gli amici,vita regolarissima,diciamo che non mangio proprio poco a parte quando sono a lavorare che mangio solo un primo a mezzogiorno ma dopo la piscina la sera mangio completo e direi abbastanza abbondante,pane poco come dicevo,carne rossa eliminata ma tutto il resto senza problemi!!

Ciao Stefano,ciao Marina e ciao a tutti.
Dunque già mi ero stupito di essere calato da 64 a 62 ed ora sono 60 cioè circa 7 kg sotto peso.
Ho chiesto ad un farmacista e lui mi ha detto che devo assumere proteine,ora io ho escluso la carne rossa (che non mi è mai piaciuta e che comunque fa più male della carne bianca,vabbè dipende sempre dalla frequenza);mangio solo carne bianca,al momento ho diminuito il consumo di legumi (ricchi di proteine vegetali) formaggio una volta a settimana una mozzarella,verdura e frutta sempre presenti ma solo la sera perchè di giorno riesco a mangiare solo un primo al lavoro,uova una volta a settimana,pane poco.
Sto sbagliando qualcosa evidentemente!!!!
Almeno lo spero altrimenti devo pensare a fare un controllo!!!
E' davvero colpa del fatto che non assimilo abbastanza proteine???
Sono abbastanza preoccupato perchè pensavo di aumentare un pò la massa muscolare e invece forse sbaglio qualcosa nell'alimentazione,vado 5 giorni su 7 facendo in media 3 km a sera tra programmi master e fondo,il chè impegna non poco il mio fisico.
Scusate non voglio essere ripetitivo ma qui tra un pò non rimane più niente smile...
Ciao e grazie come sempre...

Ciao Mario...tu dici che è meglio fare gli esercizi di tecnica prima?
Forse è una bella idea,dopo remate e esercizi a braccia alternate forse si sviluppa la sensibilità che può aiutare nel lavoro seguente,in effetti può essere ragionevole,infatti generalmente dopo questi esercizi faccio sempre 2 vasche a stile e due a dorso contunuate ad una certa intensità e sento che la sensibilità è migliorata,non so se questo è un effetto momentaneo o può durare per un tot di vasche, come quando mi allenavo con le cavigliere a pallavolo,quando le toglievo mi sentivo molto più leggero ma l'effetto spariva dopo qualche salto,comunque proverò.
E giustamente diminuirò anche il lavoro,ogni tanto un 2500 o 3000 di fila ci può stare ma meglio esercizi e scatti ed un 1500 o comunque alternare tutte queste cose per variare.
In quanto alla corsa e bici so che sarebbero perfette abbinate al nuoto ma non mi piacciono nessuna delle due purtroppo:P.
La piscina chiusa mi sta facendo impazzire sto contando le ore fino alla riapertura della mia yikes..
Ciao e grazie smile

Ciao a tutti e bentornata a Marina, finalmente smile ci mancavi,dico così sicuro di interpretare il pensiero di molti...
Come ogni anno la mia piscina ad agosto chiude ed io trasloco in un'altra da 50 all'aperto,solo che nella mia ci vado 5 giorni su 7 ed in questa 2 max 3 su 7,ma vabbè non c'è male,2 mesi li ho fatti così.
Quest'anno brutta notizia per lavori la mia riapre il 15 ottobre.
Siccome non ho tempo per fermarmi in un'altra piscina col lavoro sono costretto ad andare solo il sabato,sono stato quindi fermo per circa 4 settimane ed ora ho fatto due sabati.
Per il momento ho fatto così:
- le solite 12 vasche di riscaldamento blando
- 110 vasche di fila suddivise in 60 crawl e 50 dorso in 50 minuti circa il primo sabato e 120 (70+50) in 57 minuti il secondo sabato.
- 40 vasche suddivise in gruppi da 10 di esercizi quali remate,braccia alternate a stile e dorso e un pò di ipossia partendo con 25 respirazione ogni 15bracciate,  il consecutivo 25 respirazione ogni 14 e così via fino a respirazione ogni bracciata.
Purtroppo ho abbandonato un pò le gambe e gli esercizi a delfino,già così ci metto 2 ore circa altrimenti ci metterei anche un'altra ora.
Può andare bene in preparazione di tornare a fare i programmi del sito due volte a settimana come prima??
Grazie ciao e buon rientro in acqua e buone nuotate a tutti.
Ciao smile

