Re: iniziare da zero!

Glissiamo anche sulle capacità comunicative e motivazionali di un "istruttore" che si permette di dire ad un allievo che "alla sua età" dovrebbe essere una specie di fulmine di guerra.......

Condividi sui social

27

Re: iniziare da zero!

una domanda...siccome piu di qualcuno mi ha detto che sbaglio respirazione chiedo a voi ( comunque è l'istruttore che mi ha detto di fare cosi) è giusto inspirare con la bocca ed espirare col naso?

Condividi sui social

28

Re: iniziare da zero!

io faccio espirare con naso e bocca:dovete butttarla fuori tutta l'aria!!con la bocca si fa prima....sopratutto a stile col naso si fa piano....è importate la frequenza collegata alla respirazione!!!!!ispirazione veloce e totale!!tanta aria prendi quanta ne devi soffiare!!!!!altrimenti resta l'anidride carbonica che ti fa stancare.non sto dicendo che il tuo istruttore sbaglia!!!solo che io referisco fare così!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: iniziare da zero!

No io invece dico proprio che sbaglia,e di grossissimo anche.
L'aria deve essere espulsa SOPRATTUTTO dalla bocca,il meglio sarebbe bocca E naso,esattamente come dice Marina,ed è possibile arrivarci automaticamente con la pratica SOLO se si impara dando la priorità alla bocca.
Solo naso è un errore macroscopico di rilassamento e respirazione,da evitare AD OGNI COSTO.
Di solito l'input di soffiare dal naso viene fornito dagli istruttori che non hanno voglia o non sono in grado di sviluppare una respirazione buona al punto tale da evitare le bevute dal naso,per cui alla domanda "maestro come faccio a non bere dal naso ?" invece che mettersi lì a lavorarci preferiscono dire "soffia dal naso" e poi se ne lavano le mani.
Poi,dato che non tutti riescono a metterci anche la bocca la conseguenza,e spesso l'esplicito messaggio seguente,è di soffiare solo dal naso.
Bah,cialtroni.

Condividi sui social

30

Re: iniziare da zero!

Infatti il mio problema è che prendo molta aria con la bocca ma poi quando sono giù non riesco a tirarla tutta fuori col naso e avendo la sensazione di soffocare torno su prendendo altra aria, ma non avendo buttato fuori tutta quella dell'inspirazione precedente vado in deficit d'ossigeno e dopo mezza vasca sono sfinito come dici te marina.

@stefano se sono incappato in quel tipo di istruttore cosa mi consigli di fare? io vorrei arrivare fino in fondo al corso ma se già mi fanno sbagliare alle basi del nuoto? già con due lezioni ho preso confidenza con l'acqua ma sai sentirsi dire che a 27 sei spompato perchè hai problemi respiratori e non perche non fai sport da 13 anni e che dovrei sguisciare nell'acqua come un razzo ti scoraggia un pò.... in fin dei conti allora con 6 mesi potrei presentarmi alle olimpiadi!!!!

Condividi sui social

31

Re: iniziare da zero!

stafano,sta storia del naso è celeberrima!!in tantissimi testi,partanto non mi sento una fonte citabile e non mi sono sentita di sbugiardare il collega sad non mi permetto sad ma resta per me una cavolata assurda!!!
ma non puoi cambiare piscina???mamma mia!!!quanti incompetenti!!!peccato che a farne le spese siano gli utenti...

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: iniziare da zero!

Scusate l'intromissione, Stefano, quando dici che l'ideale è soffiare sia con la bocca che con il naso, intendi dire contemporaneamente, oppure prima con la bocca per finire con il naso o viceversa? Sono tutti esercizi che io faccio fare.
Per vet83: Stefano ti darà il consiglio più giusto ma, come avrai capito anche da quello che ti ha già detto Marina, non devi ascoltare assolutamente questi discorsi sui fantomatici problemi respiratori!!! Semmai sarei curiosa di sapere se alla prima lezione hanno controllato il tuo livello di ambientamento, insomma, prima di darti la tavoletta e chiederti di fare gambe in su e in giù con la respirazione, almeno ci riesci da fermo a fare più respirazioni consecutive?

