Argomento: Dubbi sulla mano nello stile libero

Allora il problema è che non riesco a capire a stile libero come deve entrare la mano in acqua.
IO all'inizio facevo la bracciata con il palmo della mano rivolto verso l'esterno(quindi entrava per primo il pollice), poi l'istruttore mi ha corretto e ha detto che la mano deve entrare diritt(quindi palmo rivolto verso il fondo della piscina).
Oggi un'altra istruttrice mi ha corretto dicendo che doveva entrare prima il pollice, mandandomi in confusione.
Quindi chiedo agli utenti del forum come deve entrare in acqua sta benedetta mano?

Un'altra cosa che volevo chiedere è come tenere le dita della mano.
Bisogna tenerle unite l'un l'altra o è meglio far passare l'acqua attraverso?

Condividi sui social

2

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

le dita devono essere tenute unite ma non serrate nn so se rendo l'idea, devi cmq sentire l'acqua scorrere tra di loro, per quanto riguarda quello che c'è scritto sui libri FIN  ad entrare in acqua per primo è il pollice ne consgue una leggera inclinazione della mano di 45 gradi se non ricordo male nn vorrei aver dett una cavolata sembra di ricordarmi sto numero, va da se che questo è la corretta esecuzione di uno stile la realtà è diversa anche io quando nuoto mi dimentico dei 45 gradi ed entro con lapunta delle dita direttamente in presa ed è un opinione diffusa da parecchi allenatori, per esempiose vedi atleti di altissimo livello per farti un esempio bousquet il modo in cui nuota e nn solo lui entra proprio in questo modo in presa, il consiglioc he sento di darti  di nn fissarti tanto sull'agolazione della mano tra le 2 tecniche non credo ci siano enormi differenze, lascio la parola a coloro che ne sanno di più smile

Condividi sui social

3

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

è ilpalm che spinge in realtà...le dita hanno un'importanza molto marginale:per verificare guardate una ripresa subacquea di Rosolino:ha la mano praticamente aperta in fase di spinta e la nuotata è un po'"sincopata"...ma la sua grandisima sensibilità gli consente di spingere!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Qualcuno smile giorni fa consigliava di porre la mano fuori dal finestrino dell'auto in corsa per capire come vanno tenute le dita.

1) AUT DISCE, AUT DISCEDE
2) Azzoppare il cavallo pensante....questo

Condividi sui social

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Domenico990 ha scritto:

Allora il problema è che non riesco a capire a stile libero come deve entrare la mano in acqua.
IO all'inizio facevo la bracciata con il palmo della mano rivolto verso l'esterno(quindi entrava per primo il pollice), poi l'istruttore mi ha corretto e ha detto che la mano deve entrare diritt(quindi palmo rivolto verso il fondo della piscina).
Oggi un'altra istruttrice mi ha corretto dicendo che doveva entrare prima il pollice, mandandomi in confusione.
Quindi chiedo agli utenti del forum come deve entrare in acqua sta benedetta mano?

Le mani nel nuoto non esistono.
Esistono le braccia,delle quali le mani sono solo l'ultimo pezzo.
Si dice fare una bracciata,non una manata.
(per lo stesso motivo,esistono le gambe che fanno gambate,e non pedate).
Traduzione,non ci pensare.
Tu pensa solo che il braccio va a prendere acqua e la spinge sotto alla pancia,e non fa nessun tipo di pausa.
Basterà questa idea a far si che la mano faccia la sua parte,molto meglio di qualsiasi saturazione di informazioni precoci e inopportune (giuste o sbagliate,l'eccesso di informazioni fa solo dei grandissimi danni).

Solo in seguito,nel momento in cui si curano i particolari,allora si può pensare di controllare che le mani entrino a partire dalle dita (invece che con il polso,per esempio).
La mano può essere indifferentemente piatta oppure con pollice che entra per primo,non ha nessunissima importanza,quello che conta è ciò che farai sott'acqua (spingere).
Non ho mai visto squalificare qualcuno perchè in gara entra con il dito sbagliato ( big_smile ).
(Invece ho visto squalificare gente perchè nuotava con la pausa,per esempio)

Ciao

PS
mentre sei in auto prova a mettere una mano fuori dal finestrino e a contrastare il vento con il palmo della mano.
Prova a tenere le dita larghe a rastrello,poi chiuse e durissime e poi chiuse ma leggermente staccate in modo da far filtrare uno spiraglio di luce tra di esse.
Poi prova a tenre il pollice attaccato e poi invece separato.
Poi prova a tenere le mani piatte,oppure a cucchiaio,oppure molto convesse.
Ti accorgerai subito qual'è la soluzione che offre più resistenza,e che dunque spingerà acqua più concretamente.