Ciao Mario,ieri ho provato a fare due serie 10x50 con riposo (10"-15"-20" a seconda di quello che in corsia mi lasciava passare o meno) e li ho fatti tutti in 50", certo forse anche meno perchè quando arrivavo ora che mi toglievo gli occhialini per vedere contro sole l'orologio contasecondi segnava 50" ma prendiamo questo dato come veritiero.
Non ero al max dell'intensità anche se era sostenuta e cercavo di non scompormi nella nuotata ma mantenere scioltezza e scivolamento,adesso poi nuoto diversamente da qualche tempo fa il crawl, cioè inizio la presa solo quando il braccio in recupero passa la testa, nuotata sul quadrante frontale,sfrutto quindi un pò l'inerzia dello scivolamento e mi sembra abbastanza efficace piuttosto che muovere sempre le braccia.
Penso il risultato sia accettabile ma penso anche che mantenere 50 o meno secondi per 2500 o 1500 metri sia al momento un pò un'utopia,ma considerato che mi alleno per conto mio e non faccio programmi che mi potrebbero aiutare a migliorare in fretta e non essendo seguito da un allenatore mi sembra sia un buon risultato.
Ciao smile

Ciao Mario grazie per la risposta e tanti complimenti chissà che bello nuotare con lui e comunque con un professionista che ti stimola tanto.
Facendo solo stile riesco a stare sui 54-55 sui 50m,i tempi sopra erano calcolati con anche 10 vasche a dorso dove si va più piano ma sono comunque su tempi altissimi me ne rendo conto.
Generalmente quando sono nella mia piscina da 25m faccio due volte a settimana i programmi master e gli altri giorni fondo ed esercizi di tecnica e bilanciamento,in media sempre sui 3 km a sera.
Ti dico i 1500 crawl li faccio in 25-26min distante anni luce dai 15 min scarsi di paltrinieri big_smile vabbè dai non ci spero nemmeno penso solo però a migliorare questo è certo.
Comunque proverò a fare come dici tu quelle ripetute con quelle pause.
Generalmente non ho l'orologio al polso e guardo quello della piscina e non calcolo mai i 50 o i 100 ma solo le pause dei programmi che mi scarico,non ho quindi dei gran riferimenti.
Ciao smile

Ciao ragazzi,da qualche settimana sono passato alla piscina all'aperto da 50m,davvero spettacolare.
Solamente che non riesco ad eseguire i programmi nuoto master che più che altro sono fatti per quella da 25 ma anche perchè l'affollamento non mi permette di farli al meglio.
Ho così optato per fare del fondo ed esercizi vari.
L'ultima volta ho fatto 4 vasche di riscaldamento,40 vasche di fila suddivise in 30 crawl e 10 dorso in 40 min più o meno,poi una ventina di esercizi e scarico.
Ora sapendo perfettamente che non sono certo Paltrinieri (magari) so che circa 1 min a vasca (da 50m) non è poco ma secondo voi è accettabile come prestazione facendo del fondo e non essendo un professionista?
Grazie a tutti.
Ciao smile

8

(1,654 risposte, pubblicate in Delfino (farfalla))

