1

Argomento: Nuotata a rana

Buongiorno a tutti, vorrei un chiarimento sullo stile rana. Premetto che non sono una grande nuotatrice e tutto quello che ho imparato è farina del mio sacco. Da ottobre ho deciso di inscrivermi a un corso, dopo due anni che praticavo nuoto libero, e il mio instruttore mi ha detto che la spinta delle gambe a rana deve avvenire verso il basso. Dai vostri filmati mi sembra di capire che le gambe sono a filo acqua. Qual'e' la giusta posizione?! Vi ringrazio molto e complimenti per il sito

Condividi sui social

2

Re: Nuotata a rana

Ciao Sabrsan
e benvenuta smile
premesso che come detto più volte la rana credo sia lo stile più diff da imparare e insegnare... nella prima fase dell'apprendimento la posizione è obliqua nn a pelo d'aqua orizzontale come stile e dorso... i filmati fanno vedre agonisti e la nuotata rana che vedi giuro ha poco a che fare con la rana didattica wink ...poi col tempo e a seconda delle tue inclinazioni la nuotata rana si può modificare...cmq ora segui i consigli dell'istrutt...sedere basso gambe sotto l'acqua ma attenta a NN portare le ginocchia sotto la pancia ... per qualunque altra cosa siamo qui!
Baci Marci

Condividi sui social

3

Re: Nuotata a rana

prova ad andare di gambe rana sul dorso oltre che prona..quest'ultimo esercizio con le braccia lungo i fianchi e il tallone che sfiora il gluteo smile

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

4

Re: Nuotata a rana

se poi ti viene difficile, perchè tieni le gambe troppo aperte, usa il pull buoy in mezzo alle gambe...
...

Condividi sui social

5 (modificato da Kaliffo 23-10-2008 12:21:50)

Re: Nuotata a rana

marci ha scritto:

..sedere basso..
Baci Marci

Sedere basso??

"Un’altro tipico errore è l’affondamento del bacino e delle gambe dovuto alla poca velocità di azione e alla rigidità del corpo."

Sta scritto nella pagina di questo sito relativa allo stile rana e che ovviamente è corretta.

La spinta obliqua  serve a chi inizia a fare rana proprio per imparare a tenere il sedere alto.

Condividi sui social

6

Re: Nuotata a rana

...si...concordo con marci nel dire che la rana è lo stile che meno si presa ad essere spiegato(scritto ancora meno) smile
poi la nuotata a rana a seconda se prevale la spinta di gambe(che dovrebbe)o braccia subisce tante modificazioni wink
la frase che hai letto ti vuole spiegare che quanto più la rana è evoluta,ossia ben nuotata, piùti porta a stare meno inclinato posibile,quindi alto in acqua parallello ad essa!lo scopo nella rana(anche nel delfino per tanti versi)è scivolare il più possibile:se ti"acconigli"la nuotata è corta e diventa faticosissima oltre che ben poco propulsiva!!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

7

Re: Nuotata a rana

Ieri il mio istruttore ci ha fatto fare un esercizio con pull buoy tra le gambe e braccia rana.
impossibile procedere.  Mi ha detto di spingere le gambe verso il basso ma ...mi sono accartocciata completamente e proceduto a passo di formica.....che fatica. che senso ha questo esercizio?

Condividi sui social

Re: Nuotata a rana

LA SPINTA è IN BASSO LATERALMENTE, A PELO D'ACQUA NON HAI PRESSIONE E SPINGI POCO ( E RISCHI DI BECCARE CON I PIEDI LE CORDE DELLE CORSIE FACENDOTI MALE) GAMBATA RANA CON PULL TRA LE GAMBE L' HO VISTA SU UN VIDEO PRESO DA YOU TUBE E L' HO FATTA ( CON UN PUNTO INTERROGATIVO SUL VISO DEL MIO ISTRUTTORE MATTUTINO) FAI FATICA EFFETTIVAMENTE AD ANDARE AVANTI MA CREDO CHE SERVA PER DARTI MAGGIORE SENSIBILITà SULLA POSIZIONE DEL PIEDE A MARTELLO

NON ESISTONO LIMITI CHE NON SI POSSANO SUPERARE MA ESISTONO UOMINI  E DONNE CHE SANNO QUALI SONO I LORO LIMITI E SANNO COME OLTREPASSARLI

