Argomento: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Buonasera a tutti,
sono nuovo nel forum ma lo seguo ormai da qualche anno, mi chiamo Riccardo ho 31 anni, faccio triathon da un paio di stagioni. Il nuoto.... la mia frazione peggiore. Mi sono deciso a linkare il mio video qui per ricevere qualche dritta specie nel crawl. Ogni consiglio e critica sono ben accetti!
Sui 100m ho 1.20 senza tuffo e in gara sui 1500m con muta ho 26 abbondante come miglior tempo, mi alleno tre volte a settimana, ora lontano dalle gare mi dedico un po anche agli altri stili dove logicamente sono piu indietro.

Grazie

http://www.youtube.com/watch?v=ocYRr0Hhark&feature=youtu.be

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Ogni consiglio e critica sono ben accetti!

come antipasto io toglierei orologio e braccialetto

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Dal video si vede poco ma dico la mia:
CRAWL: nulla da dire, tiri tanta acqua.
RANA: il recupero della bracciata dovrebbe essere più veloce.
DORSO: hai da lavorarci tanto, ma tanto tanto.

Ciao

1) AUT DISCE, AUT DISCEDE
2) Azzoppare il cavallo pensante....questo

Condividi sui social

4 (modificato da nove 19-12-2011 22:37:31)

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Ciao,
sono un amante del nuoto, non un istruttore, e visto che chiedi eccoti i miei pensieri in libertà e accettali per tali.

Premessa, concordo con Mario si vede poco ! diciamo che si intravede, quindi si percepisce. Sicuramente Stefano e altri hanno un occhio + allenato del mio per questo.

Stile: muovi troppo la testa, io cercherei di tenere lo sguardo fisso sotto, questo movimento fà sbandare il resto del corpo rendendo meno performante la nuotata e alla lunga questo lo paghi.

Rana: a mio avviso allarghi troppo la gambata (offrendo + resistenza all'avanzamento) cerca di mantenere le ginocchia + vicine tira i talloni verso il sedere e vai, prova a nuotarla con il pull-buoy fra le gambe per renderti conto. Nella vasca di ritorno sembra che sei + contratto (e non ne arrivi da un 100 ra forte) magari è solo illusione dovuta alla vista frontale. Cercherei di allungarmi cercando un maggior scivolamento e velocizzerei la bracciata che sembra affondare. 

Dorso: deve uscire prima la spalla e poi il dorso della mano, devi ruotare sul tuo asse quanto basta per ciò (rollio), le ginocchia non dovrebbero uscire dall'acqua e sembra che non pieghi le braccia sotto in fase di spinta.

...e poi mi piacerebbe leggere il parere di Daniele e altri che come te si dilettano nel triathlon.

Ciao N_

Buona bracciata a tutti -__-

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Grazie ragazzi per i consigli,
già stasera vado a fare un po' di fondo e provero' ad adottare l'accorgimento della testa a stile. A stile faccio anche notare che le gambe mi affondano un po': lo noto nella difficooltà che trovo quando faccio stile con pull fra i piedi. Quali sono dei buoni esercizi di tecnica per migliorare il galleggiamento delle gambe?
Per gli altri stili ho fatto in passato per due anni un corso di nuoto, gli istruttori martellano molto su stile e rana, e  solo gambe, sul dorso effettivamente ho lavorato sempre poco ed è molto indietro. Il delfino per rispetto a voi ovviamentre l'ho omesso....anche se mi interessano meno per le gare di triathlon ho intenzione di dedicarci tempo per portarli almeno a un livello sufficiente! Penso che ne giovi anche lo stile. Che dite?
Grazie ancora

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Più che poco non si vede niente.
Le inquadrature per capire qualcosa della nuotata devon essere tridimensionali,cioè di lato,davanti e dietro.
Quella solo da dietro è la peggiore,a causa della schiuma quando c'è,e serve solo a valutare il recupero e gli scodinzoli;quella davanti serve a valutare i punti di ingresso delle leve e l'efficacia degli agganci;quella laterale dovrebbe essere in movimento,cioè dal davanti passare al di dietro.
Da quel pochissimo che si vede concordo con Mario.

Aggiungo che a crawl non scivoli,non procedi diritto,ma la colpa non è della testa che si muove,bensì da un equilibrio vago causato dalla inefficacia dell'azione equilibratrice delle gambe (di tipo percettivo,non di forza),il cui biglietto da visita si vede già nei primi secondi,quando dopo lo scivolamento di partenza esce il piede destro dall'acqua a fare non si sa che,e poi si allargano e si avvicinano in modo arbitrario e casuale.