Ciao a tutti.
Scrivo un pò sconsolato,venerdì ho provato a rilassare il collo nel delfino subacqueo a pancia in su ed ho provato a non emettere aria ma l'acqua che entrava nel naso mi bruciava e mi faceva male la testa, non so forse non riesco a mantenere una posizione perfettamente orizzontale oltre a non riuscire a rilassare del tutto i muscoli del collo,non so come ovviare a questo problema, se non esiste uno specifico allenamento da fare mi sembra un pò assurdo fare 50 volte 10 metri capovolto e aspettare sempre qualche minuto prima che passi il male alla testa,magari mi sbaglio.
Cioè quando faccio la virata a dorso non ho problemi soffio fino ai 5 metri e poi emergo,non è che non riesco a fare questa cosa,quello che vorrei è invece fare più metri sott'acqua senza emettere aria come ho visto in qualche video come quello che ho postato qualche messaggio fa,anche provando a rilassare il collo non ho ottenuto risultati.
E l'altro problema nelle gambe delfino a pancia in su arrivato alla fine dei 25 m mi fa molto male a metà schiena, con la mano mentre lo eseguo sento che i muscoli dietro a metà schiena (all'altezza dei reni) lavorano ma non so se sono quelli che devono irrobustirsi per poter eseguire bene l'esercizio,eppure non irrigidisco le gambe le lascio libere e uso solo gli addominali per muovere il busto su e giù mantenendo la testa ferma e facendo piccoli movimenti non ampi,quanto basta per far si che le gambe abbiano la propulsione necessaria; in particolare se tengo le braccia lungo i fianchi mi fa meno male,se le allungo dietro dopo un 25 devo fermarmi,due di fila non riesco a farli.
Devo rassegnarmi?
Qualcuno ha le stesse problematiche?
Ciao smile

9

(1,654 risposte, pubblicate in Delfino (farfalla))

Ciao Nuotix.
Grazie mille per il tuo contributo,cerco subito di concentrarmi su questo aspetto,è molto interessante apprendere che tu eliminando la rigidità del collo sia intervenuto attivamente sulla pressione interna della testa.
Proverò a sviluppare questa cosa nelle sedute di scarico dedicate agli esercizi di bilanciamento  e coordinazione.
Un'altra cosa, quando facevo gli esercizi di gambe a delfino sulla schiena, arrivato circa ai 25 m sentivo un forte dolore alla zona bassa della schiena, http://www.youtube.com/watch?v=0neV-dwl … embedded#! esercizio al minuto 1:20,soprattutto con le braccia distese indietro,  Stefano mi diceva che è sicuramente la rigidità della colonna vertebrale,ma penso di non avere troppa rigidità,o almeno non sono un tronco,penso di essere abbastanza fluido, forse eseguo il movimento troppo ampio non so,te hai qualche accorgimento a riguardo??
Grazie
Ciao

10

(1,654 risposte, pubblicate in Delfino (farfalla))

Ciao Stefano.
Capisco perfettamente,io sento bruciare da matti nel naso e forse non è solo da imputare al cloro ma anche al fatto che se non si è abituati l'acqua da fastidio in questo modo.
Forse un'errata posizione della testa?
http://www.youtube.com/watch?v=qD4u2xwn … ture=fvsr] in questo link, dal secondo 36 in poi dice che alcuni nuotatori soffiano l'aria fuori,altri riescono ad equilibrare la pressione all'interno della testa senza bisogno di soffiare,altri usano una strana tecnica quella di arriciare le labbra fino a che non occludono il naso altri usano il nasello.
Ok o si ha o non si ha questa capacità, però spero fino ad un certo punto, io sono arrivato a fare circa 15-20 metri capovolto soffiando ma lo fai una volta sola, cioè se fai più vasche di fila ci si scorda questa capacità polmonare.
C'è il famoso esercizio del ragno, quello forse aiuta ma anche quello è tosto da fare, inoltre forse è un pò meno estremo fare il delfino all'indietro come posizione della testa non so.
Oppure c'è una particolare posizione della testa da tenere quando si è sott'acqua in modo che l'acqua non entri?
In genere sono abbastanza sciolto quando faccio il delfino ma non riesco a non soffiare quando eseguo il movimento, quando nuoto a dorso dopo la virata arrivo sempre alle bandierine ma mi piacerebbe fare come quelli nel video che fanno un 25 senza soffiare.
Se questa cosa si può allenare sarebbe molto interessante,anche se ho capito che è una cosa un pò innata.

