Re: Nuoto e palestra

La quadra bar è questa:
http://www.youtube.com/watch?v=-jlkD7FZd4Y
Le spinte su panca sono mettersi sulla panca a pancia in su,afferrare il bilancere o i manubri e poi spingere verso l'alto.
Le rotazioni sono i movimenti di adduzione e rotazione del braccio.
E' spiegato anche qua con un paio di disegnini:
http://www.lenciclopedia.it/allenamento-pettorali.html

Infine,i lavori muscolari si distinguono in :
concentrici:quando il lavoro del muscolo ottiene di avvicinare i capi articolari (per esempio il crunch addominale);dopo il lavoro i nuovi sarcomeri che vanno a sostituire quelli cannibalizzati vengono collocati ai lati del muscolo,rendendolo più largo
Eccentrici: quando durante il lavoro il muscolo allontana i capi articolari (per esempio il reverse crunch);dopo questo lavoro i nuovi sarcomeri vengono ricostruiti alle estremità del muscolo,rendendolo più lungo,più forte e più flessibile
Isometrici,sono i lavori durante i quali la lunghezza del muscolo non si modifica (per esempio il crunch statico);il loro effetto sul muscolo è lo stesso dei lavori eccentrici.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

327 (modificato da Marioaversa 01-01-2012 16:49:32)

Re: Nuoto e palestra

Buon anno a tutti!
Stefano avrei bisogno di un tuo consiglio circa l'organizzazione settimanale di allenamenti a secco:
TEMPO A DISPOSIZIONE: da lun a ven dalle 19,30 alle 20,30 - sab e dom non ho problemi di orari.
ATTREZZI: elastici, fitness pump e tappetino

Considerando che nuoto da lun a ven dalle 12 alle 13,15. Come potrei gestirmi per esercizi di Stretching e potenziamento?

Ciao

1) AUT DISCE, AUT DISCEDE
2) Azzoppare il cavallo pensante....questo

Condividi sui social

328

Re: Nuoto e palestra

stefano '62 ha scritto:

Infine,i lavori muscolari si distinguono in :
concentrici:quando il lavoro del muscolo ottiene di avvicinare i capi articolari (per esempio il crunch addominale);dopo il lavoro i nuovi sarcomeri che vanno a sostituire quelli cannibalizzati vengono collocati ai lati del muscolo,rendendolo più largo
Eccentrici: quando durante il lavoro il muscolo allontana i capi articolari (per esempio il reverse crunch);dopo questo lavoro i nuovi sarcomeri vengono ricostruiti alle estremità del muscolo,rendendolo più lungo,più forte e più flessibile
Isometrici,sono i lavori durante i quali la lunghezza del muscolo non si modifica (per esempio il crunch statico);il loro effetto sul muscolo è lo stesso dei lavori eccentrici.

Ciao

Mi potresti citare la fonte di questa spiegazione? smile

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

Sono le nozioni più elementari in tema di fisiologia,un pò come le tabelline nella matematica che già si insegnano alle elementari.
Mi sono state insegnate da insegnanti universitari di fisiologia sportiva duranti i corsi federali,e mi sono state ribadite paro paro da istruttori del FIF durante alcuni corsi di qualificazione nel fitness.
Ora non ricordo i nomi dei testi (per lo stesso motivo per cui non saprei linkarti un testo specifico che dimostri che le tabelline imparate a memoria a scuola sono esatte) puoi però trovarne riscontro in qualsiasi testo in circolazione sul tema,a meno che non lo diano per ovvio e scontato pure loro come il due più due.

I nomi che mi vengono più facilmente in mente sono Boris Bazzani per quanto riguarda il personal training,e i testi di Pierluigi De Pascalis per quanto riguarda la fisiologia accademica.

