1,126

Re: delfino

A proposito del post di Cirone Furioso, vi racconto cosa ho fatto in allenamento oggi.

Prima una prefazione: per forti dolori alla schiena sono stato a letto sabato e domenica e lunedì ho saltato l'allenamento.

Oggi avevo da fare delfino solo braccia in apnea, mi dice l'allenatore:" se hai ancora dolore alla schiena UTILIZZA IL PULL BUOY" ( badate bene a cosa ho detto!!!) mi consiglia il pull per alleviare il dolore!!!

Si sarebbe accontentato di mezza vasca e, senza accorgemene, ho nuotato una vasca intera in apnea e senza gambe!!! e ancora adesso non ho dolore alla schiena. Ho fattto 8x25 con riposo 1'. Ragazzi ne ho fatte 8!!!!

Adesso sono pronto per i 200 misti e farò sicuramente felice Stefano lol lol

Ciao

1) AUT DISCE, AUT DISCEDE
2) Azzoppare il cavallo pensante....questo

Condividi sui social

1,127

Re: delfino

Ecco,appunto !

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

1,128

Re: delfino

Salve, quando faccio gambe delfino con la tavoletta praticamente genero tuttta la propulsione quando muovo le gambe verso il basso, mentre quando dò la gambata verso l'alto avanzo poco o niente. Mi chiedevo se ciò fosse normale in una certa misura oppure se sia dovuto solo ad un errore mio.
Ciao.

di haunted sito web

Condividi sui social

1,129

Re: delfino

Io sono un autodidatta, tranne due corsi da piccolo in cui mi sono stati insegnati i primi rudimenti dello stile libero e del dorso, con la gambata a rana. Il delfino cerco di impararlo guardando le immagini in Tv o internet ed ho un problema che non riesco a superare: eseguo una pausa troppo lunga quando distendo le braccia, in tal modo il delfino è troppo lento. Cerco suggerimenti.

Condividi sui social

1,130 (modificato da nuotix 16-12-2011 08:34:06)

Re: delfino

valentino64 ha scritto:

Io sono un autodidatta, tranne due corsi da piccolo in cui mi sono stati insegnati i primi rudimenti dello stile libero e del dorso, con la gambata a rana. Il delfino cerco di impararlo guardando le immagini in Tv o internet ed ho un problema che non riesco a superare: eseguo una pausa troppo lunga quando distendo le braccia, in tal modo il delfino è troppo lento. Cerco suggerimenti.

la discussione è molto lunga, ma è anche vero che è tempestata di preziosi consigli per migliorare.
in questo post stefano ha spiegato la progressione didattica del delfino: http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?pid=29954#p29954
a naso mi sentirei di dirti di nuotare tenendo un pull buoy in mezzo alle gambe e remare solamente di braccia.
in ogni caso è bene aspettare l'opinione di stefano prima di assecondare i miei consigli

wink

Condividi sui social

1,131

Re: delfino

Ti dispiacerebbe ripostare il link per favore?

GRAZIE.

Condividi sui social

1,132

Re: delfino

haunted ha scritto:

Salve, quando faccio gambe delfino con la tavoletta praticamente genero tuttta la propulsione quando muovo le gambe verso il basso, mentre quando dò la gambata verso l'alto avanzo poco o niente. Mi chiedevo se ciò fosse normale in una certa misura oppure se sia dovuto solo ad un errore mio.
Ciao.

E' un errore dovuto al fatto che invece che lavorare di gamba coi muscoli del bacino lavori di piede flettendo la gamba,quindi il ritorno avviene per effetto della contrazione volontaria dei muscoli posteriori della coscia,senza che la gamba "senta" l'acqua.
Infatti come hai intuito non è che uno fletta la gamba e poi spinge direttamente verso dietro.
La propulsione (sia a crawl,sia a dorso sia a delfino) dovrebbe avvenire invece grazie al movimento "a semi-arco" della gamba.
Immagina che il piede disegni una fetta di cerchio in su e giù,in misura equivalente sia sopra sia sotto alla linea orizzontale:la propulsione avviene in avanti per effetto della spinta verso dietro risultante da questa azione bidirezionale (su e giù) e simmetrica rispetto al piano orizzontale;se invece la simmetria avvenisse rispetto ad un piano inclinato verso l'alto,per esempio tirando troppo in su il piede flettendo la gamba e poi affondandolo troppo poco rispetto al ginocchio,la risultante sarebbe una spinta verso il basso che affonda il bacino,per niente propulsivo.
Se poi addirittura la gamba "sente" aggancia acqua solo in fase di calcio,e addirittura la spara dritto per dietro.....allora tanto vale andare di sole braccia.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

1,133

Re: delfino

Ti ringrazio nuotix, aspettiamo Stefano, che mi ha dato sempre preziosi consigli.