Condividi sui social

9

Re: Nuotata a rana

si...ti costringe a tenere il piede a martello ma anche ti costringe a muovere la gamba in modo circolare,non solo la coscia!!quest'ultimo non è un movimento propulsivo in modo diretto,ma indiretto:non ti fa avanzare,ma ti fa andare l'acqua tra le cosce,cosa che ti spinge avanti...
non riesci per problemi coordinativi,prova a farlo tenendo ferme le braccia,aggiungendole solo dopo!!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

10

Re: Nuotata a rana

Kaliffo ha scritto:
marci ha scritto:

..sedere basso..
Baci Marci

Sedere basso??

"Un’altro tipico errore è l’affondamento del bacino e delle gambe dovuto alla poca velocità di azione e alla rigidità del corpo."

Sta scritto nella pagina di questo sito relativa allo stile rana e che ovviamente è corretta.

La spinta obliqua  serve a chi inizia a fare rana proprio per imparare a tenere il sedere alto.

Ciao Kaliffo
tt ciò che vedi scritto nei libri o nei siti purtroppo vale e nn vale nel senso che sono esercizi o spiegazioni modello che hanno poco a che fare con il materiale umano...giusto per darti un'idea al corso di allenatore ho seguito le lezioni del prof.Penso (metodologo Pellegrini) e del prof. Ferretti (ex allenatore Fioravanti) ...due luminari e ti posso dire che avevano idee molto diverse... wink
Questo per dirti che nn è una scienza esatta e sopratt nella rana le cose si complicano
Insisto sulla posizione obliqua in acqua quando stai imparando il movimento delle gambe.. se dico ad un princ di nuotare piatto quando impara, al 90% fa questi due errori: o porta le ginocchia  sotto la pancia tenendo il sedere alto oppure nuota con i piedi fuori dall'acqua...
Ciao Marci

Condividi sui social

11

Re: Nuotata a rana

niki66 ha scritto:

Ieri il mio istruttore ci ha fatto fare un esercizio con pull buoy tra le gambe e braccia rana.
impossibile procedere.  Mi ha detto di spingere le gambe verso il basso ma ...mi sono accartocciata completamente e proceduto a passo di formica.....che fatica. che senso ha questo esercizio?

Ciao Niki66
io così nn lo uso..il pull buoy lo faccio usare a gambe rana sul dorso per concentrare l'attenzione sulla parte inferiore della gambata e limitare l'apertura delle gambe che spesso ha chi ha una rana naturale...fatto fare ad uno che impara con la bracc rana mi sembra effettivamente un pò duro! smile
Baci Marci

Condividi sui social

12

Re: Nuotata a rana

Grazie per le varie risposte che mi avete dato provero' anche a pancia  in su cmq ho notato che piu' tengo il sedere in alto piu' riesco a dare maggiore spinta.

Condividi sui social

13

Re: Nuotata a rana

sabrsan ha scritto:

...cmq ho notato che piu' tengo il sedere in alto piu' riesco a dare maggiore spinta.

Esatto

Condividi sui social

Re: Nuotata a rana

Ciao,sono nuovo e volevo sapere: per andare più veloce a rana devo effettuare un moviomento più intenso(lungo) e più veloce, oppure devo dare maggiore spinta a braccia e gambe?

Condividi sui social

15

Re: Nuotata a rana

devi cercare di scivolare più possibile...allora,prima fai la gambata,quando senti che lo scivolamento sta per venire meno,fai la bracciata...se le gambe son distese le braccia piegate e viceversa...i movimenti sono sincroni ma non contemporanei...nella rana,la fase di spinta non c'è.eccetto nel tuffo e in virata....

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

16

Re: Nuotata a rana

Nella rana, o comunque nell'imparare bene lo stile della rana, la scommessa vincente è la calma, un'ottima coordinazione è di molto più efficace rispetto ad una ricerca affannosa di una grande spinta o di un'alta frequenza, magari a discapito della spinta stessa.
Sarebbe più facile farlo vedere che spiegarlo, perchè la rana è sicuramente lo stile più complesso (da spiegare). Sbagliare, anche se di poco, la coordinazione, fa perdere gran parte dello scivolamento. Diciamo che esaurita la fase di (poca) propulsione delle braccia, mentre queste si preparano ad essere spinte in avanti, le ginocchia si flettono e inizia il recupero della gambata. Diciamo che anche un movimento leggermente asincrono, con una pausa in cui si è completamenti distesi, può aiutare nello scivolamento e quindi ad apprendere in maniera corretta lo stile.

