Argomento: entro in punta di piedi ...

ciao a tutti! Dopo quasi 30 anni che non frequentavo più una piscina (e molti chili in più), per il mio 49° compleanno mi sono regalata un corso di nuoto, per risvegliare i miei muscoli assopiti e combattere una lombosciatalgia causata da ernia al disco o, meglio ancora, causata da una vita sedentaria. Purtroppo gli impegni di lavoro e la famiglia mi permettono di frequentare solo un giorno alla settimana, ma il beneficio si fa già sentire.
Sto cercando di mettere in pratica tutti i vostri consigli per migliorare dorso e crawl ed in parte ho visto i risultati, anche se in realtà tiro molto di braccia. In effetti se faccio una vasca con la tavoletta e battuta di piedi, riesco ad arrivare a metà vasca solo perchè do una bella spinta dal muretto e poi rallento sempre più, poi per terminare la vasca prendo movimento con qualche gambata a rana, altrimenti rimarrei lì per un'ora! con il dorso però non ho questi problemi: sicuramente sbaglio qualcosa....
Datemi coraggio!

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

Re: entro in punta di piedi ...

Prova a fare a meno della tavoletta,vai senza nulla;e magari qualche volta prova con le pinne per sentire le differenze.

Ciao

Condividi sui social

3

Re: entro in punta di piedi ...

leggi le discussioni sulle gambe stile e dorso wink

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: entro in punta di piedi ...

molte grazie per i consigli! siete grandi ...
non è da molto che seguo i forum e quindi mi sto orientando ancora sulle innumerevoli pagine che, oltre ad arricchire tecnicamente, alzano il morale e la voglia d'acqua
ciao a tutti

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

Re: entro in punta di piedi ...

Volevo rendervi partecipi dei risultati raggiunti dall’inizio della mia attività natatoria.
Dai primi di dicembre ho iniziato un corso di nuoto su consiglio del medico.
Rimango un po’ perplessa dalla mancata richiesta di un certificato medico che mi dicono non sia necessario.
Vengo assegnata ad un istruttore il quale, alla prima lezione, dopo aver io nuotato un paio di vasche, mi assegna ad un livello superiore dicendo che nelle sue corsie stavano seguendo solo crawl e dorso.
Le prime lezioni mi servono per ri-allenare i muscoli sopiti, cercando di stare al passo con le colleghe di vasca. Non mi pongo inizialmente problemi sullo svolgimento delle lezioni, visto che mi manca il fiato, cerco solo di eseguire tutto quello che viene chiesto, compatibilmente con i miei problemi di schiena.
Le sensazioni fisiche sono molto positive, al punto che da gennaio assumo farmaci solo per i giorni di lavoro.
Dai primi di febbraio abbandono definitivamente i farmaci antinfiammatori e, con la voglia di migliorarmi, al corso di nuoto comincio a porre domande. Chiedo esplicitamente se i miei stili vanno bene, la risposta  è affermativa, ma nessun movimento viene mai corretto ed i consigli sono pochi e solo su richiesta. 
Fortunatamente approdo a “nuotomania” e così scopro una nuova dimensione, composta di persone professionali, competenti ed appassionate che arricchiscono immensamente le mie poche conoscenze. Per mettere in pratica i vostri consigli ho aggiunto sessioni infrasettimanali di nuoto libero e, ripartendo da zero, li sto applicando.
Mi sto concentrando su poche cose alla volta, la mia vera sfida è il crawl.
Mercoledì ho scoperto che non tiravo acqua fino ai glutei, piegavo il polso nella spinta e dopo il recupero la mia mano si immergeva troppo vicina alla testa. (seguo tutte le discussioni in merito)
Ma sapete qual è il problema? Io non mi vedo, ma se non guardano gli istruttori questi errori, che ci stanno a fare a bordo vasca?
Sono partita a inizio corso con respirazione a sx ogni 2 bracciate ed ora, per merito vostro, sono ad una ogni 3 alternate oppure una ogni 4 o 5.
Sto imparando molto di più dai consigli di Maria Pia, Stefano e da tutti voi altri, che dall’istruttrice!
Ho cambiato turno, domani mi assegneranno un istruttore diverso. Spero bene!

… e la schiena? Se non faccio troppa rana, le mie ernie non se ne accorgono nemmeno!

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

6 (modificato da stefano '62 09-04-2010 22:42:00)

Re: entro in punta di piedi ...

