1

Argomento: Allenamento per 800 e 1500m

Mi sapete consigliare delle sessioni di allenamento specifiche per preparare quelle distanze?
Tenete presente che la mia percorrenza e frequenza di allenamento è 3000m (con allenamenti variati) 4 volte alla settimana.

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Le resistenze specifiche di gara sono la potenza aerobica (soprattutto) e un pò la resistenza alla forza,per le fasi finali della gara.
La prima la si allena con sessioni di nuoto ad elevatissima intensità però con andatura il più possibile regolare,della durata dai tre ai sei minuti ,con riposi incompleti che però garantiscano una buona intensità anche nelle ripetute successive,dunque da 1 a 3 minuti;le ripetute a distanza maggiore le puoi anche frazionare,con riposi tra le frazioni dai 5 ai 10 secondi (o poco più le prime volte)
Lavoro totale di 20-25 minuti di nuoto effettivo.
Esempi:
3,4 oppure 5 x 400 riposo 3 minuti
da 4 a 8 x 200 riposo 1'30"
da 3 a 6 x 300 riposo 2' frazionati ai 100 riposo 10"-20" o frazionati ai 50 riposo 5"-10"
Tutte queste ad andature elevate ma regolari,cioè con una distribuzione razionale dello sforzo(e con molto coraggio,altrimenti diventano allenamenti di soglia)

La resistenza alla forza la si allena con frazioni nuotate alla MASSIMA velocità possibile,come fosse una gara però senza la distribuzione razionale dello sforzo,cioè dando tutto e subito e poi cercare di tenere la velocità da stanchi.
Frazioni di nuoto dai 25 secondi al minuto,con riposi incompleti ma più bassi di quelli di potenza,allo scopo di nuotare con l'acidosi degli sforzi precedenti,cioè riposi dai 40 ai 90 secondi.
Perciò distanze di 50 75 o 100 (solo nel caso di che riesce a fare il 100 in circa un minuto)
Volume totale massimo 10 minuti di nuoto effettivo.
Esempi:
6 o 10 x 100 stile riposo 1'30"
8 o 12 x 75  riposo 1 minuto
10 o 16 x 50 riposo 40-50 secondi
5 x (100 frazionato ai 50 riposo 10 secondi) riposo 2 o 3 minuti

Altri esempi di lavoro misto tra potenza e resistenza alla forza
5 x (8 x 50\base 1'15" + 200 sciolti + 1' minuto riposo)
2 x (16 x 50\base 1'15" + 200 sciolti +2' minuti riposo)
3 x (6 x 100\base 2'30" + 300 sciolti + 1'30" riposo)
Tutte da nuotare alla massima velocità poossibile.

Nei primi periodi (con 4 allenamenti a settimana) devi fare tre allenamenti aerobici (soglia e resistenza) e uno intenso.
Andando avanti con i mesi devi aumentare quelli intensi e diminuire quelli di soglia e quelli aerobici,poi aumentare progressivamente il carico di quelli intensi,però anche nei periodi di maggiore intensità di carico,vedi di farne sempre almeno uno aerobico come allenamento di scarico.
Nelle immediate vicinanze della gara (un mesetto) la formula buona sarebbe farne uno intenso e uno aerobico di scarico,in modo da recuperare la forma e le energie per non arrivare spompato alla gara.
Gli allenamenti aerobici e di soglia dovresti cercare di impostarli su nuotate molto lunghe e frazionamenti che si avvicinano il più possibile alle distanze obiettivo di gara,con cambi di intensità leggermente superiori o inferiori all'andatura aerobica di crociera.
Devi anche riuscire a inserire in ogni allenamento,intenso o meno,delle fasi tecniche sulla virata e delle fasi di velocità pura o addiruttura di velocità in virata.
La velocità la si allena con poche ripetute di non più di 20 secondi in velocità (dunque 25 metri o mezza vasca) seguiti da uno o due minuti di riposo,meglio se fatte con la partenza.

