1

Argomento: Intolleranza al Cloro?

Ciao A tutti, come ho scrittto anche nella presentazione , conto fortemente sui vs. consigli per aiutarmi a superare lo stop forzato che mi sono imposto visto che dopo alcune ore che ho fatto l'allenamento in piscina sto abbastanza male a causa dei seguenti sintomi:

Infiammazione della trachea che mi porta una tosse molto fastidiosa, sintomi febbrili (cefalea, dolori articolari) e iper sensibilità ai profumi forti.

Gli effetti, che si sono manifestati dopo circa un mese e mezzo dall'inizio della pratica, si accentuano maggiormente il martedì sera ( allenamenti il Martedì sera Giovedì sera e Sabato primo pomeriggio)

Sabato scorso, dopo tre  sedute saltate, ho ripreso  e dopo poche ore sono stato malissimo al punto che se non ci sono soluzioni, mio malgrado dovrò abbandonare.

Vi prego di aiutarmi, vorrei proseguire con questo sport.

Grazie a tutti
Franco.

Condividi sui social

2 (modificato da smecucci 13-04-2010 17:54:21)

Re: Intolleranza al Cloro?

Intanto prova a vedere se sei solo tu ad avere problemi o se la cosa riguarda anche altri utenti della stessa piscina.
Casi di intolleranza al cloro ogni tanto ne sento, ma se si tratta di intolleranza vera, purtroppo non c'è soluzione, almeno che io sappia.

Puoi provare a prendere della vaselina: in farmacia generalmente puoi chiedere quella per i tatuaggi. La denominazione corretta è "VASELINA BIANCA F.U." dove F.U. sta per Farmacopea Ufficiale.

Poi ne prendi un po' sul dito e prima di nuotare te la spalmi ben bene dentro al naso cercando di coprire tutta la mucosa per quanto possibile.
Ovviamente non lo devvi attappare.. ma solo creare un velo protettivo.

A me aiuta a non starnutire troppo dopo gli allenamenti. Anche questa è una forma di intolleranza, seppure molto più leggera.

E comunque.. vista la severità della reazione, prova per un periodo breve e vedi come ti trovi.. tipo 5-10 minuti max...

Condividi sui social

3

Re: Intolleranza al Cloro?

Un consiglio: gira un pò per il forum, trovi un'altra discussione, ti potrebbe tornare utile...

Condividi sui social

4

Re: Intolleranza al Cloro?

Ciao, anche io ho un problemino col cloro, anzi due, da quando ho inserito la virata a dorso sto ancora imparando a trattenere il respiro ma capovolto a pancia in su è un pò più complicato che nella virata a crawl, contrasto l'ingresso dell'acqua ma la blocco all'altezza della gola, quindi i canali nasali comunque si riempiono d'acqua e la mia piscina ha davvero molto cloro brucia un sacco e la mattina quando mi sveglio faccio una serie impressionante di starnuti. Secondo problema la gola chiaramente si irrita un pò, spero solo non degradi le mucose nasali, qualcuno sa qualcosa???
P.S. Sono contro il tappanaso, come dice stefano credo limiti fortemente la corretta respirazione in più è fastidioso

....io preferisco nuotare....

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

paola eri tu che avevi problemi simili giusto?

se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ci

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

Seguendo quello che diceva paolac ho girato un po' per il forum...

Mi permetto di sconsigliare qualsiasi tipo di sostanza astringente per contrastare i sintomi DOPO l'allenamento.
Se c'è qualche medico nel forum, penso possa avvalorare i consigli di un chimico farmaceutico, ed IN OGNI CASO parlatene con il vostro medico di famiglia DAL VIVO.
Queste sostanze, di qualunque natura, agiscono o costringendo i vasi, il che a lungo andare provoca sindromi ischemiche delle mucose (necrotizzano.. muoiono..), o contrastando l'azione dell'istamina (antistaminici). Con il tempo divengono meno efficaci. Oltre a causare effetti collaterali non indifferenti.
Per quanto riguarda l'acqua di sirmione; contiene, tra l'altro, acido solfidrico, che è un fluidificante del muco; è ipertonica, e quindi favorisce il drenaggio.
Ma anche in questo caso, l'uso prolungato, anzi direi cronico, porta problemi, come con qualunque farmaco.

