1

Argomento: Gravidanza

Buongiorno a tutti,
sono Popetta e sono al termine del 4 mese della mia prima gravidanza.

Volevo chiedervi fino a quando mi consigliate di nuotare e con che frequenza e intensità.

Sono sempre stata sportiva in passato, ma ho praticato sempre più corsa che nuoto.

Da quando so di essere incinta mi sto impegnando nel correre meno e nuotare di più.. trovo davvero beneficio nel nuoto.. e non mi sento pesante come correndo..il mio livello è sempre stato tecnicamente assolutamente mediocre..ma ho una buona resistenza che mi viene dalla corsa..

Tuttavia volevo sapere se ci sono dei limiti in termini di intensità, frequenza e durata.

Nel senso, fino a quando posso andare avanti a nuotare?

Fino alla fine?

Io sto bene, al momento frequento la piscina 2/3 volte alla settimana facendo MOLTO lentamente circa 2,5 km in un ora e un quarto. Praticamente quello che facevo prima (ma più velocemente)
Grazie

Popetta

Condividi sui social

Re: Gravidanza

In teoria si può andare avanti fino quasi alla fine,però chiaramente non puoi nuotare come prima,mano a mano che procede la gravidanza.
Esistono corsi specifici per le gestanti,tenuti da personale appositamente preparato e in grado di proporti tutta una serie di esercizi da fare mano a mano che le nuotate tradizionali diventano meno opportune.
Te li consiglio perchè hanno l'obiettivo di aiutarti a rilassare il perineo (chiedi al ginecologo,se non sai cos'è),cosa che sarà molto ma molto utile al momento decisivo.
Informati presso le piscine della tua zona.

Ciao

Condividi sui social

3

Re: Gravidanza

ciao!auguri...dipende molto dalle condizioni in cui sei sia come atleta che come gravida wink
ottimi  i corsi di cui parla stefano,ma tante volte non sono allenanti...
puoi nuotare quanto vuoi e quand vuoi!!!puoi anche stancarti...le "mie"gravide in genere nuotano fino all'ultimo....non ci sono liliti di sorta:ti guida il buon senso e..l'istinto!
AUGURISSIMI DA PARTE DI TUTTI NOI!!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Gravidanza

Una mia amica si è fatta i regionali di lignano a metà febbraio,ha fatto i cento stile libero in soli due o tre secondi più del suo tempo (1'06"),e ha partorito attorno al dieci aprile !!!!

Condividi sui social

Re: Gravidanza

Grazie ragazzi, ho seguito i vostri consigli.
Ho chiesto informazioni relativamente ai corsi di cui parlava Stefano..ma in questo periodo non li organizzano , poi ci sarà l'estate..e poi ..SARA' TROPPO TARDI!
Volevo chiedervi, se secondo voi posso frequnetare un corso NORMALE di nuoto nel epriodo estivo (durata 1 mese e mezzo fino a luglio - corso adulti - livello medio).
Ho paura che dato il mio stato (lo frequenterei tra il 5 e il 6 mese) non mi facciano iscrivere..voi cosa dite? Sono di Milano e sto parlando dei corsi estivi del comune

Grazie
Popetta

Condividi sui social

Re: Gravidanza

Dovrebbero iscriverti tranquillamente,tu assicurati però di ascoltare il tuo corpo.

Ciao

Condividi sui social

7

Re: Gravidanza

ma non ci sono problemi di sorta!!vedraiche ti accetteranno...se non ti accettano o il corso è tropo frequenaato o l'istruttore non è competente in materia  si spaventa ad ammetterti!!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Gravidanza

Tieni presente che l'accrescimento del bimbo avviene in modo consistente ad iniziare dall'ottavo mese, quindi tra il 5° ed il 6° non dovresti avere grossi problemi di "ingombri" ... smile
Io ho avuto mia figlia a 35 anni e sono andata in bicicletta fino alla fine del 7° mese ... tutto dipende da come ti senti e soprattutto, come dice Stefano, "ascolta il tuo corpo" che ti saprà guidare in questa meravigliosa esperienza e ti darà i segnali e le senzazioni migliori.
Auguroni!

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

9 (modificato da paolac 28-05-2011 08:19:45)

Re: Gravidanza

Ciao a tutti, parlando con donne che aspettano un bimbo girano alcune leggende metropolitane: la prima è che non si può nuotare in gravidanza ma fare solo acquagym(io mi suicido se mi chiedono di farla!), la seconda è che è pericoloso nuotare a rana e a delfino e fare le virate; la terza è che bisogna nuotare piano piano, ma se una persona è allenata non può andare ad un ritmo un pò più spedito? Qual'è la verità e quali sono solo leggende?
Spesso sento dire: me l'ha detto il ginecoloco! Si ma se il ginecologo non ha mai nuotato e non sa niente di questo sport come può dare dei consigli? Una ragazza che nuota in piscina, ha continuato a nuotare con gli agonisti fino al parto e ha ricominciato subito dopo(fortunata!).
Aspetto risposte sono cuoriosa...Ciao

Condividi sui social

Re: Gravidanza

La verità è che sono tre stronzate,e scusate il neologismo.
E' vero che alcuni ginecologi dicono di stare lontani dal nuoto,ma lo fanno solo quelli che non conoscono le implicazioni del nuoto nei confronti della gravidanza,e piuttosto che dire alla paziente "non lo so" (sai che figura....) preferiscono stare dalla parte del sicuro e dirti di evitare.

