Argomento: Nuotata con "zoppìa"

Ciao a tutti, volevo sapere la vostra opinione sullo stile di nuotata tanto in voga sulle medie distanze, ovvero lo stile libero con la cosiddetta "zoppìa", mi piacerebbe impararla meglio, ma non sono certo di averla capita benissimo. Se non vado errato, il passaggio sott'acqua di una delle braccia in appoggio deve essere molto più rapido dell'altro e conseguentemente anche il recupero del braccio opposto è anticipato, con la contemporanea accentuazione della torsione del busto per la respirazione.

Sono ben conscio, anticipando eventuali commenti, che un principiante è meglio che impari a nuotate in maniera didatticamente più congrua, ma credo anche che avere la sensibilità per poter percepire modalità diverse di nuotata sia comunque utile.

Condividi sui social

2

Re: Nuotata con "zoppìa"

???
cos'è una nuotata con zoppìa?
forse intendi una nuotata in sovrapposizione? (vedi da 7:00) http://www.youtube.com/watch?v=jR4IgctibNg

Condividi sui social

Re: Nuotata con "zoppìa"

mi rendo conto che potrei non essermi ben spiegato, ma quando ho chiesto agli istruttori in piscina, tutti l'hanno definito stile libero con zoppìa, proprio perché sembra quasi che sul lato debole, solitamente il sinistro, si zoppichi, proprio come si fa quando si cammina.
Nel video che hai postato, Lochte fa all'andata uno stile libero alternato e al ritorno diciamo che fa la "zoppìa", anche se non molto marcata.

http://www.youtube.com/watch?v=_CjLVB7pAYo&feature=related

in questo link, dal minuto 6:00, phelps e lochte nuotano con la zoppìa in maniera molto più evidente, soprattutto phelps. In buona sostanza, è uno stile libero "asimmetrico" in cui il ritmo dell'ingresso in acqua non è omogeneo tra il braccio sinistro ed il destro, ovvero un braccio va più veloce dell'altro, nel video "zoppicano" entrambi col braccio sinistro.

Per inciso, tutti i ragazzi agonisti che nuotano nella mia piscina nuotano con la zoppìa, non riesco a capire perché.

Condividi sui social

4

Re: Nuotata con "zoppìa"

confesso la mia ignoranza: non ho mai sentito che tale nuotata venisse chiamata "con zoppìa". io l'ho sempre chiamata nuotata in sovrapposizione (in inglese la chiamano front quadrant swimming, ma personalmente come definizione la trovo discutibile).

secondo alcuni studi effettuati in merito, pare che tale nuotata, poiché prevede due spinte molto ravvicinate, assicuri una propulsione più continua e con meno punti morti. effettivamente, guardando le gare internazionali, è un modello di nuotata che viene adottata nelle brevi distanze, ma anche nelle distanze più lunghe.
ad esempio a me viene istintivo nuotare così quando sono stanchissimo durante lavori molto impegnativi. viceversa quando sono fresco nuoto diversamente in quanto una nuotata in sovrapposizione mi costringe ad effettuare la respirazione solo sui numeri pari (ogni 2 o 4 bracciate)

è bene precisare che è solo UN modello di nuotata. ciò che non deve mai mancare nella nuotata a sl è che l'arto opposto deve essere già in acqua prima che l'altro arto concluda la spinta. una volta rispettato questo assioma, ogni nuotata è lecita

se non ricordo male, in qualche discussione si era affrontato il tema. la cercherò stasera

Condividi sui social

Re: Nuotata con "zoppìa"

Dolphin Kick ha scritto:

Ciao a tutti, volevo sapere la vostra opinione sullo stile di nuotata tanto in voga sulle medie distanze, ovvero lo stile libero con la cosiddetta "zoppìa".

Il nome più diffuso è stile ibrido,nel senso che un braccio funziona da velocista e uno da fondista.
Ne abbiamo parlato altrove e non mi va di ripetermi:
in pochissime e poverissime parole,si sfrutta la maggiore efficacia propulsiva ottenuta ravvicinando due spinte,poi si sfrutta la capacità di scivolamento successiva e il moto ondoso.
E' una tecnica molto utile su distanze da 200 a 400 (più corte o più lunghe già perde convenienza,sugli 800 e 1500 meglio ispirarsi ai già mitici Park e Sun,vera e propria arte) e a nuotatori ultra-iper-stra-evoluti.
Assa stà.

Ciao

PS
Il front quadrant swimming è un'altra cosa,come Thorpe per intenderci.
Lo Hybrid invece è quello di Phelps e compagnia bella.

Condividi sui social

6 (modificato da nuotix 14-07-2012 20:53:14)

Re: Nuotata con "zoppìa"

stefano '62 ha scritto:

PS
Il front quadrant swimming è un'altra cosa,come Thorpe per intenderci.
Lo Hybrid invece è quello di Phelps e compagnia bella.

ah, ok.
grazie per la specificazione.

avrei però una domanda:
è giusto dire che sia la hybrid sia la front quadrant siano entrambe nuotate in sovrapposizione?

Condividi sui social

7 (modificato da ricottina 15-07-2012 22:35:51)

Re: Nuotata con "zoppìa"

Sull'argomento c'è un video sul sito di "the race club" che si intitola "picking the right technique" e che spiega le varie tecniche tra cui la ibrida. Roba molto sofisticata (e non perché in inglese)!

Condividi sui social

Re: Nuotata con "zoppìa"

ricottina, ho visto anche io quel video in cui si spiegano i 3 modi di nuotare lo stile libero, ma se devo essere sincero la spiegazione (e relativa dimostrazione) dello stile ibrido non mi ha convinto per niente. Ci si limita a dire che il braccio opposto a quello della respirazione deve andare immediatamente in trazione mentre l'altro braccio va tenuto più a lungo dopo l'entrata in acqua, mi è sembrato un po' troppo semplicistico e ad essere onesti neppure così tanto difficile da eseguire come invece sto sentendo dire (anche da Stefano), non è che ci voglia questa gran coordinazione a fare andare un braccio subito in presa e tenere l'altro più in allungo nella bracciata successiva. Ragion per cui, premesso che di certo io non sono un gran nuotatore, probabilmente ci sono altri accorgimenti ben più complessi. Guardando infatti questo video http://www.youtube.com/watch?v=ax77_hHq9Dc pare che la cosa sia ben più articolata... attendiamo suggerimenti smile

Condividi sui social

9

Re: Nuotata con "zoppìa"

ricottina ha scritto:

Sull'argomento c'è un video sul sito di "the race club" che si intitola "picking the right technique" e che spiega le varie tecniche tra cui la ibrida. Roba molto sofisticata (e non perché in inglese)!

grazie

Condividi sui social