1

Argomento: Gambe stile libero

Qualcuno potrebbe indicarmi qualche esercizio per migliorare la gambata a stile. Praticamente le gambe le uso molto poco e la loro spinta è minima
Grazie

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

Stesso problema che avevo io.
Tavoletta, tanta tavoletta e pazienza. Occorre recuperare la morbidezza e la fluidità del movimento ma seve molto esercizio.
Magari, se hai la possibilità, fatti dire, da uno che ti vede da fuori, se il movimento che fai, indipendentemente dalla velocità è corretto.
Ciao
Luigi :-)

Vasche, vasche e vasche.... :-)

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

Ecco: la questione gambe.
Ho letto (forse su questo stesso sito), che sebbene la gambata contribuisca alla propulsione, ha principalmente una funzione stabilizzatrice.
Fra l'altro ricordo di aver letto che dal momento che la gambata, in proporzione alla propulsione che può generare, brucia molto, in fase di gara si tende a minimizzarla, accelerandola magari in volata finale per guadagnare in velocità.
Ricordo anche di aver parlato con un mio istruttore dell'eventualità di aumentare un po' la frequenza in corrispondenza della respirazione, per evitare di finire troppo sotto.

A me succede che quando faccio vasche col pull-buoy, schizzo bello diritto, e mi stanco molto meno che a stile completo.

Questo vuol dire, credo due cose: che probabilmente la mia bracciata è dignitosamente efficace, e l'assetto corretto (perché filo bello diritto) e che invece devo migliorare il lavoro di gambe. Perché mi succede che a stile completo vado presto in affanno, e ancora non riesco a fare le mie vasche a stile, per così dire, andando piano. Continuo ad avere l'impressione che cerco di compensare le mie insicurezze sul galleggiamento nuotando più freneticamente di quanto non sia necessario.

Quando vado a fare nuoto libero, vedo gente che macina vasche su vasche, ma spesso solo perché riesce a nuotare con calma!

Mi chiedo quale tipo di efficienza devo andare a cercare sulla gambata.
Se sia cioè indispensabile guadagnare una gambata che generi spinta in avanti, o non possa essere sufficiente (sto parlando da persona che nuota da 6/7 mesi) trovare una gambata che dia un buon assetto di galleggiamento.

Va anche detto che solo di recente, con la tavoletta, sono riuscito a spingermi con efficacia, ma che fatica!!

Ma c'è qualcun altro che alla "veneranda" età di 35 anni gli è scoppiata come me la testa per il nuoto?!..

ciao a tutti!

The ice caps are melting, Leonard.
In the future, swimming isn't going to be optional.

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

luigi_67 ha scritto:

Stesso problema che avevo io.
Tavoletta, tanta tavoletta e pazienza. Occorre recuperare la morbidezza e la fluidità del movimento ma seve molto esercizio.
Magari, se hai la possibilità, fatti dire, da uno che ti vede da fuori, se il movimento che fai, indipendentemente dalla velocità è corretto.
Ciao
Luigi :-)

ciao..stavolta non sono del tutto d'accordo con luigi...cominciare con la tavoletta da subito non serve a molto...innanzitutto sarebbe opportuno verificare se, come mi pare di aver capito ti muovi tanto e cammini poco, riesci a mettere i piedi in totale estensione....una volta acquisito questo semplice ma fondamentale particolare, ti consiglio, per acquisire bene il movimento della gambata, di procedere per qulache lezione, con degli scivolamenti dal bordo vasca e sulla spinta batti forte le gambe con i piedi in totale estensione, lavorando su 5 metri...ripeti questo esercizio 15-20 volte a lezione e, abbi pazienza , ma questo esercizio, seppur non troppo gratificante sul momento, ti aiutera tantissimo nella percezione del corretto movimento delle gambe....
se hai dubbi..sono qui;)

mARCO

di yellow86 sito web

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

Cirone Furioso ha scritto:

A me succede che quando faccio vasche col pull-buoy, schizzo bello diritto, e mi stanco molto meno che a stile completo.