P.S. Ho letto anche che Missy Franklin quando fa il dorso ha sempre il nasello,quindi non tutti evidentemente riescono a farlo.
Grazie
Ciao

11

(1,654 risposte, pubblicate in Delfino (farfalla))

Ciao a tutti.
Oggi stavo guardando un video che parlava del delfino subacqueo che si esegue quando si vira a dorso,e si diceva che alcune persone per ovviare all'acqua che entra dal naso quando si è a pancia in su sott'acqua soffiano leggermente,ma così facendo si finisce presto l'ossigeno e si riemerge prima,altre hanno la fortuna di riuscire a creare una pressione all'interno della testa in modo da non fare uscire aria dal naso ne fare entrare l'acqua dallo stesso e le rimanenti usano il nasello.
Ora io faccio le virate e devo dire la verità soffio leggermente,ma ultimamente sto cercando di curare anche questo particolare e riesco anche a non soffiare,ma quando eseguo la virata o la partenza a dorso cerco di fare il delfino sott'acqua il più a lungo possibile ma non riesco proprio a non soffiare,perchè il movimento mi porta a farlo, a volte ho anche provato a non soffiare ed in effetti l'acqua non mi entrava nel naso, o meglio entra nella cavità ma riesco a fermarla,solamente il cloro brucia da matti e devo riemergere.
C'è per caso un esercizio che può aiutare a migliorare la durata del delfino subacqueo a pancia in su?
Poi come dicevo nella mia piscina c'è molto cloro,può dipendere anche da questo o è solo un fatto che non eseguo bene la gambata a delfino o non mantengo l'assetto giusto?
Grazie
Ciao smile

Ciao Stefano big_smile ahahahah non in senso numerico certo, diciamo a vista, ora riesco a vedere i muscoli sotto le braccia,e quelli sui fianchi che prima non erano cosi evidenti tongue,li avevo tutti anche prima ma ora sono molto più sviluppati,cosi pensavo adirittura di essere aumentato un pochetto.
Quello che mi stupisce è che facendo attività sportiva anche intensa tutta la vita non ho mai avuto cali come questo,sono sempre stato 64kg, è quello che mi ha fatto un po' di stupore, certo ho variato l'alimentazione ma solo nel fatto che ora mangio verdura e frutta sempre e prima o l'una o l'altra raramente assieme,ho abolito i dolci,ne mangio molto pochi.
Prima non mangiavo pane, ora sempre per i carboidrati.
Se uno ha già un discreto peso magari possono esserci delle variazioni ma se uno è sempre stato cosi addirittura un po' sotto peso pensavo fosse un po' strano calare ancora!!
Grazie
Ciao smile

Ciao a tutti.
Volevo esporre dopo un po' di silenzio radio una cosa che mi si è presentata e che mi ha preso un po' alla sprovvista.
Circa 7-8 mesi fa andavo in piscina 3 giorni su 7 e non eseguivo sempre gli esercizi master del sito ma solo quando sentivo di poterlo fare e nelle altre sessioni facevo del gran fondo con qualche esercizio di tecnica e niente gambe.
Adesso vado in piscina 5 giorni su 7, due giorni faccio gli allenamenti master del sito che hanno lunghezze di 3-3,6 km circa ( evito quelli da 4 km per mancanza di tempo,andando la sera non riesco a finirli prima che chiuda la piscina), gli altri giorni 40-50-o 60 vasche di fila, per il fondo,esercizi di tecnica e 20 o 30 vasche di fila di gambe a stile sempre per un totale di 100 - 130 vasche.
Ora io sono stato tutta la vita 64 kg ed anche un pò sotto peso di qualche chilo ma pochi, essendo magro i muscoli si vedevano già, io ho fatto molti sport come calcio,tennis,basket,pallavolo,pratico sci,calcetto, il nuoto da piccolo due o tre corsi poi la piscina chiuse ed anche io smile, adesso i muscoli sono aumentati un po' di volume e anche di numero.
Poco tempo fa ho voluto fare la visita dal medico dello sport per essere sicuro che gli sforzi che faccio in piscina non possano nuocermi troppo, perché a volte eseguo gli allenamenti master anche se sono un po' affaticato,ma poi in corso d'opera mi riprendo; ed ho  scoperto con stupore di essere arrivato a 62 kg e mezzo yikes!!!!
Eppure mangio regolare e bene,carboidrati sempre,verdura,frutta non so bene come interpretare questa novità.
Che ne pensate?
Ciao a tutti e buone nuotate!!!