Oppure ancora più facile puoi chiedere nella tua palestra,te lo confermeranno e forse ti riveleranno anche che è esattamente il motivo per cui quando fai pesi la fase concentrica deve essere rapida e serve ad aumentare la sezione del muscolo,mentre il ritorno (fase eccentrica) deve essere lento e controllato.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

330

Re: Nuoto e palestra

Mi sa che allora io devo averle letto di traverso le tabelline ;P
Ti rispondo appena ho un momento per rispolverare qualche testo sacro, altrimenti rischio strafalcioni, la fisiologia non è il mio forte.

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

LeoM73 ha scritto:

salve a tutti, pratico nuoto agonistico e faccio palestra 2 volte a settimana.
in palestra faccio un allenamento a circuito con riposi tra un esercizio e l'altro di circa 10-15 sec e tra un round e l'altro di circa 1 minuto.
Questo è il programma:

Primo allenamento:
Leg press 12 X 5
DB Lunge 10 X 4
Close grip beanch 12 X 5
Plate crunch 20 X 5
Dead bugs 20 X 5
opp arm leg 10 X 5

Secondo allenamento:
Incline DB Bench 12 X 5
DB Bench 10 X 4
Inverted Row 10 X 4
Squat Jumps 10 X 5
Squats 10 X 5
Step-up 10 X 5
Reverse Hypers 10 X 5
Front Raise 20 X 4
Side Raise 5 X 4

i pesi non superano i 30 kg e faccio serie lunghe.
Secondo voi è un buon allenemento?
Il dubbio mi è venuto mentre mi allenavo sui 50 perchè al 3° round avevo i muscoli quasi bloccati e duravo molta fatica. Probabilmente è per la mancanza di allenamento ma vorrei anche sapere se la palestra inflenzi negativamente la mia prestazione in piscina.

Non hai specificato i recuperi tra le serie e tra le ripetute (sono fondamentali per valutare il tipo di lavoro e il carico)
E non ho capito se si tratta di farina del tuo sacco,se di un consiglio di qualche trainer da palestra,o se si tratta del lavoro imposto dall'allenatore di nuoto e se lo fai da solo o con la squadra,ma penso di no perchè altrimenti non ripeteresti sempre le stesse schede bensì varieresti il lavoro ogni volta come è giusto che sia.

Qualsiasi cosa tu facci in palestra dovrebbe essere stabilito dall'allenatore secondo metodiche precise.
Variando il tipo di lavoro in funzione di ciò che fai in vasca,in termini di obiettivo e in termini di carico.
Se lo si fa nel modo corretto diventa un aiuto idispensabile per lo sviluppo della prestazione.
Altrimenti si possono creare conflitti molto fastidiosi e controproducenti.

Per capire cosa intendo e come comportarti,leggi tutta la discussione,e magari anche questo articolo:
http://www.nuotomania.it/public/blog/index.php/2010/12/palestra-e-nuoto/

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

Theus ha scritto:

Salve a tutti,
ho nuotato per 8 anni a buoni livelli (semi agonistici) poi a 15 anni ho dovuto interrompere (studio scuola ecc...) e ho ripreso da 2 anni con questo quindi 2010.
problemi di fiato non ne ho anche perchè non ho quasi mai fumato e comunque ho sempre fatto qualche tipo di sport (es: 30m in apnea a rana sub me li faccio tranquillamente).

purtroppo ho avuto dei problemi 3 anni fa e finendo in ospedale per 1 mese ho perso 14 kg passando da 73 che ero a 59 ..
ora sono riuscito a ritornare a 70 e mi trovo bene a nuotare ma vorrei aumentare un po' la massa anche perchè sono alto 1.87m quindi diciamo che sono abbastanza scheletrico anche se ho due spalle giganti.

ora come ora nuoto LUN,MER,VEN 45minuti facendo dai 1700 ai 2200 a sera  (non essendo nuoto libero varia se ad esempio una sera ci fa fare 400m gambe ecc... ma la media è quella)

martedi e domenica corro invece : un minimo di 10 km a un massimo di 16-17km senza fermarmi ma sempre correndo..