Infine,nelle immediate vicinanze della gara puoi provare a eseguire dei passi di gara,cioè stabilisci in modo realistico quale passo vuoi provare a tenere su una determinata distanza nelle fasi centrali della gara,poi provi ad eseguirla per un numero di volte che dia un volume totale superiore a quello della gara.
Esempi:
3 x 400 riposo 15" andatura passo di gara dell'800
5 x 200 riposo 10" passo dell'800
4 x 500 riposo 20" andatura del 1500
4 x 400 riposo 15" andatura del 1500
2 x 800 riposo 20" andatura del 1500

Ciao

PS
nota importante:gli allenamenti intensi sono pericolosi,dunque vanno eseguiti solo da chi dispone di regolare abilitazione medico sportiva agonistica (certificato).
Sia nei mesi meno intensi,sia in quelli più intensi,devi sempre inserire una settimana intera di allenamenti più leggeri,di nuoto più facile magari sulla tecnica,o comunque con l'obiettivo di recuperare le energie e di permettere al tuo organismo di adattarsi.
Nei periodi più aerobici puoi farne una di scarico dopo 3 4 o 5 di carico.
Nei periodi più intensi puoi farne una di scarico dopo 2 o 3 di carico
Prima delle gare importanti devi diminuire il carico e concentrarti sui passi di gara.
Gli allenamenti di potenza aerobica devono essere distanziati di 48 ore da quelli di resistenza alla forza e di 72 da altri di potenza aerobica;invece quelli di resistenza alla forza devono essere distanziati tra loro di almeno 48 ore.
In alternativa il secondo tra due allenamenti intensi ravvicinati deve essere dimezzato nel carico.

In generale,impara ad ascoltare i messaggi del tuo corpo per stabilire quando non sia il caso di tirare un pò i remi in barca.

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Grazie mille.

Adesso vengono fuori le domande....

Mi parli di intensità elevatissima ma anche di allenamento di potenza aerobica e non di soglia. Il rischio è che, per mantenere l'elevata intensità, alla fine faccia un allenamento in soglia.
Da che cosa capisco se sono in soglia o in resistenza? Dalle pulsazioni?

Sempre riguardo alla potenza aerobica:
se, rispetto alle serie proposte, riducessi il tempo di recupero, cosa modifico nell'allenamento? Te lo chiedo perchè in generale non amo i recuperi oltre i 30", nel senso che spesso poi non ritrovo il ritmo della serie precedente (magari questo è proprio dovuto allo stato di allenamento attuale non sufficiente, non lo so).

Grazie ancora.

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

In teoria dalle pulsazioni.
Ma se tu sai che non avresti potuto nuotare più veloce in quel lavoro,sei automaticamente certo che quello è il tuo dato attuale di potenza,a prescindere dal fatto che corrisponda anche alla soglia o che sia solo leggermente più elevato.
E' tipico di chi non dispone di un vero requisito di resistenza,avere valori di resistenza,soglia e potenza molto ma molto simili e ravvicinati.
Ecco perchè le prime volte è difficile ottenere veri lavori di potenza aerobica.

Dunque se anche il lavoro risultasse di soglia invece che di potenza,a fronte del tuo stringere i denti e cercare di tirare,nessun problema,il risultante lavoro di soglia (se non addirittura di resistenza) sarà comunque valido dato che evidentemente ne avresti avuto bisogno,e costituirà la base per riuscire a discriminare e sostenere in futuro le differenti andature.

I tempi di recupero bassi vanno bene solo nelle fasi di resistena aerobica;nelle fasi elevate c'è il primario bisogno di andare forte,dunque i recuperi aumentano.
Secondo me quando non si ritrovano i ritmi a fronte di buoni recuperi,significa che non ci si è scaldati a sufficienza e i sistemi metabolici non sono pronti.
Un buon riscaldamento deve prevedere un graduale aumento delle pulsazioni,nell'arco di diversi minuti,dopodichè occorre aumentarle ulteriormente almeno fino a poco oltre la soglia,poi devono tornare gradualmente su valori di aerobia,cioè più elevati del precedente stato di riposo.
In questo modo il leggero incremento delle pulsazioni dallo stato di riposo allo stato "aerobico" che all'inizio provoca un leggero senso di affaticamento,non viene più percepito negativamente ma viene invece accettato come stato ottimale,e si è pronti a qualsiasi lavoro.
Diversamente,se dopo un breve e inadeguato riscaldamento le pulsazioni calano,si torna a sentire affaticamento non appena le pulsazioni ricominciano a crescere anche di poco.
In pratica,se nelle fasi finali del riscaldamento non viene almeno un pò di fiatone,non si è mai veramente caldi,e gli equilibri non si trovano.

Ciao

Condividi sui social

5 (modificato da orangone 05-01-2010 11:21:00)

Re: Allenamento per 800 e 1500m

oggi ho provato l'allenamento 5x400m suggerito...ma mi sono impiantato.