Condividi sui social

Re: iniziare da zero!

@ Vet83
Secondo me puoi tranquillamente restare lì a dispetto dei piccoli peccatucci veniali di un istruttore magari ancora poco avvezzo a saper gestire in modo psicologicamente e comunicativamente opportuno i propri allievi (si farà le ossa col tempo),e che magari non fa altro che assimilare le errate convinzioni sulla respirazione dei suoi superiori.
Mi fu raccontato da amici che durante un convegno nel Bellunese (cui non partecipavo perchè ero a Roma in Federazione a fare altro) il professor Giorgio Visintin argomentò e motivò l'estrema e "pericolosa" inefficacia dell'insegnamento di "solo naso",davanti ad una platea esterrefatta che credeva il contrario,e tra loro c'erano bravi professionisti,credimi.
Erano semplicemente vittime dell'accettazione troppo supina di convinzioni obsolete fondate sul nulla e dettate dalla voglia di semplificarsi l'ora di insegnamento,diventate poi (incredibili) assiomi grazie alla diffusione capillare e incontrastata.
Peccato che fino a che lo dicevo io mi prendevano per il culo,quando poi è arrivato un ex presidente della FIN con tanto di laurea universitaria a dirlo.......
I più illuminati e onesti intellettualmente ne hanno preso atto e fatto mea culpa;invece i più retrogradi (pochi e lontani da me,per fortuna) piuttosto che sbugiardare se stessi hanno preferito mettere in dubbio ciò che avevano appena imparato,però solo dopo che il Visintin era ripartito,per evitare un gravoso contraddittorio.
Voglio dire che questo solo episodio non deve essere sufficiente a farti perdere la fiducia nel tuo istruttore,potrebbe non esserne responsabile.

@ippocampo
Molto brava,sono ottimi esercizi che faccio regolarmente.
L'obiettivo finale è raggiungere una espirazione totale di bocca e naso contemporaneamente;non perchè debba sempre e solo esser così,io stesso se nuoto piano attacco dal naso,poi finisco con naso e bocca contemporaneamente;ma se vado forte soffio costantemente con entrambe.
Tutto dipende dalle necessità di scambio respiratorio determinate dal modo in cui stai nuotando,che devono essere gestite in modo automatico senza impegno cosciente.
Dunque l'obiettivo finale è dare all'allievo la capacità di discriminare automaticamente l'intensità delle espirazioni,il che implica l'uso contemporaneo di bocca e naso alle maggiori intensità.

Io insegno prima dalla bocca,poi mi assicuro che riescano a soffiare anche solo col naso (fondamentale per espellere intrusioni di acqua),poi faccio chiarezza sul primato della bocca e la strumentalità del naso,dimostrando empiricamente come il naso non sia in grado di pescare aria come la bocca (come cercare di svuotare una lattina con una cannuccia troppo corta,invece che con una più lunga).
Poi lascio che sviluppino un primo approccio personale,assicurandomi che l'eventuale uso del naso non sia associato a rigidità della bocca;cioè che sia una semplice preferenza e non una risposta ad un disagio,e assicurandomi che sappiano che si tratta di una mia concessione temporanea finalizzata a un miglioramento della loro tranquillità in immersione,ma che con opportune esercitazioni dovremo modificare.
Poi passo attraverso quelle esercitazioni che hai descritto per sviluppare in modo inconscio l'uso contemporaneo di bocca e naso.
Infatti se si chiede di iniziare col naso e poi di aggiungere la bocca,molto difficilmente il naso smetterà di soffiare,e avremo ottenuto una espirazione contemporanea,che col tempo diventerà la norma.
L'esercitazione inversa invece serve a creare informazioni sensoriali,molto utili.
Alle volte chiedo addirittura le "acrobazie",per esempio prima naso poi bocca poi ancora naso;o viceversa.
Oppure prima una via ad una intensità,poi l'altra a diversa intensità.
Una volta (per scherzare) ho chiesto ai bambini di soffiare prima di narice sinistra,poi di angolo destro della bocca poi di orecchie.
Si divertono e imparano

Condividi sui social

34

Re: iniziare da zero!

si,federica,devono far propria la respirazione in ogni sua forma e averne completo controllo..un suggerimento:privilegia gli esercizi in movimento alle respirazioni a candela:mentre muovono le gambe o durantre gli sivolamenti!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

35

Re: iniziare da zero!