volevo e quindi ho aggiunto due allenamenti (a volte tre) con i pesi a settimana : MAR, GIO, SAB mi alleno con i pesi a casa avendo per mia fortuna degli attrezzi abbastanza validi coi quali riesco a allenare quasi tutto se non tutte le fasce muscolari..

la domanda è : mangiando tanto, ma proprio tanto, sto riuscendo a andare lentissimamente su di peso.. mi conviene eliminare qualcosa durante la settimana ? avete idee o suggerimenti tipo riduci il nuoto a due volte oppure i pesi a due volte ecc... ? c'è qualche bi-atleta che mi può consigliare ?

ho cercato  tra le domande gia presenti nel forum ma non ho trovato domande simili alla mia sad

io sono : 1.87m, 70kg, 27 anni

grazie a tutti in anticipo

Leggi la risposta precedente,e i relativi link.
Lungo la discussione è anche spiegato come col nuoto si ottengano risultati di potenziamento limitati a causa dell'assenza dei sovraccarichi.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

333 (modificato da Michele86 24-03-2012 12:39:36)

Re: Nuoto e palestra

Buongiorno, pratico nuoto da ottobre2011 allenandomi per 5g alla settimana (3nuoto e 2acqua bike) anche se per ora sono fermo perché ho avuto un'incidente! Volevo delle informazioni, perché facendo questo tipo di allenamento ho perso massa anche se non ne avevo molta! Per questo ho pensato di fare 3g di piscina e 2g di palestra per mettere massa. Che ne pensate?
Grazie


Ah dimenticavo sono alto 1,76 e peso 64,5...Il mio obiettivo é migliorare il fisico!
Che allenamento dovrò fare?

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

Per prima cosa ti consiglio di leggere tutta la discussione,poi vediamo.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

335 (modificato da Michele86 24-03-2012 14:49:52)

Re: Nuoto e palestra

Aggiungo:
Faccio nuoto con istruttore circa 40 vasche a lezione con vari stili ed esercizi

Condividi sui social

336

Re: Nuoto e palestra

Il mio obbiettivo nn è avere una maggiore prestazione in acqua ma sistemarmi il fisico allargando le spalle scolpendo il più possibile e mettere massa!

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

.fabioss. ha scritto:

Ciao a tutti, avrei bisogno di un vostro parere.
Tra circa 3 settimane riprenderò il nuoto libero dopo 5 mesi di stop. Per poter tornare in forma il più presto possibile ho intenzione di cominciare da subito il nuoto per 2/3 volte a settimana e la domenica mattina avevo intenzione di andare a correre.

A vostro avviso è un'accoppiata buona?

Poi magari nei prossimi post vi spiegherò meglio nel dettaglio cosa ho intenzione di fare.

La corsa si abbina benissimo al nuoto ma fornisce un vantaggio di tipo generale e non specifico.

Vai tranquillo e leggi la discussione che ci sono altre informazioni.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

338 (modificato da .fabioss. 28-03-2012 01:24:56)

Re: Nuoto e palestra

Premetto che non ho letto tutte le pagine per mancanza di tempo ma da quello che ho capito appunto non fornisce dei vantaggi specifici per il nuoto. Per risolvere in parte questo problema ho deciso di iniziare, insieme al nuoto libero e alla corsa, con degli esercizi fatti in casa. Vi spiego nel dettaglio in cosa consistono.

LUNEDI
Addominali
- sit up 3x20
- crunch inverso 3x15
- addominali obliqui 3x20 

Tricipiti
- piegamenti 3x10


MERCOLEDI
Addominali
- sit up 3x20
- crunch inverso 3x15
- addominali obliqui 3x20

Gambe
- squat 3x10 
- affondi con pesi 3x8
- stacchi da terra 3x8

Pettorali
- piegamenti 3x20


VENERDI
Addominali
- sit up 3x20 
- crunch inverso 3x15
- addominali obliqui 3x20

Dorsali
- dorsy bar 3x10
- rematore manubrio 3x8
- pullover braccia flesse 2x8

Pettorali
- piegamenti 3x20

Tricipiti
- piegamenti 3x10

Bicipiti
- curl alternato seduto 4x10
- curl concentrato 4x8/10
- curl a martello da seduto 4x10

Gli esercizi per i bicipiti e per le gambe sono fatti con pesi da 9kg (inizierò con quelli da 7kg per le prime 2 settimane).