Condividi sui social

17

Re: Nuotata a rana

perchè se eseguo la rana con gambe e braccia procedo discretamente,( nel senso che mi viene meglio la coordinazione) mentre se uso la tavoletta spingendo di gambe dopo le prime gambate quasi mi siedo e rallento di molto!!!!!!!!!!!? direi che senza braccia mi affogo.

Condividi sui social

18

Re: Nuotata a rana

hai poca forza nella gambe..sono loro che danno il 60% di propulsione...

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

19

Re: Nuotata a rana

Salve a tutti, voglio portare la mia esperienza di neofita sullo stile rana. E' lo stile dove ho maggiore difficoltà (ora le sto superando), sono migliorato moltissimo e ho notato alcuni difetti che prima avevo. Premesso che ho le gambe molto potenti, per me non è una questione di forza ma di tecnica. Questi sono i difetti che ho riscontrato: nella bracciata quando distendevo le braccia andavo troppo sotto e non rimanevo sotto il livello dell'acqua, con la schiena (a livello lombare) quando do la spinta con le gambe tendo ad essere troppo rigido, ho notato che dando una gambata con scioltezza, senza imprimere molta forza, scivolo molto meglio. Non so se siano giusti questi consigli ma è quello che ho osservato nel mio modo di nuotare. A presto Towanda, ah dimenticavo sabato ho la mia prima gara. Una fifa pazzesca.

Condividi sui social

Re: Nuotata a rana

Non per contraddire Marina, ci mancherebbe altro, che senza dubbio sa quello che dice riguardo al nuoto mille volte più di me, però in effetti io ho le gambe piuttosto (per non dire decisamente) magre, eppure la mia gambata a rana è decisamente efficace.

Prendendo in prestito un'espressione che ho già letto altre volte in questo forum, credo porprio di potermi catalogare fra quelli che hanno "la rana naturale".

Ovvio che un nuotatore preparato e talentuoso trova un apporto importante da una muscolatura potente, però a dire che mi sembra di poter ragionare che è più efficace un buon gesto tecnico, che non una muscolatura potente.

The ice caps are melting, Leonard.
In the future, swimming isn't going to be optional.

Condividi sui social

21

Re: Nuotata a rana

contraddicimi pure perchè ne hai ben d'onde!!!"non hai la gambata a rana forte",volevo dire...ma certe volte,sapete quanto sono buffa,le parole corrono più del cervello...avere una buona,potente gambata a rana,non comprende solo un presupposto di forza,ma sentire l'acqua all'interno di caviglie,gambe e cosce in un determinato modo...scusatemi per l'inesattezza del post!!!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

22

Re: Nuotata a rana

Anch'io con la tavoletta e le gambe a rana non vado avanti il mio istruttore dice che faccio troppo peso sulla tavoletta che dovrei essere meno rigida cmq non mollo io continuo a insistere

Condividi sui social

23

Re: Nuotata a rana

attenzione a non sollevare la tavoletta,che ti farebbe resistenza...

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

24

Re: Nuotata a rana

sabrsan ha scritto:

Anch'io con la tavoletta e le gambe a rana non vado avanti il mio istruttore dice che faccio troppo peso sulla tavoletta che dovrei essere meno rigida cmq non mollo io continuo a insistere

ciao Sabrasan
se nn vai avanti a gambe la tavoletta nn serve... consiglio spassionato... lavora sul movimento gambe rana sia in posizione dorso con braccia lungo i fianchi in modo da far arrivare i tallloni alle mani e renderti conto del movimento e se prorpio dovesse essere necessario anche a secco...seduta sul bordo vasca con le gambe a mollo rifai il movimento guardandoti le gambe purtroppo noi adulti siamo un pò tardi dobbiamo visualizzare bene il movimento prima di riprodurlo e la rana nn è semplice...
baci Marci

Condividi sui social

25

Re: Nuotata a rana

Grazie per il consiglio Marci ma il mio istruttore mi ha detto che il movimento non e' sbagliatissimo mi manca la spinta giusta come faccio a spingere di piu'? Vi ringrazio ciao

Condividi sui social