1

Argomento: delfino

ciao a tutti ho una nuova domanda.non so come ma ho "imparato a nuotare a delfino da sola.un giorno mi ci sono messa e sono arrivata a fare un qualcosa, quando poi l ho mostrato a una delle istruttrici della piscina mi ha detto con mio grande stupare che andavo bene. il mio problema è che riesco a fare al massimo 4 bracciate belle alte sopra l acqua poi piano piano scendono e praticamente finisce che tutto il ciclo di bracciata lo facio subacqueo.quando accade questo, siccoem è veramente orribile da vedere, mi fermo subito e proseguo con qualcos altro, quindi la mia domanda è:come faccio a mantenere le braccia ,quando termino la bracciata subacquea,alla giusta altezza dall acqua? è che a un certo punto sento che non ho ababstanza spinta verso l altro per farle uscire correttamente, e piu di ammazzarmi di esercizi per sviluppare i muscoli del delfino non so cosa fare...cosa mi consigliate???

grazie anticipatamente!!!!

I'm proud of you, and I got your back...no matter what.

Condividi sui social

2

Re: delfino

bentrovata!!
è classico dire che nel delfino quando ci si affatica"non escono più le braccia" smile restano conficcate in acqua!! big_smile
tieni in considerazione che sei solo all'inizio...tra l'altro i muscoli sollecitati nel delfino sono muscoli particolari,aventi un particolare metabolismo che li fa stancare subito se non bene allenati!!insisti tanto sulla continuità della bracciata...ogni tanto puoi integrare pull,elestici o anche palette quando sarai un po'più pratica!!ma per il momento va bene così,brava!!!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

3

Re: delfino

beata te!!!

Condividi sui social

Re: delfino

...inoltre la fuoriuscita dall'acqua è determinata anche dalla gambata e comunque dal complesso di movimenti a delfino, in vasca non sempre i maschi (notoriamente più sviluppati muscolarmente) delfinano meglio, anzi spesso il movimento più aggraziato e naturale lo vedo nelle femmine.

Condividi sui social

Re: delfino

grazie ragazzi, adesso mi alleno e vi faccio sapere!

I'm proud of you, and I got your back...no matter what.

Condividi sui social

Re: delfino

credo che il delfino sia lo stile più faticoso degli altri. Una buona tecnica consiste nel fare degli esercizi di sole gambe o di sole braccia. Questo ti aiuterà senz'altro ad aumentare la resistenza per i singoli arti. Successivamente prova a fare delle vasche complete diminuendo però il numero delle bracciate. Fammi sapere

Condividi sui social

Re: delfino

confermo.... è senz altro lo stile più faticoso.... mizzica quanto è bello da vedere però... per questo lo amo.... so n'pò masochista a dire la verità wink

NON ESISTONO LIMITI CHE NON SI POSSANO SUPERARE MA ESISTONO UOMINI  E DONNE CHE SANNO QUALI SONO I LORO LIMITI E SANNO COME OLTREPASSARLI

Condividi sui social

8

Re: delfino

E' forse lo stile in cui viene richiesto maggiormante un buon rapporto peso/potenza.
vasche e vasche.........

Condividi sui social

Re: delfino

solo allenamento..
tieni in mente ke le gambe sono fondamentali..qui come non mai..

il delfino come si deve lo sono riuscito a fare (faccio anke 8 vasche consecutive) solo qst anno..e provengo da 12 anni di nuoto (non consecutivi)

sicuramente sarà dovuto anke alla diversa muscolatura di adesso..ma soprattutto al tipo di allenamento ke ho fatto qst anno (altra piscina, nuovi istruttori-ex agonisti-, tre volte alla settimana )

ergo: allenamento allenamento allenamento big_smile

"il sever dice che

Condividi sui social

10

Re: delfino

Ho seguito tutti i vari consigli, ora ho solo un problema nuovo, cioè che quando faccio la bracciata dove non devo respirare tutto ook, mi sembra di andare bene e sciolta, quando arriva il momento della bracciata con la respirazione è tremendo, perchè mi sembra di perdere il ritmo, di scompormi e quando sento questo mi viene di istinto di non alzare troppo la testa, ma cosi facendo l'unica cosa che respiro è acqua!!!quindi anche se non mi sento stanca sono costretta a fermarmi per non affogare!!!Cosa posso fare?

I'm proud of you, and I got your back...no matter what.

Condividi sui social

11

Re: delfino

io (nonostante la mia condizione) ed in 10 mesi di nuoto, sono riuscito a fare i 50 a delfino, e i 75 mt con l aiuto delle pinne...cmq ho capito che se si parte troppo "rigidi" non arrivi neanche a metà vasca. Ci vuole allenamento  e cercare anche se sembrerà strano di andare in scioltezza.....io tra l altro abuso di pull e palette , talvolta anche pinne... wink

24 ore di Nuoto di Bad Radkersburg 2013..... 54,9km nuotati smile

Condividi sui social

12

Re: delfino

Quindi posso usare il pull per il delfino??ma le gambe non sono fondamentali per il movimento?