Dopo il riscaldamento (500m) chiuso a circa 110bpm, sono partito con il primo scatto da 400m, fatto in 5'53" (tempo assolutamente buono per me, visto che tirando nuoto i 200m in 2'55"). Pulsazioni a circa 160-170....però, come previsto, il recupero mi ha fregato. Dopo 1 minuto avevo già le pulsazioni giù a 100...ho aspettato un altro minuto e sono ripartito. Mi sono piantato dopo 50m, con dolore al fegato...come mi succede sempre quando recupero troppo lungo...sarei dovuto ripartire dopo un solo minuto, visto che comunque i battiti erano già scesi.
A quel punto la serie è andata a ramengo..ho fatto un po' di misti e poi una serie 5x100m (su tempi 1'23", altro ottimo tempo per me, con base 1'40"), chiudendo con un totale di 2700m.

A questo punto riprovo dopodomani, tuttavia riduco il tempo di recupero, perchè sennò mi succede come sempre lo stesso inconveniente.

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Il recupero tre minuti era proposto perchè immaginavo che ci mettessi più tempo,invece chiudendo per esempio i 400 metri in meno di 5 minuti si può riposare tranquillamente anche solo 90 o 120 secondi,l'importante (la regola) è che il recupero sia sufficiente a farti ripartire forte.
Comunque piuttosto che recuperare un tempo fisso,è meglio calibrare un tempo base,e dato che passi in meno di sei minuti,direi che la ripartenza corretta sarebbe ogni 7'30" oppure 7'15" (che tra l'altro è il tempo base che uso io nello stesso lavoro) cercando di tenere l'andatura.

Lo scopo dell'allenamento di potenza aerobica è di produrre un certo accumulo di acido lattico,e di allenare poi la capacità di smaltirlo da parte degli enzimi aerobici,determinando la possibilità di produrre in gara andature aerobiche più elevate.
E' una qualità a metà strada tra l'aerobia e la forza lattacida,che assomiglia vagamente alla resistenza alla forza,ma che le si differenzia per il fatto che data la lunghezza delle frazioni (da 200 a 400 invece che 50 e 75) sei costretto ad andare per forza grazie al sistema aerobico (quello lattacido dura solo 50 secondi,poi si esaurisce e il resto lo fa l'aerobia).
Sarebbe più lunga da spiegare ma così è sufficiente a farti capire che in questo lavoro sei in vaga acidosi,e il ripartire forte non essendoci abituato ha determinato il dolore al fegato,perchè probabilmente la tua capacità di soglia (punto di equilibrio tra produzione e smaltimento del lattato) non è ancora bene sviluppata.
Dolore che si ripeterebbe in gara perchè causato dall'andatura forte,non dal riposo.
Comunque hai fatto bene a mollare in presenza di dolore,la prossima volta passa un pò più lento,col tempo la soglia migliorerà e già questo abbasserà il tuo tempo in gara,e in seguito sarai in grado di fare buone sessioni di potenza.

Ciao

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Quasi dimenticavo,
500 metri di riscaldamento per un lavoro di potenza è troppo poco,io ne faccio almeno 1800 e a volte 2500 (di più quando ho tempo)
Il riscaldamento ideale,dopo il riscaldamento iniziale di 500 o 600 metri fatti come vuoi magari anche tecnica,dovrebbe comprendere delle fasi di progressioni,cambi di velocità,sprint di alta velocità,sessioni settoriali di gambe e braccia e qualche ripetuta aerobica per trovare i giusti equilibri tecnici.
Mai partire di potenza aerobica senza avere nuotato per almeno trenta minuti (io a volte faccio una preparazione anche di un'ora),in modo da garantire che il lavoro sia davvero aerobico.
Se hai poco tempo piuttosto diminuisci il lavoro centrale,direi che per cominciare 3 x 400 (invece che 5) è più che sufficiente.

Ciao

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

e la frequenza delle gambe come deve essere in un 1500, ritmata con la bracciata o devono andare per conto loro?

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Dipende dai tuoi equilibri personali,comunque va sempre più blanda di quella che terresti in una gara di 50 metri.

Ciao

Condividi sui social

10

Re: Allenamento per 800 e 1500m

ecco l'allenamento che ho fatto oggi.