Sono felice per i tuoi progressi.
Però non prendertela troppo se non ti correggono in continuazione (oddio,se non lo fanno MAI allora sì),perchè la migliore strategia didattica è selezionare UNA cosa alla volta su cui lavorare,scegliendola secondo un preciso ordine di priorità (dopo avere osservato e valutato l'allievo e considerato le sue esigenze).
Dopodichè il lavoro si sviluppa in modo quasi lineare da quel punto in avanti,seguendo la politica dei piccoli passi (per consolidare opportunamente ogni tappa,e per non caricare di stress l'allievo con una molteplicità di indicazioni,forse precoci,che possano mandarlo in corto circuito).
Se non stanno lì ogni vasca a dirti così o cosà,non significa per forza che se ne fregano,ma potrebbe essere piuttosto che siano soddisfatti della tua risposta su un certo punto nevralgico,e che prima di mettersi a romperti la palle su qualcos'altro,lascino sedimentare gli effetti di questo piccolo successo,aspettando che generi ulteriori requisiti,e che si determinino le condizioni per affrontare con buone chances una nuova tappa di lavoro.
E' una pratica molto comune che risponde all'esigenza di lasciare il tempo di consolidare ciò che si apprende,invece che a mettersi a correre troppo in fretta;e che presenta il vantaggio di lasciare un pò di respiro agli allievi (facendoli nuotare un pò senza troppi pensieri,cosa importantissima),in modo che non pensino di essere degli inetti,notando che ogni volta che gli si sistema qualcosa saltano fuori un mucchio di altri errori.

Questa naturalmente è una delle due ipotesi....l'altra è ovvia ma preferisco non prenderla nemmeno in considerazione.

Ciao

Condividi sui social

7

Re: entro in punta di piedi ...

brava!!!!nuota,nuota e se hai bisogno fai un fischio!!
non so come nuoti a rana,quindi per la schiena non mi pronuncio!!!!se mi mandi un filmatino magari...

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: entro in punta di piedi ...

Ciao ragazzi
sabato mattina con il nuovo corso, nuovo istruttore. Ho giocato d'anticipo arrivando presto e con le presentazioni ho fatto subito presente all'istruttore la mia voglia di migliorare gli stili, pregandolo di correggermi.
L'approccio con le persone è stato subito positivo ed ha anche chiesto, oltre alla preparazione tecnica, gli eventuali problemi fisici di ciascuno, per potersi orientare sul programma da proporre.
Mi ha già osservato e corretto un paio di cose che ho messo in pratica subito. Vi aggiornerò sulle discussioni apposite, in modo da non creare post inutili.
Gli esercizi in proposti sono stati nuovi e pure divertenti.
Già vedo le cose sotto un'altra prospettiva e voglio anch'io pensare che la prima ipotesi di Stefano sia quella valida... comunque se volete ridere ho scoperto che nuotando a dorso batto le gambe verso il fondo e non il contrario smile   
Per quanto riguarda la rana purtroppo Marina non riesco a produrre un video, magari proverò a spiegarti come la eseguo nella discussione sulla rana.
Grazie e buone vasche

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

Re: entro in punta di piedi ...

una megattera in punta dei piedi ce la vedo proprio! ;-)

Oppiomani e nuotatori avevano la medesima tendenza a considerarsi degli esseri solitari, remoti, superiori alle menti ottuse e convenzionali; le descrizioni delle loro esperienze si avvicinano a quelle di chi ha appena esplorato un territorio ignoto, e ritorna per stupirci con le sue scoperte...
CHARLES SPRAWSON
L'ombra del massaggiatore nero

Condividi sui social

Re: entro in punta di piedi ...

smile effettivamente dovevo dire ... in punta di pinna
ciao

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

11 (modificato da ippocampo 15-04-2010 08:51:02)

Re: entro in punta di piedi ...

Carina "in punta di pinna!" wink
Aspetto i tuoi racconti su errori e correzioni del tuo istruttore e gli esercizi divertenti che ti fa fare, mi interessa  molto!
P.S. come si fa a mettere la foto sotto il nome? La voglio anch'io big_smile

Condividi sui social

Re: entro in punta di piedi ...

ippocampo ha scritto:

Carina "in punta di pinna!" wink
Aspetto i tuoi racconti su errori e correzioni del tuo istruttore e gli esercizi divertenti che ti fa fare, mi interessa  molto!
P.S. come si fa a mettere la foto sotto il nome? La voglio anch'io big_smile

Per correggere la bracciata a dorso, l'istruttore ci ha fatto eseguire l'esercizio consigliato anche da Stefano, cioè vicinissimo alla corsia fai la bracciata poi ti attacchi e spingi (Stefano la spiega moooolto meglio), poi sempre per allenare le braccia ci siamo sedute sulla tavoletta, gambe piegate verso sotto in modo da pinzarla con il retro del ginocchio, ed abbiamo avanzato con le braccia a rana: non è così facile mantenere gli equilibri e sembravamo paperelle nello stagno ...
Poi per riposare un po' la schiena, distese sul dorso, con i piedi a martello abbiamo remato con le braccia in modo da avanzare nel verso dei piedi, gambe avanti e testa indietro.
Vi assicuro che ho avuto male ai muscoli fino a lunedì!