Facendo in questo modo quindi il nuoto libero lo farei il martedì e il giovedì. La domenica mattina invece la corsa.

Cosa ne pensate? Possono andare bene?


p.s. tra una serie e l'altra faccio una pausa di 30 secondi mentre tra un esercizio e l'altro una pausa di 60 secondi.

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

Non esistono cose giuste o sbagliate a priori.
Dipende sempre dai tuoi obiettivi e da come si incastrano con quello che facevi prima e con quelllo che farai dopo,cioè il loro posto in un discorso di lungo periodo.

Per rendere l'idea di quanto sia inutile che postiate (lo fate in tanti) schede di allenamento vi racconterò come si svolge la sola parte pratica (quella teorica è ancora più tosta) di un esame da allenatore.
Ti danno i parametri di un atleta (un mucchio di dati prestativi e fisiologici,tranne il peso e l'altezza che non servono a una sega ma in tutti i forum chiunque me li mette) da quelli devi stabilire gli obiettivi realistici di lungo periodo,specificando gare distanze e crono previsti,poi ti chiedono di elaborare con carta e penna un quadro lungo 9 mesi,con specificato tutto lo sviluppo dei diversi obiettivi (primari e strumentali ed accessorii) lungo i macrocicli,i mesocicli e i microcicli,sia per il lavoro in vasca sia per quello in palestra;dopodichè ti chiedono di sviscerare nel dettaglio un mesociclo contestualizzando gli obiettivi nei microcicli,dopodichè si concentrano su un microciclo di 8-10 giorni (specificando esattamente dal giorno ics al giorno ypsilon) e ti chiedono di svilupparlo su ogni singola giornata;infine ti chiedono di sviluppare per filo e per segno il tal giorno alla tal ora quale allenamento proponi all'atleta.
Ebbene solo a quel punto e in quel modo c'è la possibilità di dare una valutazione realistica circa l'opportunità o meno di quella seduta di allenamento,circa la congruenza di quello che fai quel giorno con il discorso lungo nove mesi che hai posto in essere.
Non si valuta una inesistente oggettività della correttezza delle tue scelte,ma la tua capacità di progettare un discorso consapevole e di svilupparlo in modo coerente.
Quindi non esistono allenamenti oggettivamente giusti o meno sui quali io possa dire bravo,oppure non va bene cambialo,ma solo allenamenti corrispondenti o meno al percorso scelto.

Su come conciliare nuoto e attività a secco c'è un articolo sul blog che spiega in modo semplice i concetti centrali:
http://www.nuotomania.it/public/blog/index.php/2010/12/palestra-e-nuoto/

Ciao

PS
Nella tua scheda mancano importantissimi lavori di efficienza articolare  e di prevenzione infortuni che puoi fare con elastici e che trovi nel sito alla sezione nuoto preventivo,e i lavori sui dorsali (trazioni alla sbarra).

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

340

Re: Nuoto e palestra

stefano '62 ha scritto:

Non esistono cose giuste o sbagliate a priori.
Dipende sempre dai tuoi obiettivi e da come si incastrano con quello che facevi prima e con quelllo che farai dopo,cioè il loro posto in un discorso di lungo periodo.