Una soluzione migliore, in caso di allergica comprovata sono i derivati dell'acido cromoglicolico, che sono stabilizzanti dei mastociti, prevengono la quasi totalità della reazione allergica e sono molto meglio tollerati. Non hanno controindicazioni particolari, ma solo generiche ed aspecifiche.
Non faccio nomi commerciali per problemi relativi alla pubblicità dei farmaci che è proibita in qualunque forma.
In ogni caso, RIBADISCO DI PARLARNE CON UN MEDICO PRIMA DI FARE QUALUNQUE TENTATIVO.

La vaselina, di cui parlavo sopra, è chimicamente una paraffina ossia "affine a poco". Una sostanza del tutto inerte. Non reagisce o interagisce con nulla. La potete usare a vita, è la base di quasi tutte le creme o pomate. E' idrofoba, ossia allontana l'acqua che per questo non viene a contatto con la mucosa, causando il problema.

Ho gia detto di PARLARNE CON UN MEDICO ?

smile

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

Qui ci sono alcune discussioni sul tema,nella seconda ci sono un paio di informazioni interessanti.
http://www.nuotomania.it/public/forum/u … php?id=696
http://www.nuotomania.it/public/forum/u … hp?id=1217
http://www.nuotomania.it/public/forum/u … 18&p=1
Leggete,ma poi andate dal medico come dice smecucci.

Ciao

Condividi sui social

8

Re: Intolleranza al Cloro?

Esattamente, ho sempre quei problemi di sensibilità al cloro, se date un'occhiata alle discussioni troverete tante opinioni e consigli. Buona lettura. Ciao

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

Confermo che allergie vere e proprie al cloro non possone esisterne, ho indugiato sul termine per esigenze di concisione e comunicazione. Volendo essere accurati, dovremmo parlare di allergie ai cloruri, dal momento che se si venisse in contatto con il cloro (che significa cloro gassoso) i problemi sarebbero ben altri.

Non si può parlare, tecnicamente, di allergie per nulla che abbia un peso molecolare sufficientemente elevato da causare una risposta immunitaria specifica, ossia produzioni di anticorpi nei confronti dell'allergene. Ma la produzione di istamina può prescindere da reazioni allergiche in quanto  è la base di partenza delle risposte immunitario a-specifiche.

Condividi sui social

10

Re: Intolleranza al Cloro?

scusa ma sei andato da un medico???

Oppiomani e nuotatori avevano la medesima tendenza a considerarsi degli esseri solitari, remoti, superiori alle menti ottuse e convenzionali; le descrizioni delle loro esperienze si avvicinano a quelle di chi ha appena esplorato un territorio ignoto, e ritorna per stupirci con le sue scoperte...
CHARLES SPRAWSON
L'ombra del massaggiatore nero

Condividi sui social

11

Re: Intolleranza al Cloro?

No, ma pensavo di andare da un medico smile

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

gianfilippo_nuoto ha scritto:

Ciao a tutti.
Sono Gianfilippo e mi sono appena iscritto.
Ho letto parecchi altri interventi riguardanti questo problema ma in molti alla fine si va leggermente OT parlando di tappanaso o proponendo rimedi a posteriori come vasellina o soluzioni fisiologiche da iniettare nelle narici.
Il mio problema è serio e si è manifestato dopo un po di tempo, non immediatamente quando ho iniziato a frequentare la piscina: febbre fino a 38.5, tosse secca al punto da quasi non poter respirare. Il tutto appare alla sera e sparisce il giorno dopo o al massimo dopo due giorni.
Dato per scontato che il problema sia il cloro, qualcuno di voi ha un rimedio preventivo, qualcosa che contrasti chimicamente questi problemi? Qualcosa di definitivo, insomma.