Ciao

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Riccardo, per il galleggiamento gambe sono più utili esercizi a secco per irrobustire i muscoli lombari oppure, tra gli esercizi in acqua, ti fai delle belle vasche in apnea con pinnette e solo gambe stile (io a fine allenamento ne faccio 8x25/1'), oppure gambe con tavoletta avendo cura di far uscire i talloni fuori acqua.

PS: il delfino è FONDAMENTALE per migliorare la passata subacquea e la sensibilità della bracciata del crawl. Ti consiglio di impararlo e di farne grande uso.

Ciao

1) AUT DISCE, AUT DISCEDE
2) Azzoppare il cavallo pensante....questo

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Grazie anche a Stefano per l'analisi. Non sapevo ben definirlo ma sentivo che il problema era nelle gambe. Si riesce a migliorare questo aspetto? In Se si' ci sono esercizi specifici?  Oltre a quelli indicati già da Mario  che già da stasera ho aggiunto nella parte di ogni allenamento che dedico alla tecnica.
Lavorerò per un periodo sulle correzioni che mi avete fatto e poi riproporrò i video in modo piu' chiaro, magari insieme ai nuovi tempi sui test che mi pongo alla fine di un mesociclo di allenamenti.

Condividi sui social

9 (modificato da nuotix 21-12-2011 22:22:54)

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

premesso che dalle immagini è difficile dare dei giudizi definitivi, aggiungo:
Crawl: magari mi sbaglio, ma sembra che dopo la virata prendi immediatamente aria. è un errore. dovresti sforzarti di fare almeno una bracciata e poi dopo effettuare la respirazione.

rana: i talloni non devono mai assumere una posizione interna rispetto alle ginocchia

dorso: qui hai tantissimo su cui lavorare: le ginocchia fanno schiuma, ma soprattutto è assente il movimento che caratterizza il dorso: il rollio del tronco che ha come naturale conseguenza il rollio delle spalle.
per migliorare le gambe potresti cominciare a fare gambe dorso tenendo una tavoletta al di sopra delle ginocchia(anziché sopra la testa) sforzandoti di spostare l'acqua con i piedi senza toccare la tavoletta con le ginocchia stesse.
per quanto riguarda il rollio gli esercizi migliori sono quelli in cui un braccio rimane passivo lungo il corpo e l'altro rema. per ottenere un buon rollio è essenziale afferrare l'acqua un paio di centimetri al di sotto della superficie (quindi non immediatamente sotto il pelo dell'acqua) in modo che la spalla del braccio che rema affondi  e la spalla opposta si "alzi".
in ogni se ti interessa avere approfondimenti sul dorso, vai nella sezione ricerca e digita le parole chiave appropriate. in particolar modo ti consiglio di cercare "rollio". troverai un bel post di stefano in merito.

in ogni caso da ex triatleta ti consiglio di concentrarti su crawl e delfino

ciao
wink

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Avevo intenzione di aggiungere nella parte tecnica queste eserciztzioni per migliorare i miei difetti: da fare 8 x 50m rec. 10-15''


-Dorso tavoletta davanti ginocchia
-Dorso a un braccio altro lungo fianco, braccio che tira 2cm sotto superficie
-Dorso a un braccio altro disteso alto,  braccio che tira 2cm sotto superficie
-Stile gambe lente braccia veloci
-Stile gambe veloci braccia lente
-Progressione braccia frequenza fissa di gambe
-Progressione di gambe con frequenza fissa di braccia fissa
-Progressione nella SPINTA delle braccia,ma con FREQUENZA fissa di braccia e gambe

Dopo la parte centrale dell'allenamento aggiungerei inoltre come complementari 200m-300m di pinnette stile in apnea o gambe stile con tavoletta con talloni che escono dall'acqua.

E per un po' un matello su questi, che dite?
Grazie come al solito

Condividi sui social

11

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

RICCARDO80 ha scritto:

Avevo intenzione di aggiungere nella parte tecnica queste eserciztzioni per migliorare i miei difetti: da fare 8 x 50m rec. 10-15''


-Dorso tavoletta davanti ginocchia
-Dorso a un braccio altro lungo fianco, braccio che tira 2cm sotto superficie
-Dorso a un braccio altro disteso alto,  braccio che tira 2cm sotto superficie
-Stile gambe lente braccia veloci
-Stile gambe veloci braccia lente
-Progressione braccia frequenza fissa di gambe
-Progressione di gambe con frequenza fissa di braccia fissa
-Progressione nella SPINTA delle braccia,ma con FREQUENZA fissa di braccia e gambe

Dopo la parte centrale dell'allenamento aggiungerei inoltre come complementari 200m-300m di pinnette stile in apnea o gambe stile con tavoletta con talloni che escono dall'acqua.