Questo vuol dire, credo due cose: che probabilmente la mia bracciata è dignitosamente efficace, e l'assetto corretto (perché filo bello diritto) e che invece devo migliorare il lavoro di gambe. Perché mi succede che a stile completo vado presto in affanno, e ancora non riesco a fare le mie vasche a stile, per così dire, andando piano. Continuo ad avere l'impressione che cerco di compensare le mie insicurezze sul galleggiamento nuotando più freneticamente di quanto non sia necessario.

non preoccuparti per la gambata...verra da se piano piano...secondo me non è corretto accelerare il ritmo delle gambe...prova invece , a stare in assetto con pochissimi colpi di gambe, se ci fai caso, le persone a cui ti riferisci che fanno vasche e vasche, sicuramente avranno un movimento di gambe bassissimo, proprio per risparmiare energie smile

mARCO

di yellow86 sito web

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

Ehi, grazie!
Come sempre consigli molto utili e azzaeccati.
Farò anch'io l'esercizio di scivolamento che hai consigliato sopra.
Ma quando parto, braccia distese lungo i fianchi o distese in avanti?
O movimento a stile?

Danke!

The ice caps are melting, Leonard.
In the future, swimming isn't going to be optional.

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

braccia distese in avanti: massimo allungamento smile

di yellow86 sito web

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

Ma quando si nuota con la tavoletta e gambe a stile, che a me risulta molto massacrante, i piedi che sbattono vanno tenuti il + possibile sott'acqua o nn fa differenza la cosa????

...macino metri e metri per non pensare ad altro...se non a nuotare...:D

di Lallacool sito web

Condividi sui social

9

Re: Gambe stile libero

...sotto il pelo dell'acqua e senza ...tavoletta!!!!!!!!

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

golem ha scritto:

...sotto il pelo dell'acqua e senza ...tavoletta!!!!!!!!

Immaginavo non troppo fuori dall'acqua...ma il mio istruttore ci fa fare un sacco di metri di gambe stile con tavoletta....Ke devo fare?????

...macino metri e metri per non pensare ad altro...se non a nuotare...:D

di Lallacool sito web

Condividi sui social

11

Re: Gambe stile libero

ognuno ha le sue teorie in proposito, io ai miei allievi compreso il gruppo master non la faccio quasi mai usare x le gambe stile, ma cio' non significa che chi la fa utilizzare sbagli...io per esempio la propongo solamente nella scuola nuoto bambini  e ragazzi x l'insegnamento della respirazione e della bracciata stile, e nell'insegnamento della gambata rana.
prova a farti l'esercizio con le braccia alte resp. a dx e sx.., poi vedi se fai gli stessi m. e se ti stanchi di meno.
ciao!

Condividi sui social

12

Re: Gambe stile libero

Ciao Lallacool sono Marci
e sono d'accordissimo con Golem
La tavoletta l'ho detto più volte per me è resistenza gambe; nei principianti adulti soprattutto ma anche con i bimbi è un'arma a doppio taglio...forse al tuo istruttore manca un pò di fantasia...tutti gli esercizi che fai con la tav li puoi fare senza....beh l'acqua è un appoggio cedevole per le mani, quindi all'inizio fai meno metri ma è solo questione di pratica...nn usarla fai un pò più di fatica ma sicuramente avrai un maggiore controllo di gambe piedi e caviglie....ciau

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

marci ha scritto:

Ciao Lallacool sono Marci
e sono d'accordissimo con Golem
La tavoletta l'ho detto più volte per me è resistenza gambe; nei principianti adulti soprattutto ma anche con i bimbi è un'arma a doppio taglio...forse al tuo istruttore manca un pò di fantasia...tutti gli esercizi che fai con la tav li puoi fare senza....beh l'acqua è un appoggio cedevole per le mani, quindi all'inizio fai meno metri ma è solo questione di pratica...nn usarla fai un pò più di fatica ma sicuramente avrai un maggiore controllo di gambe piedi e caviglie....ciau

certo ke gambe stile con tavoletta e meno pesante di gambe stile senza...!ma se può dare maggiori e migliori risultati posso provare a fare una battuta al mio istruttore (visto ke c'è un buon rapporto) e vedere ke faccia fa!