Inoltre il tutto è accaduto con l'avvento dell'estate, quando in piscina hanno cambiato le giornate per il nuoto libero (quello che faccio io) quindi magari è possibile che il tutto derivi da una diversa gestione della piscina stessa. Qualcuno ha dei riscontri?

Grazie mille a tutti coloro che vorranno aiutarmi.

G.

In questa discussione e nelle due che ho linkato qualche post sopra ci sono tutte le informazioni e le testimonianze portate dagli utenti del forum.
I consigli più qualificati sono quelli di Smecucci,chimico farmaceutico che purtroppo non sentiamo più da un pò di tempo.

Ciao

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

kika ha scritto:

Salve,
lo so che l'argomento e' vecchio e pure irrisolto.
Credo pero' che bisognerebbe fare qualcosa per risolverlo visto che  i sintomi sono molto diffusi da cio' che leggo nel forum e  forse .. alla fine pericolosi per la salute.
non sono medico, ma credo che :
il naso che cola, gli sternuti , la febbre etc etc..non sono sintomi naturali.
Cio' che causa questi sintomi non lo so, ma certo e' qualcosa che il cloro contiene.
Sono sicura che ci sono alternative al cloro anche se forse un po' costose, ma io preferirei pagare un po' di piu'
e godermi gli allenamenti senza soffrire ogni volta per 24 -48 ore dopo.
Perche' il ministero' della sanita' , la UISP o qualsiasi altro ente che si occupa di queste cose sta in silenzio?
Avete consigli?
vi ringrazio

Leggi sopra e anche i due link che ho postato,se ti interessa il tema.

Ciao

Condividi sui social

14

Re: Intolleranza al Cloro?

è normale avere il naso tappato appena si esce dalla piscina?

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

Se non sei raffreddato...no.

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

kika ha scritto:

Ne ho lette 3000 discussioni sul tema. Ho solo sbagliato posto.
cmq ci sono anche altre possibilita' oltre l'ozono:

http://www.mirani.it/italiano/ionizzatori_rame_argento.html
e non credo questo sia molto costoso.
ciao

Si è interessante mi pare di averne già sentito parlare ma non ne sono molto informato.
Comunque quella è una pagina promozionale e come tale va presa con le molle perchè è noto che in questi casi la porta è sempre aperta alla menzogna.
Infatti alla fine dice:
"Il cloro causa reazioni allergiche a pelle e occhi"

E' una balla colossale,le allergie al cloro non esistono,come è ben spiegato nelle discussioni che ho linkato,e i problemi che determina hanno una natura differente e tra l'altro non riguardano tutti indiscriminatamente come invece sembra suggerire quella frase.
E dove c'è un balla è facile che ce ne sia qualcun altra.
Del resto le società sportive che gestiscono gli impianti sono tutte vincolate ad un bilancio,e di spese ne hanno già a bizzeffe,e se continuano a scegliere il cloro forse (e sottolineo forse....) non sarà la scelta igienicamente migliore,ma di sicuro significa che il tornaconto economico rispetto alle altre scelte ce l'hanno eccome.

Ciao

Condividi sui social

17

Re: Intolleranza al Cloro?

Grazie Stefano,
e cmq il rame ionizzato lo usano in tante piscine all'estero e funziona benissimo.
quando ero all'estero nuotavo in queste piscine e non avevo mai i sintomi collaterali di cui leggo siamo in tanti.
Sono d'accordo con te che le allergie al cloro forse non esistono ma allora che cosa causa questi sintomi di cui molti ci lamentiamo?
L'Italia si sa' e' sempre l'ultima ad arrivare a soluzioni geniali...
e la scusa e' sempre quella del costo.
Forse se gli enti sportivi s'informassero per bene sul rame ionizzato scoprirebbero che il costo vale la candela?
Per quel che ne so io, basta cambiare i filtri, una spesa si ma alla fine saremmo tutti piu' contenti e piu' in salute.
Vedremo, il tempo lo dira'.
grazie per ora di tutto