14

(310 risposte, pubblicate in Stile libero (crawl))

Ciao a tutti. Io uso il pull boy per fare le vasche di gambe a stile, va tutto bene per la schiena che sta un pò più dritta che con la tavoletta, il problema magari è un pò il collo, tenendo la testa alta giusto per fare fuoriuscire la bocca per respirare un pò il collo è sotto sforzo.
Stasera mi sono fatto 20 vasche di fila, alla fine sentivo un pò un dolorino al collo ma nulla di troppo inteso diciamo, è passato subito,se tengo la testa immersa poi non vedo dove vado purtroppo,inoltre consumando molto ossigeno con le gambe a stile la respirazione è frequente ed è più comodo tenere la testa un pò fuori,ogni tanto giro la testa di fianco ma per poco perchè anche così poi perdo un pò la direzione e ho un pò di problemi con la respirazione come già detto.
Secondo te Stefano è peggio col pull boy?
Grazie
Ciao smile

15

(310 risposte, pubblicate in Stile libero (crawl))

Ah scusa avevo capito che facendo della tavoletta a stile si allenavano anche i muscoli per il delfino, mi sembrava di aver letto questo in qualche post di sfuggita,pardon.
Comunque fare quelle 20 vasche di fila differenziate in quel modo può andare bene secondo te?
Ciao

16

(310 risposte, pubblicate in Stile libero (crawl))

Ciao Stefano so che hai troppo da fare ma se possibile potresti commentare il post qui sopra??? Spero di non aver ripetuto troppi concetti già espressi, ma probabilmente si come spesso capita smile.
Grazie
Ciao

17

(310 risposte, pubblicate in Stile libero (crawl))

Ciao Stefano, e ciao a tutti.
Dunque anche io da circa poco più di un mese ho deciso di dedicare del tempo delle giornate di scarico alle gambe a stile con tavoletta oltre che ai soliti esercizi di bilanciamento,voglio allenare i lombari per il delfino.
Mi sono mentalmente messo in testa di fare in questo modo, 20 vasche da 25 continuate la prima settamana un 25 a stile ed uno a rana e così via fino a 20 vasche, poi la seconda settimana sempre le solite 20 vasche di fila ma con 2 gambe a stile ed una a rana,di nuovo due a stile e una a rana ecc fino a 20 poi la terza settimana sempre 20 ma 3 gambe a stile e la quarta a rana altre 3 a stile e la quarta a rana e così fino a 20 ecc. puntando a fare 20 gambe stile di fila, dunque, quando ho energie riesco a fare un 25 in 30" ma non al massimo, diciamo al 65-70%, volevo chiedere se questo pseudo allenamento di gambe può andare bene, io generalmente nei giorni di scarico faccio tipo 10 vasche di riscaldamento,poi 40/50 o 60 di fondo poi gambe e poi esercizi e scarico.
Ho un altra domanda che riguarda la tecnica, cioè io uso la tavoletta,appoggiandosi sulla tavoletta le gambe affondano leggermente, quando le batto faccio in modo che il tallone rompa la superfice dell'acqua fuoriuscendo un pò anche, in modo da svincolare leggermente il piede, perchè ho provato a tenere il piede leggermente in profondità e diventa dura dopo un pò,la fatica aumenta molto.
Cioè non faccio schizzi come molti che fanno dei tonfi assurdi ma piuttosto una schiuma leggera ma cerco di fare fuoriuscire il tallone un pò appunto per liberare un pò la gamba e fare un pò meno fatica,può andare bene?
Grazie come sempre.
Ciao smile

18

(44 risposte, pubblicate in Dorso)

Grazie nuotix e grazie Stefano per le vostre risposte, comunque facendolo ho notato miglioramenti, anche nel rollio,probabilmenete perchè migliora un pò l'equilibrio come ha detto Stefano, in effetti quando si perde l'assetto per colpa del braccio che si alza si sente la necessità di lavorare più e meglio con le gambe,d'apprima il movimento delle gambe era frenetico per sopperire al turbamento dell'equilibrio, poi col proseguire del tempo ho cercato (e cerco tutt'ora) di rendere il movimento delle gambe più fluido e rallentare la frequenza mantenendo l'assetto.
Per il dorso io faccio questo, quello che ha detto nuotix con l'oscillazione da una parte all'altra per il rollio e quello con propulsione ad un braccio solo.
Volevo chiedere una ulteriore cosa, generalmente nei giorni di scarico e quindi giorni dedicati agli esercizi, non riesco ad eseguirli tutti per problemi di tempo, faccio questi esercizi a gruppi di 10, tipo 10 vasche rollio a stile,poi 10 stile con un braccio solo,poi 10 dorso con un braccio solo ecc, facendo due vasche di fila fermandomi un pò per prendere fiato fino a 10 appunto per esercizio, per un max di 30-40 vasche quindi 3-4 esercizi a sera.
Secondo voi va bene come cosa o dovrei gestirlo diversamente?
C'è un modo più proficuo di fare questi esercizi?
Il tempo di fare 20 vasche una trentina o quarantina di esercizi più una ventina di tavoletta e gambe è già passata un'ora e mezzo, sono tutti esercizi che come propulsione hanno solo le gambe e non si va molto veloci.
Grazie come sempre.
Ciao