Per rendere l'idea di quanto sia inutile che postiate (lo fate in tanti) schede di allenamento vi racconterò come si svolge la sola parte pratica (quella teorica è ancora più tosta) di un esame da allenatore.
Ti danno i parametri di un atleta (un mucchio di dati prestativi e fisiologici,tranne il peso e l'altezza che non servono a una sega ma in tutti i forum chiunque me li mette) da quelli devi stabilire gli obiettivi realistici di lungo periodo,specificando gare distanze e crono previsti,poi ti chiedono di elaborare con carta e penna un quadro lungo 9 mesi,con specificati tutto lo sviluppo dei diversi obiettivi (primari e strumentali ed accessorii) lungo i macrocicli,i mesocicli e i microcicli,sia per il lavoro in vasca sia per quello in palestra;dopodichè ti chiedono di sviscerare nel dettaglio un mesociclo contestualizzando gli obiettivi nei microcicli,dopodichè si concentrano su un microciclo di 8-10 giorni (specificando esattamente dal giorno ics al giorno ypsilon) e ti chiedono di svilupparlo su ogni singola giornata;infine ti chiedono di sviluppare per filo e per segno il tal giorno alla tal ora quale allenamento proponi all'atleta.
Ebbene solo a quel punto e in quel modo c'è la possibilità di dare una valutazione realistica circa l'opportunità o meno di quella seduta di allenamento,circa la congruenza di quello che fai quel giorno con il discorso lungo nove mesi che hai posto in essere.
Non si valuta una inesistente oggettività della correttezza delle tue scelte,ma la tua capacità di progettare un discorso consapevole e di svilupparlo in modo coerente.
Quindi non esistono allenamenti oggettivamente giusti o meno sui quali io possa dire bravo,oppure non va bene cambialo,ma solo allenamenti corrispondenti o meno al percorso scelto.

hai perfettamente ragione. nulla da dire.

stefano '62 ha scritto:

Su come conciliare nuoto e attività a secco c'è un articolo sul blog che spiega in modo semplice i concetti centrali:
http://www.nuotomania.it/public/blog/index.php/2010/12/palestra-e-nuoto/

Ciao

appena ho un attimo mi leggerò quell'articolo.

stefano '62 ha scritto:

PS
Nella tua scheda mancano importantissimi lavori di efficienza articolare  e di prevenzione infortuni che puoi fare con elastici e che trovi nel sito alla sezione nuoto preventivo,e i lavori sui dorsali (trazioni alla sbarra).

hai ragione ma purtroppo non ho la possibilità di avere a disposizione una sbarra per le trazioni. esiste qualche esercizio che è possibile fare in casa che è in qualche modo equivalente?

Condividi sui social

341 (modificato da .fabioss. 28-03-2012 01:29:06)

Re: Nuoto e palestra

forse ho trovato degli esercizi per far lavorare i dorsali.

vi riposto la scheda per completezza.

LUNEDI
Addominali
- sit up 3x20
- crunch inverso 3x15
- addominali obliqui 3x20 

Tricipiti
- piegamenti 3x10


MERCOLEDI
Addominali
- sit up 3x20
- crunch inverso 3x15
- addominali obliqui 3x20

Gambe
- squat 3x10 
- affondi con pesi 3x8
- stacchi da terra 3x8

Pettorali
- piegamenti 3x20


VENERDI
Addominali
- sit up 3x20 
- crunch inverso 3x15
- addominali obliqui 3x20

Dorsali
- dorsy bar 3x10
- rematore manubrio 3x8
- pullover braccia flesse 2x8

Pettorali
- piegamenti 3x20

Tricipiti
- piegamenti 3x10

Bicipiti
- curl alternato seduto 4x10
- curl concentrato 4x8/10
- curl a martello da seduto 4x10

gli esercizi per i dorsali li farei il venerdì.
non a caso il venerdì praticamente vengono rifatti quasi tutti gli esercizi fatti lunedì e mercoledì proprio per intensificare il lavoro. spero possa andare bene.
eventualmente ci sarebbe anche un'altra soluzione e cioè fare questo tipo di scheda però tra una serie e l'altra di esercizi, senza pausa, fare una serie di addominali.