@marina purtroppo non posso cambiare piscina per lo meno per quest'anno...l'alternativa è smettere ma non me la sento poichè siccome da sempre io e l'acqua siamo stati due opposti il mio obiettivo ora è quello di un buon ambientamento...certo con i suoi limiti alla luce dei fatti sopra citati!!

@ippocampo allora il lunedi ho avuto un istruttore che mi ha chiesto quale fosse il mio livello, se avessi paura dell'acqua etc..
poi mi ha fatto entrare in acqua e mi ha fatto iniziare con la respirazione bocca/naso...devo dire che essendo abituato a fare l'inverso in terra ferma, mi ha creato un pò di difficoltà soprattutto non riuscendo a buttar fuori tutta l'aria con il naso ma non mi sono poste troppe domande perchè ho pensato fosse normale essendo la prima lezione.
poi mi ha fatto fare dorso con sole gambe e mi ha detto tra l'altro che ho una buona gamba..
in seguito cagnolino tenendo sempre la testa in alto.
solo alla fine ma per sole due vasche mi ha fatto fare la tavoletta dicendomi di fare solo quello che riuscivo senza strafare..infatti dopo mezza vasca sono morto..:-)
Come ho scritto dopo la prima lezione anche se stanco morto ero felicissimo perchè tutto sommato era andato tutto bene.
il problema è sorto il mercoledi quando l'altro istruttore mi ha fatto fare il tutto a palla e naturalmente mi sono spompato subito come ho spiegato negli altri post. tra l'altro il mercoledi la respirazione da fermo me l'ha fatta fare solo dopo  che si è reso conto che non riuscivo a recuperare ipotizzando un deficit respiratorio cardiaco o addirittura tiroideo..bah    ma grazie a stefano e marina ora sono più tranquillo!!

@stefano  ora domani ho la terza lezione che dici continuo a fare quello che mi dice, o provo a usare naso all'inizio per poi usare anche la bocca?
               Orami sei diventato il mio istruttore a distanza!!!

Condividi sui social

Re: iniziare da zero!

vet83 ha scritto:

.....tra l'altro il mercoledi la respirazione da fermo me l'ha fatta fare solo dopo  che si è reso conto che non riuscivo a recuperare ipotizzando un deficit respiratorio cardiaco o addirittura tiroideo..bah

lol lol Che fanfarone lol ma per piacere lol lo ha letto da qualche parte e poi se lo rivende lol che figuraccia.

Vai tranquillo a lezione e ascolta quello che ti propone,se poi sorgono problemi prova a comportarti come ti abbiamo insegnato noi,e se questo ti rende più sciolto e rilassato allora continua così.
Se poi te ne chiede conto digli che ti viene più naturale così;questo penso dovrebbe essere sufficiente per qualsiasi istruttore intelligente.
Se invece ancora volesse insistere mettendoti in crisi,allora potresti rispondere che conosci gente cui è stato insegnato in un modo diverso,e che quel modo ti mette più a tuo agio,e se fosse necessario potresti infine chiedergli perchè dovresti credere che il suo sistema debba per forza essere quello giusto,considerato i problemi che ti crea.

Ciao

Condividi sui social

37

Re: iniziare da zero!

wink piglialo per il c... big_smile
digli che soffi dal naso e lo fai dalla bocca wink
tanto mi sa che nn se ne accorge big_smile
io l'anno scorso avevo una collega totalmente idiota che era dello stesso avviso:una sua allieva,che stava con lei a lezione privata ora è con me al corso base:sta ragazza che prima di finire con l'idiota  era a lezione con un collega molto in gamba, mi dice sempre:piano piano sto tornando a quello che facevo con lui,quindi la respirazione è una cosa filosofica??tipo yoga??ahahhaahah big_smile

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

38

Re: iniziare da zero!