19

(44 risposte, pubblicate in Dorso)

Ciao ragazzi, forse mi sono spiegato male adesso posto il link   http://www.youtube.com/watch?v=F48k5fb33uM&feature=related ,pardon smile.
L'unica differenza è che nel video il braccio che non recupera lo tiene esteso in avanti io lo tengo di fianco.
Questo è un esercizio preso da Go Swim un sito autorevole in fatto di nuoto.
Grazie a tutti.
Ciao.

20

(44 risposte, pubblicate in Dorso)

Ciao a tutti. Volevo fare una domanda a Stefano riguardo ad un esercizio per il dorso che eseguo da poco nei giorni di scarico dagli allenamenti. Spinta dal muretto inclinato sul lato sx,braccio sx lungo il fianco, braccio dx d'apprima lungo il fianco poi inizio recupero fino a che il braccio dx non è in verticale e poi ritorno dello stesso lungo  il fianco,una vasca con il dx ed una con il sinistro, il tutto fatto non troppo veloce,da quello che ho capito questo esercizio dovrebbe stimolare l'uscita del braccio per il recupero da parte della spalla,quando ho il braccio in verticale chiaramente il peso mi fa affondare e facendolo ritornare in posizione lungo il fianco riacquisto il galleggiamento.
Il movimento quindi è un affondare lievemente ed un riemergere, tra l'altro prima di eseguire il recupero devo respirare per riempire i polmoni di aria e facilitare il galleggiamento,devo quindi sincronizzarmi, questo esercizio l'ho visto su youtube ed anche chi lo eseguiva affondava leggermente,è normale questo?
Chiaramente dal mio lato di galleggiamento debole soffo un pò di più l'affondamento e ci metto un pò di più a stabilizzarmi.
Addirittura c'è un esercizio in cui il braccio lo tieni in verticale (sempre con il corpo in posizione laterale come quando si esegue il rollio) e vai solo di gambe,se hai le pinnette è un conto ma senza è leggermente complicato da gestire penso.
Va eseguito in un modo diverso o è normale così?
Grazie mille.
Ciao

Ciao di nuovo.
OK ho capito perfettamente che stavo sbagliando, per tutto questo pensavo di fare bene facendo del gran fondo e quanti più possibili esercizi per la tecnica ma in realtà forse non è molto allenante agire così ed ora che me ne sono reso conto cercherò delle contromisure.
Io adesso vado dai 2000 ai 3500m ad allenamento considerando anche gli esercizi di tecnica.
Dovrò però ridurre gli allenamenti del sito perchè manca il tempo per eseguirli completamente ci vogliono più di due ore contando le pause, io entro in vasca sulle 20 e non ho il tempo, poi è difficile con tante persone in vasca fare le ripartenze, si sballano tutte le pause ma questo è solo un mio problema del resto smile.
Non ho però la conoscenza per miscelare attivamente e proficuamente diverse sessioni di allenamento al fine di creare un lavoro settimanale armonioso.
Mi risulta difficile però eseguire allenamenti master contigui,generalmente dopo uno completo dovrei fare il giorno dopo del fondo o comunque una sessione rilassata,questo perchè essendo un autodidatta non so gestire programmi strutturati per il miglioramento dell'allenamento e l'aumento dei volumi.
Mancherebbe un allenatore bravo ma nelle varie piscine compresa la mia ci sono allenatori per quelli che imparano a nuotare da poco e non per quelli che vogliono evolvere un pò la loro nuotata.
Grazie ancora,rifletterò su alcune discussioni sul sito e vedrò che posso fare.
Ciao