Prima cosa, ho allungato il riscaldamento a 1100m, il tempo a disposizione non mi consentiva di fare di più a meno di non fare una parte centrale troppo corta...già così ho dovuto tagliare un po' la parte finale.
Dopo 500m liberi, ho fatto una piramidale 25-50-100-200-100-50-25 a ritmo abbastanza sostenuto, tranne lo scatto dei 200m.

Completato il riscaldamento, che non mi aveva dato sensazioni molto positive (pensavo quasi a non fare la serie di potenza), ho deciso comunque di provare un 4x400m come mi hai suggerito, ma con un tempo base di 7'00".
Il primo scatto: 5'54" (con sorpresa, perchè nuotando avevo la sensazione di essere più lento, diciamo sui 6'05").
Secondo: 5'59"
Terzo e quarto: 6'02".

Commenti serie 4x400m: nel secondo scatto sono partito pensando di girare più lento, per evitare di scoppiare, quando ho visto il tempo mi sono nuovamente stupito.
Nel terzo e quarto scatto ho perso potenza e fluidità della bracciata, anche perchè è subentrata una lieve deconcentrazione, per cui nella fase di spinta in alcuni momenti ero carente, mentre per la fatica mi si è accorciata la bracciata (tanto che arrivavo a sponda con  una bracciata in più in molte vasche).
Non ho mai fatto la virata, in quanto essendo ancora in fase di perfezionamento, non mi consentirebbe di tirare così, spezzandomi il ritmo.
Sulla base di questi tempi, ritengo di avere dei buoni margini di miglioramento sui 200m.
Avendo ridotto il recupero con il tempo base 7 minuti, non ho avuto problemi di dolori al fegato.

Ho chiuso l'allenamento poi con un 500m di dorso e stile tranquillo.

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Mi sembra che hai fatto un buon lavoro.
Però la mancanza di dolore al fegato non può essere dovuta a un minore riposo,piuttosto probabilmente ti eri scaldato meglio così da far lavorare meglio il sistema aerobico.
Le virate si imparano facendole.
Non aspettare di averle perfezionate ,prima di inserirle nelle ripetute.
Falle sempre,a prescindere,se poi non ti soddisfano allora ogni tanto (dieci minuti per ogni allenamento) ti metti in un angolino e le provi con calma.

Ciao

Condividi sui social

12

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Va bene, di solito le faccio solo nella parte iniziale e finale. Dalla prox volta le faccio sempre.

Volevo chiederti....avendo la possibilità una o due volte alla settimana di fare un doppio allenamento (mattina ore 8.00 soliti 3000m e sera ore 18.00, ma solo 45 minuti a disposizione) cosa mi potrei inventare?

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Devi vederlo come un unico allenamento.
Comunque ti consiglio di non esagerare,magari potresti fare un pò di tecnica nella fase più corta.
Di sicuro non devi fare lo stesso tipo di lavoro,e nemmeno fare due volte intensità elevate nello stesso giorno.

Ciao

Condividi sui social

14

Re: Allenamento per 800 e 1500m

stai tranquillo che non esagero...adesso sono tutto carico, poi tra 3 mesi inizia la stagione della moto e perdo le motivazioni...:)

Condividi sui social

15

Re: Allenamento per 800 e 1500m

stagione della moto??

se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ci

Condividi sui social

16

Re: Allenamento per 800 e 1500m

si, quando si comincia ad andare in giro in moto, perdo parte delle motivazioni a nuotare. Ci vado sempre perchè mi piace tanto, ma perdo un po' di prestazioni...per il nuoto per me l'inverno è il periodo migliore, estate il peggiore.

Condividi sui social

17

Re: Allenamento per 800 e 1500m

proseguono gli allenamenti con buona soddisfazione...
ieri ho fatto 8x200m misti (ma con stile al posto del delfino).
oggi ho fatto come parte centrale 5x300m (frazionati ai 100m con 10" di recupero), con virate (salvo qualche vasca dove arrivavo male e quindi giravo senza virata).
Oggi avevo una bella bracciata e soprattutto un gran fiato.

Condividi sui social

18

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Stefano, sono cotto. Dopo 3 settimane a 4-5 volte alla settimana, 3000m totali di cui 2000 "tosti" (ripetute da 400 o 300 o 200) oggi ho sentito le braccia veramente pesanti.
Credo che nei prossimi giorni farò qualche allenamento di scarico, ma cosa mi suggerisci?
Sempre la stessa distanza totale a ritmi più blandi oppure riduco la distanza mantenendo ritmi più elevati?