... il seguito alla prossima puntata ...

Per quanto riguarda la foto:
1 - accedi al tuo profilo
2 - menù personalità (a sinistra)
3 - flag su: usa avatar (clicca)
4 - carica immagine: qui cerchi l'immagine nel tuo pc facendo attenzione che sia delle dimensioni accettate dal sito: deve essere davvero piccola;

se hai un po' di dimestichezza con i programmi di grafica non dovresti avere problemi a rimpicciolirla, altrimenti invia un messaggio che ti aiuto.:)

Ciao

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

13 (modificato da stefano '62 15-04-2010 12:19:01)

Re: entro in punta di piedi ...

megattera ha scritto:

poi sempre per allenare le braccia ci siamo sedute sulla tavoletta, gambe piegate verso sotto in modo da pinzarla con il retro del ginocchio, ed abbiamo avanzato con le braccia a rana: non è così facile mantenere gli equilibri e sembravamo paperelle nello stagno ...

L'equilibrio in quell'esercizio (io lo chiamo "la poltrona di Fracchia") è più facile mantenerlo se NON si tiene stretta la tavoletta artigliandola con le gambe,perchè così facendo si disturba prima di tutto il rilassamento (fondamentale),e l'equilibrio che invece deve venire mantenuto dalla postura della schiena,che restando perfettamente verticale sopra al bacino tiene la tavoletta orizzontale e affondata;
prova a tenere i piedi leggermente in avanti,cioè quasi come se fossi seduta per terra,e a bilanciare l'equilibrio NON mettendo forza nelle gambe,bensì lavorando sulla posizione delle spalle,vedrai che è più facile.

Poi per costruire il requisito biomeccanico della bracciata a dorso occorre remare all'indietro,spingendo tenendo le mani più larghe dei gomiti,un pò come quando si gioca a ping pong.

Ciao

Condividi sui social

14 (modificato da megattera 25-05-2010 16:14:02)

Re: entro in punta di piedi ...

Oggi sono veramente presa dallo sconforto sad
... e pensare che sabato mi sentivo anche con una marcia in più, riuscivo a stare al passo ( o forse dovrei dire a pinna) del più veloce del nostro corso ...
ma oggi la mia schiena mi ha tradito ed ecco che uno stupidissimo movimento sbagliato mi ha fatto ritornare allo sconforto totale … sono bloccata, inchiodata proprio …
stasera però ci provo lo stesso, vado a nuotare nonostante tutto, voglio vedere chi vince tra la mia forza di volontà e quella maledetta ernia che si è risvegliata!

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

15

Re: entro in punta di piedi ...

succede!!!!come è andata???

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

16 (modificato da megattera 26-05-2010 07:23:59)

Re: entro in punta di piedi ...

Ciao Maria Pia, ieri sera ho nuotato prevalentemente stile e dorso e non è andata male, sono riuscita ad arrivare alle 60 vasche che mi sono posta come obbiettivo minimo, delle quali una decina intervallate solo gambe dorso o rana sul dorso, ma i problemi li ho avuti stanotte ... ma comunque eccomi qui, in piedi con la postazione pc rialzata e tengo duro.
Non voglio mollare anche perchè ho l'impressione che rimanendo a riposo si contraggano i muscoli e la situazione peggiori.
ciao scusate lo sofgo e grazie per il sostegno!

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

Re: entro in punta di piedi ...

Io sono stata ferma ultimamente, torno in piscina domenica e già ho paura di risentire il solito dolore al fianco ...speriamo bene! Anch'io però mi sono stufata, io mi butto: o la va o la spacca ...forza Megattera, non molliamo! Anche perché io VOGLIO nuotare, sto pure ingrassando ...sigh sad

Condividi sui social

Re: entro in punta di piedi ...

Si hai ragione Ippocampo, non molliamo! fortunatamente io in acqua trovo sollievo al dolore, il problema è quando esco ... ma per te che il dolore arriva quando nuoti, hai proprio una grande forza!
Incrocio le dita per domenica
Ciao

"questo spazio è vuoto perché sono una persona priva di fantasia" Col. Kurtz

Condividi sui social

Re: entro in punta di piedi ...

Pensa che non mi risparmio in altri sport (faccio un po' di tutto) perché non mi torna che mi dia noia proprio nuotare e così due domeniche fa ho fatto una speleogita in grotta abbastanza impegnativa ed ho riportato solo lividi ma niente mal di schiena e la scorsa domenica ho fatto un'immersione di un'ora dove ho pinneggiato apposta con forza, pure a rana e delfino, senza aver problemi! Adesso mi manca la prova della pattinata di una trentina di chilometri ...

Condividi sui social