Condividi sui social

1,134

Re: delfino

valentino64 ha scritto:

eseguo una pausa troppo lunga quando distendo le braccia, in tal modo il delfino è troppo lento. Cerco suggerimenti.

Non è questione di troppo lunga.
La pausa va eliminata del tutto.
Come dice nuotix conviene usare il pool ed eliminare le gambe,in modo da sentire il danno generato dalla pausa.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

1,135

Re: delfino

Piscis99 ha scritto:

Ti dispiacerebbe ripostare il link per favore?

GRAZIE.

L'ho corretto io,riprova a cliccarci sopra.

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

1,136

Re: delfino

nuotix ha scritto:

in ogni caso è bene aspettare l'opinione di stefano prima di assecondare i miei consigli

wink

Ma perchè ?
Non è che solo io sono autorizzato a darne.
Ognuno si senta libero di dare o seguire i consigli che ritiene più adeguati.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

1,137

Re: delfino

stefano '62 ha scritto:
haunted ha scritto:

Salve, quando faccio gambe delfino con la tavoletta praticamente genero tuttta la propulsione quando muovo le gambe verso il basso, mentre quando dò la gambata verso l'alto avanzo poco o niente. Mi chiedevo se ciò fosse normale in una certa misura oppure se sia dovuto solo ad un errore mio.
Ciao.

E' un errore dovuto al fatto che invece che lavorare di gamba coi muscoli del bacino lavori di piede flettendo la gamba,quindi il ritorno avviene per effetto della contrazione volontaria dei muscoli posteriori della coscia,senza che la gamba "senta" l'acqua.
Infatti come hai intuito non è che uno fletta la gamba e poi spinge direttamente verso dietro.
La propulsione (sia a crawl,sia a dorso sia a delfino) dovrebbe avvenire invece grazie al movimento "a semi-arco" della gamba.
Immagina che il piede disegni una fetta di cerchio in su e giù,in misura equivalente sia sopra sia sotto alla linea orizzontale:la propulsione avviene in avanti per effetto della spinta verso dietro risultante da questa azione bidirezionale (su e giù) e simmetrica rispetto al piano orizzontale;se invece la simmetria avvenisse rispetto ad un piano inclinato verso l'alto,per esempio tirando troppo in su il piede flettendo la gamba e poi affondandolo troppo poco rispetto al ginocchio,la risultante sarebbe una spinta verso il basso che affonda il bacino,per niente propulsivo.
Se poi addirittura la gamba "sente" aggancia acqua solo in fase di calcio,e addirittura la spara dritto per dietro.....allora tanto vale andare di sole braccia.

Ciao

Ok, diciamo che è più o meno mi aspettavouna risposta del genere, quello che mi crea perplessità è il fatto che nella gambata a stile e dorso non ho questo problema, piego poco le ginocchia e muovo tutta la gamba e la propulsione c'è in entrambe le direzioni. Da cosa può dipendere il fatto che a delfino non ci riesca? Quali sono i muscoli coinvolti nel secondo caso e non nel primo? Può dipendere da una mia eccessiva rigidità nella regione lombare (che ho)? E soprattutto, quali esercizi potrei fare per migliorare?
Grazie tante.
Ciao.

di haunted sito web

Condividi sui social

1,138

Re: delfino

Dipende dalla situazione della muscolatura della bassa schiena e del bacino.
Oppure dal fatto che a delfino certi deficit sono più incisivi che a crawl e dorso.
Le contromisure dipendono da quale delle due risposte identifica il tuo caso.
Nel primo caso occorre lavorare soprattutto a secco (yoga,pylates,posturale,etc.) nel secondo serve un istruttore che ti veda e ti dia gli input giusti.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

1,139

Re: delfino

stefano '62 ha scritto:
nuotix ha scritto:

in ogni caso è bene aspettare l'opinione di stefano prima di assecondare i miei consigli

wink

Ma perchè ?
Non è che solo io sono autorizzato a darne.
Ognuno si senta libero di dare o seguire i consigli che ritiene più adeguati.