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Ne desumo che tu nuoti senza la supervisione di un allenatore,altrimenti gli allenamenti di scarico li avresti già fatti.
Non si può nuotare per 4 o 5 allenamenti senza mettercene in mezzo ALMENO uno di scarico.
La regola più o meno è la seguente (purtroppo devo generalizzare ma in realtà cambierebbe un pò a seconda che fai aerobia,potenza o altro):
nel breve periodo (microciclo),diciamo tra i sette e i 15 giorni,comprendenti un numero approssimativo di allenamenti da 6 a 10,bisognerebbe prevedere due,tre,massimo quattro sedute di carico consecutive,e poi mettercene ALMENO una di scarico.
Intendendo per scarico una seduta con un minore fabbisogno energetico (non necessariamente meno metri,ma di solito è una buona regola):cioè se di solito fai 8 x 200,nello scarico potresti fare 2 x (6 x 100),nuotando più tranquillo,magari aumentando il riposo,oppure concentrandoti di più su esercizi tecnici.

Nel medio periodo invece (mesociclo,che può comprendere però anche più settimane,diciamo fino a 7 o 8),cioè un periodo un pò più lungo composto da due o più periodi brevi come spiegato sopra,dovresti prevedere di dosare il lavoro totale di ogni periodo breve in modo che un paio di loro,tre al massimo,risultino di buon carico,mentre almeno uno invece risulti nel complesso meno dispendioso.
Lo chiamiamo microciclo di scarico.

Nel lungo periodo (Macrociclo=alcuni mesi) dovresti fare la stessa cosa con i mesocicli,cioè il carico totale di due o tre mesocicli di buon carico deve essere seguito da un carico totale più blando nel mesociclo di scarico.

Cioè devi fare in modo di avere un'alternanza periodica tra i lavori di carico e quelli di scarico,sia tra le singole sedute,sia tra gli insiemi delle sedute (cicli).
Nei periodi di "scarico" avvengono i miglioramenti,se non li fai,ottieni solamente di prosciugarti progressivamente,senza che gli allenamenti producano alcun effetto.

Sei non sei in grado di programmarla,dato che è materia da allenatori,sarà sufficiente che tu segua le tue sensazioni,evitando di costringerti a una gran fatica quando il tuo corpo ti dice chiaramente che è ora di fare sedute di scarico.

Ciao

PS
Lo scarico alcune volte lo ottieni magari anche nuotando più forte,però con volumi molto minori e riposi maggiori.
La differenza tra carico e scarico è determinata unicamente dal totale del dispendio energetico,il quale è in funzione della relazione incrociata tra volume\intensità\recuperi.

Condividi sui social

20

Re: Allenamento per 800 e 1500m

chiarissimo, grazie. In effetti i segnali sono di rallentare un poco. La tua deduzione è corretta, mi alleno da solo.

Condividi sui social

21

Re: Allenamento per 800 e 1500m

io in vista della 12 ore di zurigo (fine febbraio) cerco di allenarmi 5 volte a settimana....cambiando sempre gli allenamenti cercando di tenere una linea diversa per ciascuno di essi: POTENZIAMENTO, TECNICA, VELOCITA , RESISISTENZA e "test sul lungo" questa domenica voglio provare un bel 10.000mt ....non sto seguendo SPECIFICI metodi di allenamento....ma cambio sempre ....puo andare bene questa linea?

24 ore di Nuoto di Bad Radkersburg 2013..... 54,9km nuotati smile

Condividi sui social

22

Re: Allenamento per 800 e 1500m

mmmm....si e no!!non te lo so dire perchè non conosco la tipologia di allenmento che fai...io in genere metto un richaimo di capacità precedente dopo il riscaldamento e centralmemente lo scopo del lavoro!!tecnica...la metto spessissimo tipo pillola sul riscaldamento...potenziamento e resistenza detti così sembrano molto generici...bisogna capire come intendi intercalarli!ti sto dando solo punti,non ti dico che io faccio bene e tu stai sbagliando wink
cambiare sempre è la cosa migliore,ma uno scopo devi averlo e non devi perderlo di vista wink purtroppo tutto questo è un po'complicato da fare da soli:non a caso esistono gli...allenatori wink