La verità è che il nuoto,fatto naturalmente con le dovute cautele,permette di rilassare il perineo,e le gestanti (o per lo meno i loro ginecologi) dovrebbero sapere quanto esso sia importante durante il parto;senza contare tutti i benefici in termini di rilassamento del diaframma e di controllo della respirazione.
Tanto è vero che esistono centri specializzati nel nuoto per le gestanti.
Uno molto noto nel Veneto è quello di Mestre-o giù di lì-della dottoressa Elisabetta Pusiol,che tra l'altro gestisce approfondimenti sul tema gestanti-bebè-terza età-handycap per conto della FIN.
Io stesso ho seguito un corso in proposito tanto tempo fa,e ti garantisco che la moderna ginecologia si serve tantissimo del nuoto,in considerazione del fatto che (come testimoniato da tante gestanti) i momenti in acqua a gravità zero sono un toccasana per la schiena,spossata da ore in piedi con quel fardello sul ventre.
Le nuotate vanno bene tutte,a patto di restare in un ambito metabolico di leggera aerobia per evitare stress e traumi,molto indicata la nuotata a rana perchè il lavoro di gambe a rana e su tutta una serie di esercizi statici e dinamici,basati sul movimento di gambe a rana in varie forme,influisce positivamente sul rilassamento del perineo.
Ai corsi è prevista anche la partecipazione del marito,cui spetta il compito di aiutare la donna in esercizi molto importanti da fare in coppia per il rilassamento,soprattutto con l'avvicinarsi della data del parto.

Ciao

Condividi sui social

11

Re: Gravidanza

stefano '62 ha scritto:

La verità è che sono tre stronzate,e scusate il neologismo.
E' vero che alcuni ginecologi dicono di stare lontani dal nuoto,ma lo fanno solo quelli che non conoscono le implicazioni del nuoto nei confronti della gravidanza,e piuttosto che dire alla paziente "non lo so" (sai che figura....) preferiscono stare dalla parte del sicuro e dirti di evitare.

La verità è che il nuoto,fatto naturalmente con le dovute cautele,permette di rilassare il perineo,e le gestanti (o per lo meno i loro ginecologi) dovrebbero sapere quanto esso sia importante durante il parto;senza contare tutti i benefici in termini di rilassamento del diaframma e di controllo della respirazione.
Tanto è vero che esistono centri specializzati nel nuoto per le gestanti.
Uno molto noto nel Veneto è quello di Mestre-o giù di lì-della dottoressa Elisabetta Pusiol,che tra l'altro gestisce approfondimenti sul tema gestanti-bebè-terza età-handycap per conto della FIN.
Io stesso ho seguito un corso in proposito tanto tempo fa,e ti garantisco che la moderna ginecologia si serve tantissimo del nuoto,in considerazione del fatto che (come testimoniato da tante gestanti) i momenti in acqua a gravità zero sono un toccasana per la schiena,spossata da ore in piedi con quel fardello sul ventre.
Le nuotate vanno bene tutte,a patto di restare in un ambito metabolico di leggera aerobia per evitare stress e traumi,molto indicata la nuotata a rana perchè il lavoro di gambe a rana e su tutta una serie di esercizi statici e dinamici,basati sul movimento di gambe a rana in varie forme,influisce positivamente sul rilassamento del perineo.
Ai corsi è prevista anche la partecipazione del marito,cui spetta il compito di aiutare la donna in esercizi molto importanti da fare in coppia per il rilassamento,soprattutto con l'avvicinarsi della data del parto.

Ciao

Grazie della risposta, la girerò ad altre donne che mi hanno chiesto di informarmi bene su questo dilemma, visto che dopo il mio corso di nuoto spesso incrocio gestanti che mi confidano anche le loro paure. Pensa che una mia amica ranista, l'anno scorso era in attesa e si è privata di fare rana perchè il ginecologo e l'istruttrice gli avevano sconsigliato di farla. Ora che è mamma non ha più il tempo di andare a nuotare e ha dovuto passare mesi a fare solo stile libero e dorso a ritmo da lumaca! Certo che essere circondati da persone ignoranti è una brutta cosa. Vorrei segnalare che anche a questa pagina ho letto che è assolutamente proibito fare delfino http://www.swimmershop.it/nuoto/nuoto_e_gravidanza.php. Comunque è giusto iniziare questo tipo di discussioni perchè sicuramente saranno utili alle future mamme specie se nuotatrici esperte o agoniste, sapere ciò che puoi fare e ciò che non puoi è molto importante per sfatare le classiche leggende metropolitane. Ciao

Condividi sui social