Ciao Nuotix grazie come sempre della risposta.
Ho fatto due volte 200 vasche quando ancora non padroneggiavo la tecnica come adesso (non che sia perfetta intendiamoci ma solo migliore di prima) ma le ho fatte solo per vedere se ci arrivavo,dopo di che ho chiesto a Stefano se potevo fare gli allenamenti master del sito e lui mi ha detto che se sono riuscito a fare quei volumi potevo provare a fare gli esercizi master e così ho fatto per diversi mesi, ma ancora la tecnica non la studiavo.
6 mesi fa ho detto vabbè facciamo così fai del fondo per cercare di dare una base aerobica e intanto ad ogni sessione ogni giorni aggiungi 30-40 vasche di esercizi di tecnica e così la mia percezione è molto migliorata, prima i 1500 li facevo in 29 minuti adesso in 25 quindi il miglioramento personale c'è stato,gli esercizi hanno dato dei frutti.
Dopo 20-30 vasche inizio ad accusare un pò di stanchezza andando tutti i giorni,non che non riesco più a nuotare ma solo che devo convivere con un pò di affaticamento fino alla fine della sessione che mi sono prefissato, anche se a volte dopo un pò sembra quasi passare l'affaticamento non so perchè, io pensavo che ogni volta fosse meglio ma forse intervengono tanti fattori nel rendimento, tipo le ore di sonno che non sono tantissime a dire la verità,l'alimentazione ecc.
A dire la verità faccio fatica a fare una tabella di programmi di nuoto,cioè prendere un pò in qua e in là dei programmi e fare la tabella settimanale.
Posso fare dopo il riscaldamento tipo la piramide 50-100-200-300-400-300-200-100-50 con riposi di 10" alla fine della quale faccio gli esercizi di tecnica e poi gambe?
Può andare?
Oppure 24x50 con 5" + 14x100 con 5" e poi esercizi? Cioè quasi un 2500 diluito in sessioni divise da qualche pausa è più allenante?
In realtà un giorno lo salto anzi due compresa la domenica solo che per queste feste sono andato una settimana senza saltare e l'ho sentita, inoltre da qualche giorno ho inserito alla fine due serie da 10 vasche consecutive di gambe che non avevo mai fatto ad una certa intensità per dire che non è quella di passeggio ed oggi ho dovuto rinunciare perchè ero dolorante alle anche e ai muscoli dei glutei, ma domani torno in vasca e proverò a frazionare il 2500 come sopra.
Penso di essere sui 130 bpm quando nuoto, sento comunque un pò la fatica.
Credo di essere un pò frustrato non ottenendo al momento significativi miglioramenti, ma forse perchè gestisco male le giornate non so.
Grazie ancora
Ciao

Ciao Nuotix, grazie per l'intervento e le delucidazioni.
Autogestendomi, in quanto nella mia piscina non c'è possibilità di avere un allenatore per fare master,da noi ci sono solo corsi normali diciamo,non so esattamente come agire.
Si forse ho spiegato male,non volevo dire che Stefano dice che non dovremmo avere giorni di pausa per carità, se uno non ce la fa non può e non deve insistere fino allo sfinimento,dico solo che chi come me si è messo in  testa di andare tutti i giorni e fare un certo lavoro che impegna parecchio per quanto riguarda i mezzi a disposizione e si chiede come deve fare se deve fare pause o se deve tirare dritto capisce che avendo un carico ridicolo per quello che è un professionista non sono necessarie pause per recupero di energie in quanto non si è poi speso così tanto da non poter andare di nuovo in piscina.
La mia domanda nasce dal fatto che sono circa 6-7 mesi che faccio fondo ed esercizi per la tecnica, che è molto migliorata, ma è ancora carente sicuramente,credendo così di fare una buona base aerobica e intanto perfezionare il gesto tecnico,però a volte la fatica è molta,a volte mi vedo sfilare persone di fianco carenti di tecnica,non belle a vedersi,poche in realtà fanno molte vasche di fila ma comunque ti mettono un attimo sul chi va là e ti chiedi se veramente il tuo lavoro dia i suoi frutti, sono quei viaggi mentali che si fanno le persone che ci credono davvero e insistono pur riconoscendo i propri limiti.
Questa pausa mi ha aiutato molto ma mi chiedevo avendo fatto gli esercizi master e da qualche mese fondo e tecnica perchè mai abbia forse più sofferto nel secondo caso che nel primo, ritengo di avere una decente base di resistenza, ho fatto anche due volte (perchè avevo tempo e la piscina libera) 200 vasche di fila suddivise in 180 crawl e 120 dorso,pensavo che andando ogni giorno avrei consolidato ancora di più la base aerobica ma ci sono giorni in cui sono affaticato anche se non mollo mai.
Certo forse due allenamenti master di seguito non riuscirei a farli,magari meglio un giorno si e uno no.
Grazie
Ciao