...macino metri e metri per non pensare ad altro...se non a nuotare...:D

di Lallacool sito web

Condividi sui social

14

Re: Gambe stile libero

Ciao Lallacool
Sono Marci io nn lo farei fossi in te, anche se avete un bel rapporto.... smile
Innanzittutto nn credo la prenderebbe bene, normalmente gli istruttori e gli allenatori hanno un ego stratosferico e poi una volta un mio collega saggio mi ha detto che si può arrivare al risultato in modi differenti ma ci si arriva uguale...Inoltre nn si tratta di più o meno facile, è semplicemente un modo diverso di operare. Io nn la faccio usare molto perchè sono convinta che il controllo del corpo libero dia più risultati ma ti ripeto sono modi diversi di lavorare e nn è detto che uno o l'altro siano più o meno giusti! Ciao e buona nuotata!

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

ok grazie dei consigli marci! In effetti ogni persona è differente dalle altre e bisogna imparare un pò da tutti qualcosa! Cmq sia sarà nel mio piccolo, quando nuoto, cercare di migliorare!;)

...macino metri e metri per non pensare ad altro...se non a nuotare...:D

di Lallacool sito web

Condividi sui social

16

Re: Gambe stile libero

Io in genere sono contrario all'uso della tavoletta.Si può fare gambe in tutti gli stili anche senza.1° perchè ci si abitua troppo all'appoggio durevole sull'acqua;2°perchè l'assetto idrodinamico con la tavoletta secondo me è troppo diverso da quello che si ha dopo nello stile completo,soprattutto nella rana.Un altra cosa importante nelle gambate,in tutti gli stili,è la flessibilità delle articolazioni.Non me ne vogliano i karatechi ma in genere hanno una piede saldato a 90°sulla gamba e quindi "scavano" sull'acqua,non la "schiacciano".Qualche risultato 2 ragazzi che conosco io lo hanno ottenuto con un esercizio di distensione del piede "a secco".Consiste nel mettersi in ginocchio coi piedi distesi e allungati su qualcosa di morbido tipo un tappeto e lentamente sedersi sui talloni.Poi ci si può leggermente inarcare all'indietro col busto.Col tempo allunga la distensione del piede.é come una forma di stretching penso, ma funziona.Buone vasche e vista la data auguro a tutti un 2008 clorato!!!

Condividi sui social

17

Re: Gambe stile libero

Ciao swimmer sono Marci
su alcuni punti sono d'accordo con te...la tav è un vincolo e soprattutto nei princ adulti che già sono rigidi tende a irrigidire di più...per quanto riguarda la rana nn sono d'accordo anzi....la tavoletta per me è molto utile....nella progressione didattica dell'insegnamento rana normalmente se il movimento è corretto (gambe in posizione X e piedi a martello) procedo con gambe rana sul dorso in modo da controllare la gambata e l'uscita delle ginocchia dall'acqua (che nn ci deve essere!) e poi pancia giù, tav, testa fuori e gambe rana...in questo modo la posizione risulta diagonale, il bacino è più basso, le gambe naturalmente scendono sotto l'acqua e il movimento risulta migliore è più controllabile...
fammi sapere che ne pensi ok?
ciao

Condividi sui social

18

Re: Gambe stile libero

ciao marci....oggi non sono d'accordo con te....se il movimento della gambata rana e corretto fin da subito (la rana o ti viene subito o ci voglione mesi per impararla), procedo subito gambe rana braccia in assetto con esercizi che sono mirati a far comprendere il tempo giusto dell'entrata in acqua della testa...

di yellow86 sito web

Condividi sui social

19

Re: Gambe stile libero

Ciao CAPO smile

Lo sai che adoro discutere con te....stiamo parlando di adulti ok? allora premesso che nn sto parlando di ritmo, nè di coordinazione testa/braccia/gambe cosa che sappiamo entrambi essere fondamentale nella rana, ma stiamo parlando solo di come insegnare correttamente gambe rana...l'assetto della rana è diverso e la nuoto con le gambe che vanno sotto l'acqua altr capita che il piedi escano fuori e spingano l'aria nn l'acqua oppure che il bacino sia troppo alto ... nn occorrono mesi per imparare solo gambe ma è vero che la rana è spesso naturale...premesso questo resto della mia idea...con la gambata rana sul dorso un adulto ha più punti di riferimento si controlla ginocchia posizione delle gambe e dei talloni vicino al sedere, poi gambe rana sul dorso con pull buoy vicino alle ginocchia, braccia sempre lungo i fianchi ... e poi gambe con tav e senza...solo se ho una spinta efficace è una corretta posizione procedo con braccia e respirazionee soprattutto con gli esercizi che hai suggerito per una buona coordinazione...
aspetto news
baci marcella
PS se poi l'adulto in questione è uomo mi è servito spesso, x fargli capire con che parte del piede devono spingere, dire che la spinta è data dalla parte interna laterale del piede come un calcio laterale della palla nel gioco del calcio wink