Condividi sui social

342

Re: Nuoto e palestra

Ciao, sono ormai 2 anni che vado in palestra per mettere massa ma, per problemi alla schiena, mi hanno detto di fare anche nuoto oltre alla palestra. Quindi faccio 3 gg palestra e 2 gg nuoto.

A differenza degli altri che hanno scritto quindi nn sono un nuotatore che abbina al nuoto la palestra ma un "bodybuilder" che abbina alla palestra il nuoto ergo nn mi interessa nuotare piu lento, mi interessa solo mettere massa muscolare.

Non ho la piu pallida idea di come posso impostare un allenamento in acqua che si concili con la palestra, vorrei seguire un allenamento ipertrofico anche in piscina.
Aiuti? consigli?

Condividi sui social

343

Re: Nuoto e palestra

...considera che come si è già argomentato,il lavoro in piscina fa un po'a pugni con il volume che cerhi in palestra...per impostare un lavoro ipertrofico in piscina serve molto tempo,dei sovraccarichi ed è molto riscioso sul piano metabolico e articolare...

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

stewee ha scritto:

Ciao, sono ormai 2 anni che vado in palestra per mettere massa ma, per problemi alla schiena, mi hanno detto di fare anche nuoto oltre alla palestra. Quindi faccio 3 gg palestra e 2 gg nuoto.

A differenza degli altri che hanno scritto quindi nn sono un nuotatore che abbina al nuoto la palestra ma un "bodybuilder" che abbina alla palestra il nuoto ergo nn mi interessa nuotare piu lento, mi interessa solo mettere massa muscolare.

Non ho la piu pallida idea di come posso impostare un allenamento in acqua che si concili con la palestra, vorrei seguire un allenamento ipertrofico anche in piscina.
Aiuti? consigli?

Come dice marina non devi cercare un lavoro in acqua impostato all'ipertrofia.
Del resto ti hanno consigliato il nuoto proprio come antidoto ai pericoli cui sottoponi la schiena col lavoro in palestra (non invece per migliorare la tua ipertrofia),perchè il nuoto sviluppa la flessibilità muscolare,soprattutto quella nella schiena.
La buona notizia è che quindi non hai bisogno di spaccarti la testa per impostare qualcosa di adeguato,ma è sufficiente che vai e te la godi.
Il meglio però sarebbe iscriversi ad un corso,in questo modo saresti certo di fare una serie di esercizi più variegata e otterresti uun risultato migliore,senza contare il piacere di trovarsi in un gruppo.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

345 (modificato da stewee 11-08-2012 12:14:17)

Re: Nuoto e palestra

Quindi mi stai dicendo che non esistono programmi da fare in acqua volti all'ipertrofia?
Cioè in acqua uno può fare solo o programmi di resistenza o di sprint?
Allora andare in piscina nn migliorerebbe di una virgola la mia massa muscolare ma soltanto la mia mobilità articolare?
Ma io conosco nuotatori amici miei che nn hanno mai svolto lavoro in palestra eppure hanno un petto e due spalle enormi!

Condividi sui social

346

Re: Nuoto e palestra

...il punto è che nessuno,che io sappia,entra in acqua con l'obiettivo dell'ipertrofia in quanto poco compatibile con il modello prestativo del nuoto(fatta eccezione per alcune fisicità di atleti nei 50 e talvolta nei 100):si predilige invece l'escursione articolare che è opposta all'ipertrofia.Ogni fisico reagisce al nuoto ed agli allenamenti in modo assolutamente soggettivo:c'è chi gioca a pallanuoto da una vita ed è una silfide,altri da un mese nuotano e diventano "enormi":varia in base agli stimoli proposti e alla risposta che è assolutamente soggettiva...Se vuoi un'idea estetic ti dico che il fisico si scolpisce molto,ma ipertrofia,in media,se il lavoro in acqua non è mirato a taluni obiettivi(tipo 200) o coadiuvato da un lavoro di palestra a secco,compatibile con gli obiettivi in vasca,non ne ho mai vista tanta!