Ciao

però è anche vero che io non ho nessuna abilitazione per dare dei consigli, non sono un'istruttore.
a volte è capitato che abbia dato dei consigli sbagliati e quindi, spesso e volentieri, preferisco scrivere di aspettare il tuo parere prima di mettere in pratica i consigli che dispenso o prendere per vere le opinioni che fornisco.
ciao wink


ps. mi scuso con valentino perché ho notato che il post precedente era tempestato di errori di battittura

Condividi sui social

1,140

Re: delfino

nuotix ha scritto:
stefano '62 ha scritto:
nuotix ha scritto:

in ogni caso è bene aspettare l'opinione di stefano prima di assecondare i miei consigli

wink

Ma perchè ?
Non è che solo io sono autorizzato a darne.
Ognuno si senta libero di dare o seguire i consigli che ritiene più adeguati.

Ciao

però è anche vero che io non ho nessuna abilitazione per dare dei consigli, non sono un'istruttore.
a volte è capitato che abbia dato dei consigli sbagliati e quindi, spesso e volentieri, preferisco scrivere di aspettare il tuo parere prima di mettere in pratica i consigli che dispenso o prendere per vere le opinioni che fornisco.
ciao wink


ps. mi scuso con valentino perché ho notato che il post precedente era tempestato di errori di battittura

Ma se nessuno di noi dice la sua, che forum sarebbe?...  è normale che qualcuno di noi dica cose non del tutto esatte; I moderatori (quando hanno tempo) leggono controbattono aggiungono o correggono.
Se aspettassimo sempre i preziosi consigli di Stefano, Marina (dove sei??), ecc questo spazio perderebbe  dinamicità... diventando "Nuoto Mania il museo"
no?

Condividi sui social

1,141

Re: delfino

Ben detto Piscis99,
ti dirò di + oggi in acqua (silenzio che mia moglie credeva fossi ancora a fare la spesa) c'era un tizio che vedo raramente, uno forte forte e io FORTE dei consigli dei consigli appresi qui sul forum gli ho 'suggerito' che nel suo delfino (okkio che stava facendo 40*25 st/de frazionato a 5" e 10") di inserire il viso dopo la respirazione, prima dell'inserimento delle braccia. Pensa che lui era nella corsia vicino e aveva visto tutto il mio 'allenamento' che comprendeva un 8*25 de con 40" di recupero... insomma un topolino a confronto. Beh lui ci ha pensato un attimo e ha detto ben vengano i buoni consigli da chi ama il nuoto... io nuoto per passione non per i tempi oppure per gare ecc... non ho osato chiedere se era un ex agonista. Inoltre un istruttore a bordo vasca aveva appena finito di spiegare ad una ragazza... la famosa S di superman e il buco della serratura in ottone da fare nella fase di spinta a delfino... io e lui ci siamo fatti una risata sott'acqua...

Ciao N

Buona bracciata a tutti -__-

Condividi sui social

1,142

Re: delfino

ok.
grazie a tutti per le vostre parole
wink

Condividi sui social

1,143

Re: delfino

zarpopov ha scritto:

Ciao a tutti,

sono un neofita master 35 e da poco ho iniziato a "nuotare" a delfino.
Dei miei compagni hanno osservato che la mia nuotata a delfino si appoggia prressochè totalmente sull'uso delle braccia, nulla di gambe e che, durante la fuoriuscita per respirare, rimango troppo bloccato come tronco.-
Ho capito che il mio problema sono le gambe, però nn riesco a capire dove sia l'errore...può essere nelle fase di "sostegno" per uscire dall'acqua per respirare?
Se si tratta di questo, qual'è la soluzione per ovviare a tale problema?