Condividi sui social

20

Re: Gambe stile libero

ciao marci:)

sono d'accordo con te sulle gambe rana su dorso...io ai bambini la insegno prima su dorso poi in posizione prona...il mio discorso era rivolto all'uso della tavoletta...considerando che: se una riesce ad avanzare con la tavoletta, puo farlo anche senza e cosi esercitando la gambata e al contempo migliorando la coordinazione, la impara prima:)
un bacio

mARCO

di yellow86 sito web

Condividi sui social

21

Re: Gambe stile libero

ok marco
... stavamo più o meno parlando della stessa cosa...infatti nn pensare che faccio fare due km con la tav a rana, però è più utile che x gli altri stili dove continuo a dire che la tav fa più danno che altro smile smile smile
baci marci

Condividi sui social

Re: Gambe stile libero

ciao a tutti!
ho bisogno di aiuto...
quando faccio gli esercizi x la gambata a stile con la tavoletta faccio una fatica allucinante, arrivo a fine vasca senza fiato! ma proprio senza fiato!!! e se lo faccio lentamente praticamente neanche mi muovo!  E' un problema di come tengo le gambe o semlicemente di tempo (faccio questi esercizi da due mesi, un paio di volte la settimana).
Chiedo aiutoooo!!!

Condividi sui social

23

Re: Gambe stile libero

Bisognerebbe vederti per capire cosa sbagli: comunque l'uso degli arti inferiori comporta un dispendio energetico notevole quindi non meravigliarti, è normale.
Per migliorare la tecnica ricorda che: le gambe sono distese (non piegare troppo il ginocchio)
I piedi restano sott'acqua (non sbatterli sulla superficie dell'acqua)
il movimento parte dall'anca poi coscia gamba caviglia (quest'ultima sciolta non rigida), una specie di frustata insomma.

Condividi sui social

24

Re: Gambe stile libero

perfetto quello che t ha detto beppone!!tuttavia,prova a fare gambe stile tavoletta a testa alta!! wink

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

25

Re: Gambe stile libero

beppone5 ha scritto:

Per migliorare la tecnica ricorda che: le gambe sono distese (non piegare troppo il ginocchio)
I piedi restano sott'acqua (non sbatterli sulla superficie dell'acqua)
il movimento parte dall'anca poi coscia gamba caviglia (quest'ultima sciolta non rigida), una specie di frustata insomma

oggi pomeriggio rientrato in piscina dopo 10 giorni di fermo forzato: nella corsia accanto si stava allenando il personal trainer che mi segue in palestra ma che insegna anche nuoto. ovviamente ha macinato non so quante decine di vasche a stile tutte con virata e con piccoli riposi ogni taaaaanto...
la mia curiosita' e' caduta sulle sue gambe, che sembrano affondare come se non piu' delle mie: prima l'ho notato mentre nuotavo in subacquea e poi incuriosito ho verificato un paio di volte immergendomi da fermo di proposito appena ripartiva, e a me sembra proprio cosi'. ok il movimento e la posizione, pero' le ho viste molto immerse: molto piu' di quanto pensassi.

ma le gambe non dovrebbero stare appena sotto il pelo dell'acqua ?
la mia P.T. ultimamente mi aveva fatto notare questo problema, e ne avevo anche scritto qua': ma adesso mi sento un po' confuso...
come si spiega questo ? oppure avro' visto male? ho la vista un po' debole...
forse dovrei proprio comprarmi gli occhialini graduati, come da suggerimento di Stefano qualche settimana fa  big_smile
oppure tenere le gambe "alzate" e' un sistema per imparare (suppongo) meglio ?

Si fa presto a dire ... NUOTO

Condividi sui social