Ciao a tutti e buon anno!!!
In questo periodo fortunatamente ho trovato una piscina aperta durante tutte le feste e non ho mai smesso di nuotare,vado tutti i giorni,tranne oggi che mi fanno male i muscoli delle gambe da quando ho inserito serie da 10 vasche consecutive di gambe a stile,cosa che prima non facevo.
E' da qualche tempo che faccio riscaldamento,poi fondo a seconda dei giorni (1500,1000,2500,1250,1500) e poi a gruppi di 10 vasche circa 30-40 vasche di esercizi di bilanciamento,gambe ecc.
So che,come dice Stefano nuotare passeggiando anche per diverse vasche non è allenante,io però non vado proprio a spasso, cioè non sono certo un professionista ma comunque mi sforzo per mantenere un certo ritmo che purtroppo non è quello di un fondista che nei 1500 fa 15 minuti ma non è nemmeno quello di una passeggiatina.
Presto tornerò ai programmi master del sito che sono fatti benissimo,ho solo voluto fare una pausa per aumentare resistenza e "tecnica, il tutto virgolettato perchè mi autogestisco guardando youtube e leggendo in rete.
Facendo del fondo però forse non si riesce a mantenere la concentrazione sulla tecnica perchè dopo 20,30 vasche subentrano i primi segni di affaticamento e non si riesce a mantenere la concentrazione e la fluidità di movimento come nelle prime vasche, il tutto "aggravato" dal fatto di andare ogni giorno,la cosa diventa tragica quando devo fare un 2500 sulla cinquantina iniziano ad apparire i primi miraggi sui blocchi come Fantozzi smile anche se io cerco di non mollare.
Ho letto diversi post in cui Stefano dice che noi comuni mortali appassionati del nuoto non abbiamo volumi come quelli dei professionisti e che quindi in teoria non necessiteremmo di giorni di pausa,certo ogni fisico va ascoltato e seguito,a me non mi paga nessuno per andare ogni giorno e fare fondo ed esercizi che ai più risultano noiosi ma la passione e l'amore per l'acqua mi spinge a farlo,però mi sento affaticato ma vorrei di più ma non so se mi sto gestendo male o spreco inutilmente energie pur stando attento alla postura in acqua al movimento alla respirazione.
Facendo gli allenamenti master del sito, faccio si fatica, anche perchè vanno dai 3000 ai 4500 m che non sono pochi per non professionisti soprattutto se fatti la sera e che durano 2 ore cosicchè finisci di mangiare alle 22:45 ma credo siano più abbordabili di un 1500 o 2500 fatto ad una certa intensità che non sia la passeggiatina.
E' possibile?
Sto dicendo una eresia?
Attendo il vostro parere grazie

Ciao Nuotix grazie per i consigli.
Avendo riposato sabato e domenica ieri sono andato e stavo molto bene,ho fatto solo
8 crawl riscald. + 40 (20 crawl+ 20 dorso)  in 34 min + 20 esercizi
per un problema di affollamento della vasca.
Penso che farò il mercoledì di pausa e la domenica, provo così,comunque credo che anche andando sotto sforzo il fisico si tempri e se cali un pò la frequenza a periodi poi sei in grado di fare sempre più vasche,ma non ho la certezza di questa affermazione smile.
Ciao smile