Condividi sui social

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Thorpe ha scritto:

per quanto riguarda quello che c'è scritto sui libri FIN  ad entrare in acqua per primo è il pollice ne consgue una leggera inclinazione della mano di 45 gradi se non ricordo male

Io non ho mai visto nessun libro FIN dove ci sia scritto con quale dito entrare in acqua (a parte il mignolo per il dorso).
Non è che sia sbagliato dato che è una richiesta comune quando voglio eliminare un errore di incrocio di braccia;il punto è che invece nel nuoto evoluto si chiede all'agonista di entrare piatto per massimizzare l'effetto della portanza (cose infinitesimali per atleti ultra evoluti).

Ma soprattutto attenzione alla storia dell'inclinazione della mano.
Non è che il braccio debba stare diritto e la mano mettersi come il muso di un concorde.....
La mano deve entrare inclinata ma allo stesso tempo essere indicativamente in linea con il braccio.
La storia dei 45 gradi serve solo a stimolare una posizione a gomito più alto della mano nel momento in cui la mano entra in acqua;diversamente cadrebbero in acqua insieme,grave errore che emerge in chi non dispone di una buona mobilità di spalle e non riesce ad elevare le braccia.

Ciao

Condividi sui social

7

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

si sta scritto sul libro di istruttore 1 che ho a casa e uscì pure una domanda all'esame (la parte a crocette) relativa  a sto fatto anche se cmq lo stesso prof ci disse di prendere con le pinze determinate notizie spesse messe li così.... smile

Condividi sui social

8

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

sti manuali qualche corbelleria la riportano... hmm

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Oggi mentre nuotavo con le palette pensavo che chi ha una mano grande può essere avvantaggiato rispetto a chi ne ha una normale ma se non ha la muscolatura giusta dell'avambraccio, delle spalle e dei dorsali i vantaggi possono svanire.

E qui la mia domanda: gli esercizi di sensibilità riguardano solo la mano mentre per tutto il resto del braccio sono importanti esercizi di potenziamento?

Ragiono a sentimento perchè comunque la superficie delle mani è più grande degli avambracci.

1) AUT DISCE, AUT DISCEDE
2) Azzoppare il cavallo pensante....questo

Condividi sui social

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

La sensibilità concerne la sfera nervosa (cioè delle terminazioni nervose dei muscoli),quindi interessa qualsiasi centimetro di pelle del nostro corpo,con obiettivi che vanno dalla propulsione all'equilibrio alla tecnica in generale.
Per scopi strettamente propulsivi si parla non solo di mani,bensì di braccia (e gambe,naturalmente).
Per esempio nuotare con i pugni è un'esercizio di sensibilità per gli avambracci,uno dei cui scopi è stimolare una presa di mano profonda con avambraccio inclinato (traduzione,presa a gomito alto).

Ciao

Condividi sui social

11

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

la sesibilità appunto è allenabile con esercizi specifici..

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Grazie a tutti per le risposte.
Ho seguito il consiglio di entrare con la mano inclinata a 45 gradi e dopo un paio di lezioni di adattamento mi sembra già di andare più veloce smile
Ora mi concentrerò su come piegare il braccio e su come eliminare le pause che faccio quando respiro :\

Condividi sui social

13

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

E' grosso modo corretto il fatto che per una nuotata base non sia importante come la mano entri in acqua, perchè le priorità sono davvero altre. Però bisogna stare attenti a non commettere errori gravi che possono anche portare ad infortuni. E' stato ritenuto per anni che la mano dovesse entrare col pollice per favorire un certo tipo di presa subacquea ed anticipare una certa traiettoria della mano durante la bracciata, da quanlche anno è assodato nel mondo che tale credenza ha portato molti problemi alle spalle, a prescindere dalla sua efficacia che al tuo livello non interessa. Quindi, fai un po' come ti pare ma se non vuoi commettere un grave e riconosciutissimo errore, dato che il problema te lo sei posto, non entrare col pollice ma con la punta delle dita.

Ciao

Condividi sui social

14

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Ho sempre pensato che le dita andassero tenute ben serrate, cercando di imitare un pò una paletta e tutte le volte che sentivo qualche dito aprirsi un pò sott'acqua pensavo "ecco.. ho spinto di meno"... Questo forum è una fucina di informazioni big_smile
Facendo una ricerca in rete mi sono anche imbattuto in questa pagina http://virtualblognews.altervista.org/il-segreto-per-nuotare-piu-veloci-avere-le-dita-delle-mani-leggermente-divaricate-video/25813340/ in cui probabilmente si arriva anche a dare eccessiva importanza alla posizione delle dita, però se avessi letto quelle parole prima di aver letto questa discussione del forum probabilmente le avrei bollate come castronerie big_smile

Condividi sui social

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Oltre al forum, c'è anche il blog tecnico del sito:

http://www.nuotomania.it/public/blog/

e, nello specifico, questo che parla della mano:

http://www.nuotomania.it/public/blog/index.php/2013/02/posizione-dita-mano-bracciata-nuoto/

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

16

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Thanks!