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

I disturbi e le irritazioni sono appunto disturbi,che riguardano soltanto le mucose delle zone interessate e si risolvono nei modi indicati da Smecucci.
Le allergie invece sono altro,e riguardo al cloro sono impossibili per il semplice fatto che il cloro è uno dei nostri componenti organici e NON PUO' essere incompatibile con la nostra natura.
Quanto al resto finchè non interviene il ministero della Sanità a dire qualcosa di differente,le società saranno libere di fare le scelte commerciali che vogliono,che siano in linea sia coi vincoli di bilancio sia coi dettami di salubrità pubblica,come lo sono quelle circa l'uso del cloro.

Ciao

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

Vi riporto una mia esperienza personale. Verso maggio, dopo gli allenamenti, cominciavo a dovermi soffiare il naso spesso e, nel pomeriggio i sintomi diventavano quelli di un potente raffreddore che regredivano completamente l'indomani. Ho provato con gli antistaminici ed ho riscontrato un discreto beneficio. Da poco il problema si ė ripresentato in maniera prepotente e gli antistaminici sono diventati perfettamente inutili. Ho una deviazione al setto che crea le complicanze di routine e sono un soggetto con intolleranze alle polveri. Mi sono messo a cercare su internet ed alla fine ho capito che poteva essere una rinite vasomotoria. Ho provato dello spray nasale (aircort) ed ho provato finalmente la gioia di non subire più gli effetti del dopo piscina. Non sono un medico e ciò che è stata una soluzione per me potrebbe non esserla per gli altri ma credo valga la pena di approfondire. Buone vasche a tutti.

Condividi sui social

20

Re: Intolleranza al Cloro?

Ciao,

mi sembra che questa discussione non sia stata linkata:

http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?id=518&p=1

L'epilogo della storia (per quanto mi riguarda) era questo:

Piscis99
09-12-2011 18:03:18
Per Tiziano e gli altri,


rispondo quì che è la discussione più lunga ed interessante.

Sei per caso allergico? hai fatto una visita dall’otorino?

Le cause del tuo malessere potrebbero essere diverse.

A me succede (spulciati questo thread) che dopo 3 o 4 anni senza problemi ho sviluppato (forse) un'intolleranza alle cloramine. (http://www.medicitalia.it/consulti/Alle … a-al-cloro)

Dopo ogni lezione di nuoto, trascorsa qualche ora starnutivo a raffica e non riuscivo a dormire; il giorno dopo e fino alla sera era un bel casino.

Ho provato quanto consigliato da Smecucci sulla discussione che segnalava Stefano; vaselina/sodiocromoglicato/tappanaso/omeopatia, ecc. senza apprezzabili miglioramenti (forse il sodiocromoglicato aiuta ma in modo molto marginale, almeno per quanto mi riguarda).

Ho visitato un paio di otorini che mi hanno suggerito degli spray cortisonici.

Questi si che funzionavano! ma nn mi garbaba tanto usare 12 volte al mese quella roba.

Alla fine della fiera ho fatto una vistica allergologica con tanto di prick-test, bells & whistles.
Dai test è emerso che sono principalmente allergico ai peli di gatto, alla muffa ed ai cipressi. I sottoprodotti risultanti dalla mollecola cloro+sudore+pipì+ecc scatenavano in me questa forte reazione infiammatoria.

Mi hanno prescritto un blando antiistaminico (ebastina) a digiuno ed uno spruzzo di un corticoide molto leggero per narice prima delle nuotate.

Ho risolto completamente con il tappanaso (che da solo non funzionava al 100%) più l'ebastina al risveglio abbandonando completamente il corticoide.

Del cloro made in China nn sò cosa dire; mi è capitato di nuotare pure là  (forse c'è cloro cinese buono e meno buono) ma non ho notato nulla di particolare.