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

23

Re: Allenamento per 800 e 1500m

marina ha scritto:

mmmm....si e no!!non te lo so dire perchè non conosco la tipologia di allenmento che fai...io in genere metto un richaimo di capacità precedente dopo il riscaldamento e centralmemente lo scopo del lavoro!!tecnica...la metto spessissimo tipo pillola sul riscaldamento...potenziamento e resistenza detti così sembrano molto generici...bisogna capire come intendi intercalarli!ti sto dando solo punti,non ti dico che io faccio bene e tu stai sbagliando wink
cambiare sempre è la cosa migliore,ma uno scopo devi averlo e non devi perderlo di vista wink purtroppo tutto questo è un po'complicato da fare da soli:non a caso esistono gli...allenatori wink

bhe potenziamento intendevo dire con gli  ATTREZZI (pull e palette)  lavoro molto su questi ma non solo ovviamente ..  ultimamente li ho modificati a favore di migliorare la mia tecnica. domani faro questo da 5000mt x favorire il POTENZIAMENTO:

500 RISCALDAMENTO (STILE/DORSO)
10X50 ESERCIZI DI TECNICA
5X100 PULL
100 DORSO
4X200 PULL E PALETTE   TUTTO CON 30 "-SEC DI RIPOSO
200 DORSO
400 STILE
SCALETTA: 50/100/150/200/150/100/50- 10 SEC DI RIPOSO
800 STILE CON PULL
200 STILE E 200 DORSO COME DEFATICAMENTO


Lunedi x esempio ho fatto un 3000mt quasi tutto di tecnica eccetto riscald e defaticamento; venerdi invece allenamento sulla velocita...mentre domenica 10.000mt lunghi

24 ore di Nuoto di Bad Radkersburg 2013..... 54,9km nuotati smile

Condividi sui social

24

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Andre ha scritto:
marina ha scritto:

mmmm....si e no!!non te lo so dire perchè non conosco la tipologia di allenmento che fai...io in genere metto un richaimo di capacità precedente dopo il riscaldamento e centralmemente lo scopo del lavoro!!tecnica...la metto spessissimo tipo pillola sul riscaldamento...potenziamento e resistenza detti così sembrano molto generici...bisogna capire come intendi intercalarli!ti sto dando solo punti,non ti dico che io faccio bene e tu stai sbagliando wink
cambiare sempre è la cosa migliore,ma uno scopo devi averlo e non devi perderlo di vista wink purtroppo tutto questo è un po'complicato da fare da soli:non a caso esistono gli...allenatori wink

bhe potenziamento intendevo dire con gli  ATTREZZI (pull e palette)  lavoro molto su questi ma non solo ovviamente ..  ultimamente li ho modificati a favore di migliorare la mia tecnica. domani faro questo da 5000mt x favorire il POTENZIAMENTO:

500 RISCALDAMENTO (STILE/DORSO)
10X50 ESERCIZI DI TECNICA
5X100 PULL
100 DORSO
4X200 PULL E PALETTE   TUTTO CON 30 "-SEC DI RIPOSO
200 DORSO
400 STILE
SCALETTA: 50/100/150/200/150/100/50- 10 SEC DI RIPOSO
800 STILE CON PULL
200 STILE E 200 DORSO COME DEFATICAMENTO


Lunedi x esempio ho fatto un 3000mt quasi tutto di tecnica eccetto riscald e defaticamento; venerdi invece allenamento sulla velocita...mentre domenica 10.000mt lunghi

Ovviamente non ho esigenze specifiche a parte preparare la 12 ore ....poi x il resto faro traversate da 1500mt a 10 km..x questo pensavo che gli allenamenti andassero divisi in potenz velocita e resistenza

24 ore di Nuoto di Bad Radkersburg 2013..... 54,9km nuotati smile

Condividi sui social

Re: Allenamento per 800 e 1500m

Se vuoi fare potenziamento lascia stare le palette,molto meglio il secchiello o la maglietta.
Le palette modificano il volume della superficie di attacco della mano e ad abusarne hanno un effetto molto deleterio sulla nuotata,soprattutto per un fondista.
In cambio non danno un potenziamento veramente specifico.
Sappiate che i nuotatori di èlite le palette le usano poco,ma poco,ma veramente poco,esattamente per questo motivo,e quando le usano è perchè l'allenatore ha voglia di fare andare su un pò le pulsazioni agli atleti con input differenti dal solito.

Per gare sui 10 km,gli allenamenti dovrebbero essere strutturati dando un occhio di riguardo soprattutto alle capacità di soglia e di resistenza aerobica,lasciando tutto il resto di contorno;un contorno importante per garantire uno sviluppo equilibrato,ma cui assegnare un peso specifico minore.

Ciao

Condividi sui social