E per un po' un matello su questi, che dite?
Grazie come al solito

quando il braccio entra acqua (in primis entrano le dita sia a sl sia a dorso), direi che affondi ben più di 2 cm in quanto specie a dorso (almeno personalmente) non trovo acqua abbastanza dura. in ogni caso non bisogna misurare chirurgicamente quanti centimetri il braccio affonda ma fidarsi delle sensazioni che dà e, se possibile, farsi seguire da un istruttore competente.

come menù di tecnica può andare. ovvio che non bisogna fossilizzarsi sugli stessi esercizi, ma proporre una buona varietà.

wink

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Si effettivamente hai ragione, Nuotix, se no dopo un po' mi viene la nausea a ripetere sempre gli stessi; mi potresti se hai voglia dirmene altri 5-6 da aggiungere che fanno al caso mio per rendere piu' vario il menu? Questi li ho presi un po' da te, un po' da un  post di Stefano62 e da qualche ricordo del corso passato.
Grazie!

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Riccardo c'è un esercizio fondamentale per l'assetto dorso (poi Stefano dirà la sua) ed è questo:

braccio sx rilassato attaccato al corpo, poi esegui 2 bracciate col dx e alla terza bracciata fermi il braccio perpendicolare all'acqua e quindi rivolto verso il soffitto per 3 secondi; in questa fase esegui delle remate con il sx per aiutare il corpo a rimanere a galla oltre che andare forte di gambe. Ne fai 8x25 e ad ogni vasca cambi braccio.
Importanti sono gli esercizi gambe, impara la battuta di gambe utile per l'assetto e la propulsione, fanne tantissime variando l'ampiezza e la frequenza. Per gli adulti le gambe sono UN TORMENTO e ci vuole tempo e pazienza, la giusta battuta la si apprende con l'esperienza e l'esperienza si acquisisce con il lavoro e solo lavoro.

Ultima cosa, gli esercizi in apnea o li esegui dopo il riscaldamento o come defaticamento. Condizione necessaria è eseguirli CON CALMA, MOLTA CALMA.

Ciao

1) AUT DISCE, AUT DISCEDE
2) Azzoppare il cavallo pensante....questo

Condividi sui social

14

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Ciao a tutti smile riprendo dopo tanto tempo a postare big_smile... Questa volta volevo dei consigli su come nuoto a stile

http://www.youtube.com/watch?v=IXmllFui0c0&context=C31e0526ADOEgsToPDskKKVrCJJYJSxSOW4Qmft4PY

è parte del mio 400 stile premesso che non ero tanto in forma quel giorno sia fisicamente che psicologicamente (infatti ho perso pure il conto fermandomi ai 300 m per ben 35 sec...)

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

Torno dopo circa 1 mese di esercizi a mostrarvi un nuovo video, stavolta ripreso meglio, piu' chiaro. Sto lavorando molto di tecnica: a stile insisto su cambi di velocità tra braccia e gambe, in vari formati. Nel video c'è solo stile, poi per motivi tecnici ho dovuto fermarmi(mi sono entrati i bambini del corso....), cmq sto lavorando anche su dorso e delfino....work in progress!
Grazie come al solito a chi mi visiona e consiglia!

http://www.youtube.com/watch?v=gML18ada1QQ&feature=youtu.be

Condividi sui social

16 (modificato da nuotix 21-01-2012 22:25:04)

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

RICCARDO80 ha scritto:

Torno dopo circa 1 mese di esercizi a mostrarvi un nuovo video, stavolta ripreso meglio, piu' chiaro. Sto lavorando molto di tecnica: a stile insisto su cambi di velocità tra braccia e gambe, in vari formati. Nel video c'è solo stile, poi per motivi tecnici ho dovuto fermarmi(mi sono entrati i bambini del corso....), cmq sto lavorando anche su dorso e delfino....work in progress!
Grazie come al solito a chi mi visiona e consiglia!

http://www.youtube.com/watch?v=gML18ada1QQ&feature=youtu.be

a me balzano all'occhio due particolari:
- gambe un po' "ribelli" nel senso che ogni tanti scalci e le apri a forbice
- mi sembra che col braccio destro, a differenza del braccio sinistro, tagli leggermente la spinta non spingendo acqua fino fondo e questo fa sì che il recupero inizi dal gomito anziché dalla spalla

(ovviamente le mie opinioni prendile con le pinze!)