eccomi di ritorno dalla 3 lezione. allora ho parlato con l'istruttore dei problemi di mercoledi e lui mi ha detto che è normalissimo che all'inizio non si ha fiato..non per caso sei nell'ambientamento mi ha detto. e mi ha fatto intendere di cancellare totalmente la lezione di mercoledi. mi ha talmente tranquillizzato che oggi sono stato un razzo ( si fa per dire ma con la tavoletta sono riuscito a fare una vasca intera!!!). devo dire che mi ha dato molta fiducia! unico problema non gli ho parlato della respirazione e mi ha fatto fare sempre bocca/naso..io di mio ho provato a fare con la bocca ma è come se mi sale acqua dal naso...siccome poi siamo molti, non sono riuscito a parlargli anche di questo...
scusate se vi posto domande banali che potrei giustamente fare a lui ma mi ha molto colpito la vostra professionalità ( stefano e marina) e mi piace confrontarmi con voi! grazie mille!!

Condividi sui social

39

Re: iniziare da zero!

soffia pure col naso contemporaneamente che con la bocca:così acqua nn ne può entrare wink
ponici pure tutte le domande che vuoi,per ni è un piacere e siamo quà apposta!grazie per i complimenti big_smile

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: iniziare da zero!

Se bevi dal naso significa che hai la muscolatura della bocca e del collo contratta,questo impedisce quel minimo afflusso di aria dai polmoni alla testa per bilanciare la differenza di pressione tra l'acqua e l'interno della testa.
Fino a che soffi dalla bocca (aria che esce=pressione) non succede niente;appena smetti di soffiare la pressione cala e l'acqua entra dal naso.
La prima soluzione è soffiare per TUTTO il tempo in cui il viso resta immerso.
La seconda soluzione però è la più importante perchè risolve il problema a monte:devi imparare ad immergere il viso senza soffiare (cioè in apnea),tenendo la bocca socchiusa e morbida,lasciando che l'acqua penetri nella bocca (ma resta lì senza che la bevi, perchè durante la fase di apnea si serra la gola).
Devi riuscire a farlo per almeno dieci secondi,ma venti è ancora meglio.
Questo sviluppa la capacità di bilanciare automaticamente la pressione,per impedire l'ingresso di acqua dal naso.
Dopo avere imparato a fare questo,riuscirai molto facilmente a espellere aria dalla bocca.

Ciao

Condividi sui social

41

Re: iniziare da zero!

stefano '62 ha scritto:

Se bevi dal naso significa che hai la muscolatura della bocca e del collo contratta,questo impedisce quel minimo afflusso di aria dai polmoni alla testa per bilanciare la differenza di pressione tra l'acqua e l'interno della testa.
Fino a che soffi dalla bocca (aria che esce=pressione) non succede niente;appena smetti di soffiare la pressione cala e l'acqua entra dal naso.
La prima soluzione è soffiare per TUTTO il tempo in cui il viso resta immerso.

Ciao

questo succedeva a me tempo fa nella virata, dove entrava acqua dal naso, o ancora oggi mi capita a mare quando faccio più capriole di seguito finchè non arrivo senza fiato

se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ci

Condividi sui social

42

Re: iniziare da zero!

ragazzi eccomi...non sono affogato!! allora finalmente ho conosciuto il mio istruttore definitivo del mercoledi...è molto in gamba..mi ha messo a mio agio..e mi ha fatto fare molti esercizi da fermo (respirazione, morto a galla, poi mi ha fatto mimare come quando uno si siede cercando di stare a galla  non so se mi spiego)..beh devo dire che tolto quel brutto episodio ad un mese dall'inizio sono molto soddisfatto anche se la strada è moooooolto lunga!
ma vorrei togliermi un sassolino...ma come fa un istruttore a dire certe cose ad un allievo che è all'inizio?? ora c'ero io che mi impaurisco non più di tanto ma se c'era una persona più sensibile? la federazione non dovrebbe insegnare anche un pò di psicologia? la cosa che mi consola è che su tre istruttori solo uno si è comportato cosi, e poi ci siete voi che non finirò mai di ringraziare per gli utili consigli dati e per i futuri!!