Grazie mille per eventuali consigli/ aiuti

Ciao

difficile dirlo senza vederti.
dovresti mandare un video così abbiamo più elementi per giudicare.
da quello che dici si potrebbe dedurre che lavori molto poco di bacino e che quindi una vera gambata a delfino sia tutta da costruire. il modo migliore per cominciare e consolidare costruire una gambata a delfino è rappresentato dagli esercizi in subacquea, durante i quali, se si è neofiti, è bene farsi seguire da un istruttore perché in queste esercitazioni è facilissimo commettere il comunissimo errore di lavorare esclusivamente di gambe invece che col bacino. durante le subacquee devi tenere la testa braccia mettendo una mano sopra l'altra. il movimento del bacino è l'unico che ha un ruolo attivo nella propulsione mentre le gambe vengono "trascinate" passivamente dal movimento. quando senti un più o meno forte formicolìo/dolore nella zona lombare, vuol dire che stai lavorando come si deve.

in ogni caso sappi che nel delfino (così come nello stile libero e il dorso) l'apporto delle gambe in termini di propulsione è decisamente inferiore rispetto a quello delle braccia anche perché un aumento della battuta di gambe comporta un maggiore consumo di ossigeno che si significa maggiore energia da spendere che significa maggiore stanchezza.
quindi basare il delfino prevalentemente sull'uso delle braccia piuttosto che sulle gambe non può essere considerato per nulla un difetto

wink

Condividi sui social

1,144

Re: delfino

Tra l'altro non è detto che questi tuoi amici siano in grado di dare consigli competenti riguardo alla tua gambata.
Spesso piuttosto che una gambata potente da ammazzare un tonno ma fatta male,è preferibile un sano lavoro primario di braccia.
Come dice nuotix,senza un video è imopossibile aiutarti senza altre informazioni.
Per prima cosa,leggi la discussione che magari ti riconosci in qualcosa.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

1,145

Re: delfino

Grazie mille!
Stasera in allenamento proverò a lavorare bene di bacino durante le subacquee e, alla prossima gara, farò un filmato da inviarvi cosicchè possiate poi valutare meglio!

Ciao

Condividi sui social

Re: delfino

Piscis99 ha scritto:
nuotix ha scritto:
stefano '62 ha scritto:

Ma perchè ?
Non è che solo io sono autorizzato a darne.
Ognuno si senta libero di dare o seguire i consigli che ritiene più adeguati.

Ciao

però è anche vero che io non ho nessuna abilitazione per dare dei consigli, non sono un'istruttore.
a volte è capitato che abbia dato dei consigli sbagliati e quindi, spesso e volentieri, preferisco scrivere di aspettare il tuo parere prima di mettere in pratica i consigli che dispenso o prendere per vere le opinioni che fornisco.
ciao wink


ps. mi scuso con valentino perché ho notato che il post precedente era tempestato di errori di battittura

Ma se nessuno di noi dice la sua, che forum sarebbe?...  è normale che qualcuno di noi dica cose non del tutto esatte; I moderatori (quando hanno tempo) leggono controbattono aggiungono o correggono.
Se aspettassimo sempre i preziosi consigli di Stefano, Marina (dove sei??), ecc questo spazio perderebbe  dinamicità... diventando "Nuoto Mania il museo"
no?

É vero condivido anch'io.
Chiaro che l'opinione degli esperti é la più ambita, ma anche le testimonianze di un neofita secondo me possono essere preziose: agli istruttori possono offrire spunti per capire sempre meglio il punto di vista di chi sta apprendendo il nuoto, e fra neofiti perché condividendo esperienze analoghe magari ci si aiuta a superare analoghe situazioni di difficoltà.

The ice caps are melting, Leonard.
In the future, swimming isn't going to be optional.

Condividi sui social

1,147

Re: delfino

Sono convinto che le esperienze e, sopratutto, le sensazioni di chi apprende sono basilari per trasmettere quei piccoli e continui aggiustamenti a chi stà imparando.
L'apprendimento, a qualsiasi livello esso avvenga, deve sempre essere gratificante; la gratificazione passa proprio attraverso la capacità e possibilità di raggiungere un obiettivo alla portata di chi impara.
Un buon maestro è colui che impara dai propri allievi.