Ultima modifica di Piscis99 (13-12-2011 07:09:50)

Per Filippo Carlo:
quando ancora usavo i corticoidi mi avevano cambiato Aircort per Avamys; ques't ultimo dovrebbe essere molto piú leggero ma cmq efficace: informati dal tuo otorino. E se possibile NON usarli piú.

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

Grazie a Filippo Carlo per la testimonianza,e grazie anche a Piscis per il link che ci era sfuggito a causa del titolo della discussione dove non compare la parola "cloro" (è per questo che insisito a concentrare i post nelle discussioni pertinenti)
L'ho inserito insieme agli altri nel mio post originario.

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

PS
Tengo a precisare che il Cloro utilizzato per disinfettare le piscine,e le Cloroammine di cui parla piscis nel suo post non sono la stessa cosa.
Il cloro viene rilasciato nell'acqua allo scopo di aggredire le schifezze ivi rilasciate dai corpi degli utenti (lavatevi bene e col sapone prima di entrare,e usate costumi e cuffie ben puliti),e quando ciò avviene viene generata una molecola chiamata cloroammina,immaginatela come una molecola di cloro sporcata dalla schifezza che ha neutralizzato,che resta nell'acqua fino a che non viene smaltita dall'impianto di ricircolo dell'acqua.
Ebbene sono queste,e non invece il cloro libero nell'acqua,ad infastidire la maggior parte della gente che soffre di irritazioni in vasca.
E questo capita soprattutto negli impianti dove la velocità di ricircolo dell'acqua non è adeguata allo smaltimento delle cloroammine,ovvero al numero di utenti nell'unità di tempo....
(le migliori sono quelle dove si verifica un ricircolo completo ogni 4 oppure ogni 6 ore,e permettono dunque un continuo afflusso di una buona dose di acqua nuova mantenendo un discreto grado di salubrità)....
Quando questo capita l'afflusso di acqua pulita non è all'altezza della quantità di acqua "usata e sporca" e allora aumenta la concentrazione di cloroammine a arrivano i problemi alle mucose.
Se in una piscina sentite un forte odore di cloro (come in tutte le piscine negli anni 70 quando gli impianti ricircolavano in tempi superiori alle 8 ore),ebbene quello non è il cloro libero nell'acqua che invece è abbastanza inodore,sono bensì le cloroammine che invece puzzano eccome.
Se nella piscina dove soffrite di irritazioni sentite quell'odore,sappiate che il vostro problema non è causato dal cloro ma dalla scarsa pulizia dell'acqua di quella piscina.

Ciao

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

Piscis ti ringrazio del consiglio. Purtroppo gli effetti collaterali del cortisone sono deleteri.
Come hai risolto?
Mi piacerebbe tanto non dovermi rassegnare ad usare il tappanaso.
Anche oggi, grazie a quel medicinale, sono libero dall'assillo del dopo piscina.

Condividi sui social

24

Re: Intolleranza al Cloro?

CiaoFilippo,

Kestine 10mg liofilizzato orale (ebastina) a stomaco vuoto appena alzato.
e questo quí: http://www.nuotomaniashop.it/nuotostore/accessori-nuoto-piscina/268-tappanaso-speedo.html

Lo regolo in modo che l'aria possa uscire dal naso ma non entrare.

Le alternative erano:
A) spray corticoidei
B) non nuotare piú...

Condividi sui social

Re: Intolleranza al Cloro?

Grazie Piscis.
Ho già usato, in passato, Kestine in pastiglie sublinguali con discreti risultati.
Escludendo decisamente l'ipotesi di non nuotare più, in attesa di convincermi psicologicamente sull'uso del tappanaso, valuterò una sana discussione con i gerenti dell'impianto dove nuoto affinché, come giustamente evidenzia Stefano, accelerino il ricambio dell'acqua.
Tra breve, una delle aziende che rappresento, completerà la gamma con prodotti per piscina; gli proporrò un compromesso tra prezzo estremamente vantaggioso dei prodotti e ricambio acqua. ;-)
Grazie ancora e buona giornata.

Condividi sui social