Condividi sui social

17 (modificato da allievo 15-06-2014 10:12:27)

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

pensa quanto idee e concetti sbagliati abbiamo noi neofiti e non c'e ne rendiamo neanche conto hmm ...fino a oggi credevo che in cima alle dita ci fossero terminazioni nervose che  ci permettessero di ricevere una serie di imput cinestetici importanti, motivo per cui credevo che  fosse importante per una maggiore sensibilita entrare in presa con tutte le dita della mano (in sostanza con il palmo rivolto verso l acqua), leggendo qua apprendo che non c'e grossa differenza (ai fine dell efficacia della presa e a questo punto anche a livello cinestetico )nell andare in presa con il pollice piuttosto che con tutte le dita...
Interessante e curiosa la soluzione di far andare in presa a 45° per favorire il recupero a gomito alto...effettivamente  l intrarotazione della mano permette un innalzamento spontaneo del gomito rispetto alla mano big_smile
Una cosa che mi sfugge e' questa, come andare in presa con il pollice possa risolvere il problema di chi durante appunto il recupero e appunto la presa, vada oltre la linea della spalla corrispondente e quindi finisce con l incrociare la bracciata...?

stefano '62 ha scritto:
Thorpe ha scritto:

per quanto riguarda quello che c'è scritto sui libri FIN  ad entrare in acqua per primo è il pollice ne consgue una leggera inclinazione della mano di 45 gradi se non ricordo male

Io non ho mai visto nessun libro FIN dove ci sia scritto con quale dito entrare in acqua (a parte il mignolo per il dorso).
Non è che sia sbagliato dato che è una richiesta comune quando voglio eliminare un errore di incrocio di braccia;il punto è che invece nel nuoto evoluto si chiede all'agonista di entrare piatto per massimizzare l'effetto della portanza (cose infinitesimali per atleti ultra evoluti).

Ma soprattutto attenzione alla storia dell'inclinazione della mano.
Non è che il braccio debba stare diritto e la mano mettersi come il muso di un concorde.....
La mano deve entrare inclinata ma allo stesso tempo essere indicativamente in linea con il braccio.
La storia dei 45 gradi serve solo a stimolare una posizione a gomito più alto della mano nel momento in cui la mano entra in acqua;diversamente cadrebbero in acqua insieme,grave errore che emerge in chi non dispone di una buona mobilità di spalle e non riesce ad elevare le braccia.

Ciao

se vuoi puoi tutto il resto sono scuse big_smile

Condividi sui social

18

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Infatti non risolve,può aiutare ma sempre da valutare caso per caso..

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Ho avuto un'allieva molto brava che entrava con il polso ed il palmo in avanti, io glielo feci notare e cercai di correggerla senza insistere troppo, poi passò in corsia e lì mi aspettavo che ci avrebbe pensato il suo nuovo istruttore, tra l'altro per paura che pensasse che io non l'avessi notato gli dissi di questo problema della presa mancata e lui mi rispose che non gli interessava niente di come entrava con la mano; allora forse, leggendo anche qua sopra, sono stata troppo precipitosa io a dare importanza a questo aspetto? Avevo pensato che correggendola subito non avrebbe rischiato di automatizzare .....cmq il mio collega era pure un po' svogliato perché io le avevo insegnato pure la virata, essendo molto brava, e lui neanche gliela faceva fare ....a nessuno! La domanda è, quando bisogna porre attenzione all'entrata della mano?

Condividi sui social

20

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Quando influisce negativamente sulla continuità della bracciata!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Quindi, se non si verificasse nessun disturbo nella continuità della bracciata, va bene lasciarla stare anche in futuro?

Condividi sui social

22

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Ma si....priva comunque a correggerlo ma se vedi che la correzione inficia la nuotata lascialo fare!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

23 (modificato da allievo 18-06-2014 14:00:49)

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

Ma ciò che credevo Marina, (ossia che era preferibile andare in presa con il palmo della mano rivolto verso l acqua e entrare prima con tutte le dita in quanto in cima ad esse si trovano un terminazioni nervose che ci danno una una miriade d "informazioni" cinestetiche utilissime)e un concetto sbagliato? Riflettendoci però  è anche vero che la parte cinestetica delle dita al momento Dell ingresso in acqua non cambia molto se la mano e intraruotata di 45° (rispetto al palmo verso l acqua).. entra prima il pollice ma poi il resto delle dita immediatamente dopo...Mah...per non fare troppa confusione aspetto tuoi autorevoli lumi in merito. big_smile
Grazie come sempre

marina ha scritto:

Infatti non risolve,può aiutare ma sempre da valutare caso per caso..

se vuoi puoi tutto il resto sono scuse big_smile

Condividi sui social

24

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

La sensibilità all'acqua e'compito del palmo non delle dita:vedi Rosolino che nuota coi palmi delle mani praticamente aperti e ti rendi subito conto.

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

25

Re: Dubbi sulla mano nello stile libero

smile

marina ha scritto:

La sensibilità all'acqua e'compito del palmo non delle dita:vedi Rosolino che nuota coi palmi delle mani praticamente aperti e ti rendi subito conto.

se vuoi puoi tutto il resto sono scuse big_smile

Condividi sui social