Condividi sui social

Re: iniziare da zero!

La federazione INSEGNA la psicologia e la psicopedagogia,però gli aspiranti istruttori sono più interessati alla nuotata della Pellegrini e se ne fregano.

Buono l'esercizio di sedersi;io però più che chiedere di GALLEGGIARE da seduto,abbastanza difficile all'inizio,chiedo di provare ad AFFONDARE da seduto:dato che è impossibile riuscire a sedersi sul fondo se le gambe stanno orizzontali,l'allievo riuscirà a sentire la spinta verso l'alto del "mio amico Archimede",come dico ai bambini.
Lo spirito dell'esercizio è che niente insegna a galleggiare come l'inutile tentativo di andare a fondo.
Da fare le prime volte dove l'acqua arriva appena sotto al petto

Ciao

Condividi sui social

Re: iniziare da zero!

Stefano 62 ha detto: "La federazione INSEGNA la psicologia e la psicopedagogia,però gli aspiranti istruttori sono più interessati alla nuotata della Pellegrini e se ne fregano."

Beh non tutti dai.

ciao

smile

Condividi sui social

45

Re: iniziare da zero!

ragazzi eccomi di nuovo qui! credo che dopo un mese procede tutto per il meglio anche se con il limite di avere due istruttori diversi ma quella è colpa mia! oggi ho fatto degli esercizi strani di galleggiamento del tipo prendere aria e prendere le ginocchia..mi pare si chiami a ovetto..(scusate l'ignoranza). però proprio ora che riuscivo a terminare una vasca con la tavoletta oggi ho fatto un nuovo esercizio sempre con la tavoletta ma tenendo solo con una mano la tavoletta mentre l'altra stava di fianco. per prendere aria dovevo ruotare la testa di lato. Il fatto è che mi si irrigidisce la schiena e mi sembra che sia piu difficile dell'altro tipo di esercizio con la tavoletta e non riesco di nuovo a terminare la vasca. puo dipendere dai problemi di schiena?

Condividi sui social

Re: iniziare da zero!

Che brutto esercizio !!!!!!!!
Purtroppo è ancora consigliato in alcuni testi di nuoto (quelli vecchi);io preferisco proporlo senza la tavoletta,perchè la tavoletta irrigidisce le mani che cercano disperatamente di aggrapparsi a qualcosa al di sopra dell'acqua,sollevando testa e spalle producendo una serie infinita di guasti.
Senza tavoletta invece il braccio resta disteso sotto acqua ed è obbligato a fornire un vero appoggio su cui si fonda l'equilibrio,e che in futuro renderà le nuotate molto ma molto più naturali e fluide,col petto e la testa in appoggio,in più le braccia si abitueranno a considerare "casa loro" quella posizione sommersa,e la ricercheranno alla fine di ogni bracciata,senza invece fermarsi a mezz'aria a cercare un appoggio invisibile e inesistente (se ne vedono tanti,e la colpa è esattamente di quell'esercizio);e naturalmente le gambe saranno fatte in modo più corretto.
Dopodichè sarà sufficiente ruotare le spalle in modo che facciano spazio al viso che ruotando cerca aria.
Ruotare solo il viso tenendo le spalle ferme (la tavoletta obbliga esattamente a tenerle ferme) è IMPOSSIBILE,a meno di non saper girare completamente la testa come i contorsionisti.

Non è colpa dei problemi di schiena,è colpa della tavoletta.

Ciao

Condividi sui social

47

Re: iniziare da zero!

@stefano e marina...il mio corso procede credo abbastanza bene anche se è costante solo di lunedi in quanto il mercoledi c'è sempre un istruttore diverso..cmq potete consigliarmi qualche esercizio da fare in casa in aggiunta alla piscina?

Condividi sui social

48

Re: iniziare da zero!

ci sono se non erro due discussioni a proposito:cerca nell'indice analitico wink

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: iniziare da zero!

Ecco:
http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?id=651&p=1

Prova anche quì:
http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?id=946&p=1
http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?id=705&p=

Condividi sui social

50

Re: iniziare da zero!

bravo stefano smile che pazienza wink

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social