Condividi sui social

17

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

nuotix ha scritto:
RICCARDO80 ha scritto:

Torno dopo circa 1 mese di esercizi a mostrarvi un nuovo video, stavolta ripreso meglio, piu' chiaro. Sto lavorando molto di tecnica: a stile insisto su cambi di velocità tra braccia e gambe, in vari formati. Nel video c'è solo stile, poi per motivi tecnici ho dovuto fermarmi(mi sono entrati i bambini del corso....), cmq sto lavorando anche su dorso e delfino....work in progress!
Grazie come al solito a chi mi visiona e consiglia!

http://www.youtube.com/watch?v=gML18ada1QQ&feature=youtu.be

a me balzano all'occhio due particolari:
- gambe un po' "ribelli" nel senso che ogni tanti scalci e le apri a forbice
- mi sembra che col braccio destro, a differenza del braccio sinistro, tagli leggermente la spinta non spingendo acqua fino fondo e questo fa sì che il recupero inizi dal gomito anziché dalla spalla

(ovviamente le mie opinioni prendile con le pinze!)

mi ero dimenticato di dirti quali esercizi potresti fare:
- per le gambe sono validissimi i consigli dati in questa discussione: http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?id=2565
- esercizio per la spinta: entrambe le braccia lungo il corpo, gomito fermi, si muovono solamente e alternativamente gli avambracci cercando di spingere l'acqua fino in fondo con le mani. di fatto lo scopo dell'esercizio è riprodurre la fase finale della passata subacquea. stai attento a non portare troppo in avanti gli avambracci. è un po' faticoso. quindi magari fai 2o 4 x25 con qualche secondo di pausa
- per velocizzare la passata subacquea in fase di presa: un braccio avanti passivo e disteso e l'altro braccio attivo che rema. esercizio molto utile perché la posizione avanzata del braccio passivo costringe a trovare più velocemente l'appoggio col braccio attivo

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

sere_p ha scritto:

Ciao a tutti smile riprendo dopo tanto tempo a postare big_smile... Questa volta volevo dei consigli su come nuoto a stile

http://www.youtube.com/watch?v=IXmllFui0c0&context=C31e0526ADOEgsToPDskKKVrCJJYJSxSOW4Qmft4PY

è parte del mio 400 stile premesso che non ero tanto in forma quel giorno sia fisicamente che psicologicamente (infatti ho perso pure il conto fermandomi ai 300 m per ben 35 sec...)

L'impianto di base della nuotata è buono,ma tendi a controllare la parte finale del recupero,cioè rallenti un pò invece di lasciarle libere di rientrare a cercare acqua.
Direi anche che per un 400 le gambe sono troppo forti.

Ciao

Condividi sui social

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

@Riccardo80
Anche per me le gambe sono il tuo punto debole.
Il piede non è ne disteso e allarghi spesso le cosce.
L'azione di braccia non è male,c'è qualcosina da regolare qui e là ma la volontà d'azione c'è,ed è una gran cosa.

Ciao

Condividi sui social

20 (modificato da sere_p 23-01-2012 20:11:23)

Re: VIDEO per CONSIGLI TECNICI

stefano '62 ha scritto:
sere_p ha scritto:

Ciao a tutti smile riprendo dopo tanto tempo a postare big_smile... Questa volta volevo dei consigli su come nuoto a stile

http://www.youtube.com/watch?v=IXmllFui0c0&context=C31e0526ADOEgsToPDskKKVrCJJYJSxSOW4Qmft4PY

è parte del mio 400 stile premesso che non ero tanto in forma quel giorno sia fisicamente che psicologicamente (infatti ho perso pure il conto fermandomi ai 300 m per ben 35 sec...)

L'impianto di base della nuotata è buono,ma tendi a controllare la parte finale del recupero,cioè rallenti un pò invece di lasciarle libere di rientrare a cercare acqua.
Direi anche che per un 400 le gambe sono troppo forti.

Ciao

Grazie smile. Da domani mi concentro sull'ingresso della mano, tempo fa mi era stato notato da Maria Pia credevo che il difetto si fosse risolto...

p.s. per le gambe è un mio grandissimo difetto ne metto troppe e poi alla fine ne risento (energia zero addirittura per riprendermi per un 25 davo solo due colpi ogni ciclo di bracciata hmm)

Condividi sui social