I'm proud of you, and I got your back...no matter what.

Condividi sui social

13

Re: delfino

se usi il pull devi andare solo di braccia!per il tuo problema dovresti insistere nella fluidità del pinneggio,che mi sa lo inserisci nel momento sbagliato...poi avrai senz'altro problemi di forza,per la mancanza di continuiutà della bracciata...
allora,la priorità va senz'altro alla continuità della bracciata,poi all'inserimento del pinneggio al momento giusto,ritmo e cercare di non piegare le gambe quando prendi aria:questo è un errore diffusissimo:finire praticamente in piedi...fai esercizi di analisi e poi vai inserendo il tutto nella nuotata completa!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

14

Re: delfino

Ok ok, adesso mi alleno,,!!! grazie!

I'm proud of you, and I got your back...no matter what.

Condividi sui social

15

Re: delfino

Utilizzo lo stesso post per chiedervi un altro parere. Ero osi contenta ch ea settembre avrei iniziato un corso con il gruppo master che aveo visto sul sito internet di una delle piscine piu conosciute di qua ma, quando sono andata a sentire, mi hanno detto ch eil gruppo master, a cui hanno dedicato anche una pagina web del loro sito, si tratta di un gruppo di gente sopra i 40 anni che si rova, e si dicono tra loro " bene, ora facciamo to mtri di questo, tot di qello ecc.." in sostanza non c'è neanch euno straccio di istruttore! quindi tutte le mie speranze sono svanite nel nulla. Mi hanno onsiglito i affidarmi a un corso di perfezionamento, il problema è che il corso di perfezionamento è per quelli che  vogliono perfezionare gli stili, non per quelli che come me che, oltre a perfezionare volgliono migliore tempi, acquisire più tecnica, e infine arrivare almeno a fare qualche gara. Anche perchè immagino che se andassi in corso di eprfezionamento, dovremmo fare tutti piu o meno le stesse cose. Non so proprio cosa fare, a questo punto mi converra tornare con il mio grupetto di 3 amici ad allenarci da soli? Io sinceramente sento il bisogno di esser corretta, di avere qualcuno ch dall esterno mi dia consigli... cosa dovrei fare per voi?

I'm proud of you, and I got your back...no matter what.

Condividi sui social

16

Re: delfino

...ci sono tante squadre master,dovresti fare un giretto per trovare quella a te più congeniale!!in bocca al lupo!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: delfino

raga io vi posso consigliare x esperienza ( quasi 8 anni di nuoto consecutivi ke ancora faccio a livello agonistico) che uno dei modi mijori sono gli allnamenti in soglia... cioè lavoro nn trpp veloce, lungo e con molto consumo di ossigeno... le braccia imparano piano piano a resistere anche se i primi gg nn si riesce a muoverle x i primi dolori... fidatevi tt il lavoro + qualke cosa con il pull-boy mi hanno portato a tempi x i nazionali ragazzi.  La cosa + importante è nn arrendersi all'inizio e ke quando fa male si deve tirare ancora + forte...

Condividi sui social

18

Re: delfino

Grazie sissi, solo una cosa, riesci a farmi un esempio di questo lavoro in soglia x il delfino..? sai non sono molto pratica!  grazie

I'm proud of you, and I got your back...no matter what.

Condividi sui social

19

Re: delfino

Lavinia ha scritto:

Utilizzo lo stesso post per chiedervi un altro parere. Ero osi contenta ch ea settembre avrei iniziato un corso con il gruppo master che aveo visto sul sito internet di una delle piscine piu conosciute di qua ma, quando sono andata a sentire, mi hanno detto ch eil gruppo master, a cui hanno dedicato anche una pagina web del loro sito, si tratta di un gruppo di gente sopra i 40 anni che si rova, e si dicono tra loro " bene, ora facciamo to mtri di questo, tot di qello ecc.." in sostanza non c'è neanch euno straccio di istruttore! quindi tutte le mie speranze sono svanite nel nulla. Mi hanno onsiglito i affidarmi a un corso di perfezionamento, il problema è che il corso di perfezionamento è per quelli che  vogliono perfezionare gli stili, non per quelli che come me che, oltre a perfezionare volgliono migliore tempi, acquisire più tecnica, e infine arrivare almeno a fare qualche gara. Anche perchè immagino che se andassi in corso di eprfezionamento, dovremmo fare tutti piu o meno le stesse cose. Non so proprio cosa fare, a questo punto mi converra tornare con il mio grupetto di 3 amici ad allenarci da soli? Io sinceramente sento il bisogno di esser corretta, di avere qualcuno ch dall esterno mi dia consigli... cosa dovrei fare per voi?