Cirone Furioso ha scritto:
Piscis99 ha scritto:
nuotix ha scritto:

però è anche vero che io non ho nessuna abilitazione per dare dei consigli, non sono un'istruttore.
a volte è capitato che abbia dato dei consigli sbagliati e quindi, spesso e volentieri, preferisco scrivere di aspettare il tuo parere prima di mettere in pratica i consigli che dispenso o prendere per vere le opinioni che fornisco.
ciao wink


ps. mi scuso con valentino perché ho notato che il post precedente era tempestato di errori di battittura

Ma se nessuno di noi dice la sua, che forum sarebbe?...  è normale che qualcuno di noi dica cose non del tutto esatte; I moderatori (quando hanno tempo) leggono controbattono aggiungono o correggono.
Se aspettassimo sempre i preziosi consigli di Stefano, Marina (dove sei??), ecc questo spazio perderebbe  dinamicità... diventando "Nuoto Mania il museo"
no?

É vero condivido anch'io.
Chiaro che l'opinione degli esperti é la più ambita, ma anche le testimonianze di un neofita secondo me possono essere preziose: agli istruttori possono offrire spunti per capire sempre meglio il punto di vista di chi sta apprendendo il nuoto, e fra neofiti perché condividendo esperienze analoghe magari ci si aiuta a superare analoghe situazioni di difficoltà.

Condividi sui social

1,148

Re: delfino

Ben venga lo scambio di opinioni, che aiuta sempre a crescere. Ben venga l'umiltà di chi offre la sua opinione, te ne sono grato nuotix, come sono grato della disponibilità e particolare preparazione di Stefano.
Comunque, per tornare al nuoto, sto nuotando il delfino con il pool, curando la bracciata, ma per adesso non miglioro, effettuo sempre una distensione che provoca una pausa deleteria nella bracciata.  Continuerò a provare.
Buon anno a tutti
Valentino

Condividi sui social

Re: delfino

Ci si riesce, ci si riesce!!!
Per me é stato come fischiare: ci provi finché non ti viene.
All'inizio mi sembrava di essere un bove con la giogaia che cercava di arare l'acqua (che può essere durissima, se presa male...), poi a un certo punto mi é partita una bracciata che bella limpida, e quando succede le braccia vengono fuori da sole come per magia, e te le ritrovi davanti al viso. E se ti viene proprio bella slanciata, ti accorgi anche di quanto possa essere semplice emergere quel tanto che basta per respirare. Credo che sia fondamentale non recuperare prima del tempo: lasciare spingere bene la bracciata, perché altrimenti le mani non riesci a farle riemergere se non hai esaurito la remata.

Prova anche a secco: io la mattina, quando mi "sgranchisco", a volte mi metto in piedi con il tronco ad angolo retto. Provando a fare una remata simile a quella del delfino (lenta!!!!), mi sono accorto che ero carente riguardo alla flessibilità dell'articolazione e forse anche muscolatura della spalla (i famosi "requisiti"!!!!). Da allora ci dedico qualche minuto di più, e remo di braccia un poco meglio.

The ice caps are melting, Leonard.
In the future, swimming isn't going to be optional.

Condividi sui social

Re: delfino

nove ha scritto:

Ben detto Piscis99,
ti dirò di + oggi in acqua (silenzio che mia moglie credeva fossi ancora a fare la spesa) c'era un tizio che vedo raramente, uno forte forte e io FORTE dei consigli dei consigli appresi qui sul forum gli ho 'suggerito' che nel suo delfino (okkio che stava facendo 40*25 st/de frazionato a 5" e 10") di inserire il viso dopo la respirazione, prima dell'inserimento delle braccia. Pensa che lui era nella corsia vicino e aveva visto tutto il mio 'allenamento' che comprendeva un 8*25 de con 40" di recupero... insomma un topolino a confronto. Beh lui ci ha pensato un attimo e ha detto ben vengano i buoni consigli da chi ama il nuoto... io nuoto per passione non per i tempi oppure per gare ecc... non ho osato chiedere se era un ex agonista. Inoltre un istruttore a bordo vasca aveva appena finito di spiegare ad una ragazza... la famosa S di superman e il buco della serratura in ottone da fare nella fase di spinta a delfino... io e lui ci siamo fatti una risata sott'acqua...

Ciao N

Da quando ho cominciato a capire qualcosa di nuoto, ho capito che secondo me é una delle più grosse PU*****TE che si possano dire a uno che sta imparando a nuotare.

The ice caps are melting, Leonard.
In the future, swimming isn't going to be optional.

Condividi sui social