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

stewee ha scritto:

Quindi mi stai dicendo che non esistono programmi da fare in acqua volti all'ipertrofia?
Cioè in acqua uno può fare solo o programmi di resistenza o di sprint?
Allora andare in piscina nn migliorerebbe di una virgola la mia massa muscolare ma soltanto la mia mobilità articolare?
Ma io conosco nuotatori amici miei che nn hanno mai svolto lavoro in palestra eppure hanno un petto e due spalle enormi!

Tu fai l'errore più comune:confondi la trofia e la ipertrofia.

La trofia (sviluppo trofico) è lo sviluppo del muscolo e del numero di miofibrille in esso contenute sulla base del reale bisogno e di un corrispondente aumento della forza massima.

Invece ipertrofia (IPER-trofia) identifica uno sviluppo strutturale superiore (iper) al reale aumento della forza massimale,sfruttando meccanismi di economizzazione dell'organismo,che producono (con metodiche allenanti appositamente finalizzate ad ingannare l'organismo) un aumento spropositato del volume del muscolo per poter poi tornare a diminuirne l'attività elettrica e lavorare appunto in economia.

Questo significa che ipertrofia identifica,per definizione,un muscolo il cui potenziale reale di forza è inferiore a quello che lascia intendere il suo volume.
Ipertrofia significa gonfiare il muscolo in termini eccedenti il suo reale aumento di forza.
Fare muscoli tanto grossi quanto forti invece si chiama trofia e basta.

Per fare iper trofia è necessario un carico (chili) molto elevato disponibile solo in palestra.
Se invece vai a nuotare,alla lunga aumentano sia il tono muscolare (attività elettrica) sia il suo volume.
Come detto sopra e come puoi capire dalla tv,in modo ben visibile.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

348

Re: Nuoto e palestra

scusate continuo a nn afferrare il concetto! sad
Detto in parole povere:
Nuotando miglioro il tono muscolare. In palestra ingrandisco il muscolo.

So che è sbagliato ciò che ho scritto perchè altrimenti nn mi torna il perchè molti amici che fanno nuoto e nn sono mai entrati in palestra hanno spalle e petto enormi!

Sono discorsi un pò complicati, se potete scrivermi la "soluzione" terra terra lo gradirei molto wink

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

Se nuoti prima aumenti il tono muscolare (attività elettrica) poi aumenti pure il volume,e con tempo e fatica pure di molto,aumentando il numero di miofibrille che la cellula contiene,ma anche aumentando il numero di fibre contenute nel muscolo (plasìa).
Questo in acqua si può fare,ma in palestra si fa prima.
E oltre tale limite non è possibile in acqua perchè servono sovraccarichi enormi.

Invece l'ipertrofia significa cercare di aumentare A DISMISURA il volume del muscolo aumentando le miofibrille fino molto oltre il limite consentito dalle risorse della cellula,in modo da gonfiarla come un pallone.
Solo che poi la fibra non avrà risorse per gestire e foraggiare tutte queste miofibrille in soprannumero e una percentuale di queste resterà sempre inattiva (calo in percentuale dell'attività elettrica cioè del tono)

un pò come una fabbrica con spazi lavorativi (e denaro disponibile) per non più di 100 dipendenti,che assume 130 operai credendo di produrre di più,poi invece  gli tocca lasciarne sempre trenta a braccia conserte e continuano a lavorare solo in 100.

Ebbene questo è possibile farlo solo in palestra.

C'è da dire che i nuotatori professionisti fanno almeno un paio d'ore di palestra alla settimana,e questo aiuta tantissimo a sviluppare quei fisici.

Ciao

PS
Continui a confondere la Trofia (muscoli grandi) con l'Ipertrofia (muscoli giganteschi).

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

350

Re: Nuoto e palestra

...la trofia si può avere anche con muscoli sottili e ben allenati!
cosa ti serve in vasca?di cosa hai bisogno?mi sembra che sei più interessato a prendere"volume"! smile

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

di marina sito web

Condividi sui social