Purtroppo spesso le squadre master non hanno un vero e proprio allenatore, molto spesso ci si allena per in gruppo con allenamenti fatti o tirati giù da internet, facendo poi rif agli allenatori dell'agonistica i quali magari fanno l'allenamento ma non lo vengono certo a seguire...

c'è comunque margine di miglioramento, perchè senza nulla togliere a te probabilmente qualcuno più bravo di te nel delfino nel gruppo ci sarà prova a confrontarti anche con i membri del gruppo!

Condividi sui social

Re: delfino

il lavoro in soglia nn va ftt a delfino sennò ci rimani... è una serie nn so tipo
10 da 200 a 10 sec (se nn meno) sopra al tempo gara ovvero il + veloce..

nn so se mi capisci xkè io queste cs le faccio con l'allenatore

Condividi sui social

Re: delfino

Stiamo cominciando a provare il delfino!!!!
Ho inghiottito acqua a secchiate...

Dai, suggeritemi qualche esercizio base da praticare: quello delle scivolate per lo stile mi aveva dato tantissimo!

The ice caps are melting, Leonard.
In the future, swimming isn't going to be optional.

Condividi sui social

22

Re: delfino

...la cosa fondamentale nel delfino è la continuità di bracciata,senza la quale resti sott'acqua a bere!!parti dal muro con una superspinta e fai il maggior numero di bracciate che puoi...in apnea per non interrompere la continuità wink le braccia entrano più distese possibile quindi l'acqua devi prendera più lontano che puoi!!! wink
quando vai di gambe...vai ancora a pescare ricci sul fondo della vasca? smile

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

23

Re: delfino

Cirone Furioso ha scritto:

Stiamo cominciando a provare il delfino!!!!
Ho inghiottito acqua a secchiate...

Dai, suggeritemi qualche esercizio base da praticare: quello delle scivolate per lo stile mi aveva dato tantissimo!

Ciao Ciro super
mah... per il delfino ci sono una marea di esercizi proprio perchè imparare a muovere le gambe in modo corretto nn è semplice e all'inizio si muove la schiena...Io normalmente faccio fare l'es che propone Marina (credo sia quello): scivolo dal bordo vasca 4/5 bracciate di seguito senza sollevare la testa per la respirazione con le gambe morbide senza imprimere volontariamente nessun movimento.. finita l'aria si finisce la vasca a sl... questo es mi aiuta a capire bene la bracc e a controllare la frequenza...ricordatevi che la bracc delf è VELOCE...questi es li integro nella stessa seduta con i movimenti oscillatori sul dorso.. spesso chi sta imparando nn riesce a reggere 25mt di oscillazioni delfino sul dorso per cui le alterno alla gamb dorso (3 oscillaz delf e poi gambe dorso, 3 oscillaz e poi do) per la gambata poi puoi provare sul fondo vasca con la pancia sul pavimento le oscillazioni delf sia con br lungo i fianchi che con br alte. Il fatto di avere l'acqua sopra il corpo tra l'altro limita i mov della schiena evitando cosi di farsi male. Una volta fatti separat questi es. si può provare con br alte pancia giù, 2 oscillazioni delf forti e alla 3° oscillaz debole, respiri con br rana ... in realtà si prosegue anche con es mix delf / stile...la resp norm la inserisco per ultima...se fatta male condiziona tt la nuotata
Fammi sapere se c'è qualcosa di poco chiaro ec osa sei riuscito a fare in questi gg smile


Sempre al suo servizio smile ...
Baci Marci

Condividi sui social

Re: delfino

In effetti abbiamo cominciato a studiare la bracciata nei termini descritti anche da voi.

Ora con la gambata comincio a essere efficace: riesco a generare propulsione, e non vado più a fondo.

x marci: perché provare l'oscillazione stando con la pancia sul fondo? (A parte il fatto che io a stare in immersione mi diverto come un fanciullo...)

Per il momento, la cosa che noto sulla bracciata è che non so come tenere la testa: all'inizio mi son reso conto che guardavo troppo verso il fondo.
Ho cercato di tener su la testa, ma sento una contrazione innaturale.

In linea di massima, sebbene mi si dica che la bracciata dev'essere veloce, sto cercando di assimilarne il gesto facendolo piano, senza preoccuparmi di respirare.

Il "coach" dice che una gambata si inserisce come spontanea conseguenza della bracciata: la cosa più difficile è inserire la seconda gambata.

Vedremo, vedremo... Per intanto grazie!

The ice caps are melting, Leonard.
In the future, swimming isn't going to be optional.

Condividi sui social

25

Re: delfino

..guarda avnti..ti senti contratto perchè fatichi!!dimenticavo:spingi fin dietro il sedere con le braccia e la seconda gambata dalla mentre senti il rumore  della spinta che inizia!!!ascolta il rumore che fai quando sposti l'acqua e tienilo come punto di riferimento...tuttavia,l'inserimento delle gambate didatticamente viene dopo perchè se te ne occupi,automaticamente fai la bracciata"a rate" big_smile

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social