1 (modificato da aldo09 09-01-2011 15:41:50)

Argomento: Presente!

Salve a tutti,

cercando qualche informazione "tecnica" sulle tecniche natatorie, mi sono imbattuto in questo vostro forum... davvero interessante!

Ora, veniamo a noi.

A 32 anni, dopo giusto un 17 anni di pausa, lunedì (domani!) riprenderò a nuotare.
Ho prenotato un pacchetto di lezioni individuali, sperando di venire così ben seguito.

Riprendo perchè mi è proprio tornata la voglia di andare in piscina, così.

Ricordo che quando ci andavo, da piccolo, non imparai mai a respirare, e questo, giocoforza, mi creava affanno nella nuotata.

Vediamo se questa volta riesco ad imparare (non solo la respirazione, ma pure a nuotare, almeno il crawl, in modo decente).

Penso di fare due lezioni individuali a settimana (45minuti) per un totale di 12 lezioni, sperando di riuscire in questo lasso di tempo a "inquadrarmi" un po, e seguire poi con profitto un corso "standard" per adulti.

Intanto vi saluto, ma aspettatevi già  numerose domane :-) (a parecche mi avete già dato risposta nei vecchi threads che ho letto voracemente)

Cari saluti,
                   Aldo

Condividi sui social

Re: Presente!

Ciao Aldo! Secondo me hai scelto un approccio giusto per cominciare... Buon divertimento!

Condividi sui social

Re: Presente!

Ciao Aldo e benvenuto smile

1) AUT DISCE, AUT DISCEDE
2) Azzoppare il cavallo pensante....questo

Condividi sui social

Re: Presente!

Benvenuto

Condividi sui social

5

Re: Presente!

Salve a tutti.

Vi tengo aggiornati:

niente da fare... la prima lezione è stata spostata a sabato.
Il mio rientro in acqua subirà un lieve ritardo (vabbeh, dopo 17 anni di attesa, posso pure accettare 5 giorni in più... :-) ).

L'importante è che nel mentre non mi carichi di tecnicismi letti qua e la...

Se penso a tutto ciò che ho letto negli ultimi giorni anche solo sul crawl, e penso di metterlo in pratica, è quasi certo che non
riuscirei a muovermi di un metro (per seguire tutti i passaggi presa-trazione-spinta-recupero e loro frazioni finirei a fondo).

Comunque sono carichissimo. Veramente entusiasta di ricominciare.

A sabato sera per le prime "news".

Grazie a tutti per il benvenuto,
                                                Aldo

Condividi sui social

6 (modificato da stefano '62 12-01-2011 18:28:55)

Re: Presente!

Attenzione perchè quello che leggi circa la tecnica del nuoto non è che debba essere eseguito come per fare un puzzle.
Quando si impara (e si insegna) a nuotare l'importante sono le azioni che si devono compiere e su come impostarle in modo grezzo e efficace,dopodichè si pone l'attenzione sullo sviluppo razionale di quelle che sono le basi grezze della nuotata,e solo in seguito si può pensare di andare a ravanare sui particolari,prima quelli più grossolani e poi quelli più sofisticati.
Se non si segue dunque una trafila con punti di passaggio in un preciso ordine di importanza,si rischia non solo di intasarsi la testa e di andare in tilt,ma di eseguire una nuotata tutta perfettina e a puntino ma perfettamente inutile dal punto di vista dello spostamneto concreto,come un mimo che fa dei disegnini nello spazio astratto.
Leggi pure tutte le note tecniche che vuoi,ma sappi che per i principianti (o comunque per i meno evoluti) sono un'arma a doppio taglio;se hai dubbi sul reale peso di ciò che leggi chiedi pure.

Ciao

Condividi sui social

Re: Presente!

benvenuto! Un po' mi ritrovo nella tua storia smile Io andavo da piccola, poi ho smesso per anni, e ora ho ricominciato con la piscina 3,4 volte la settimana da Agosto 2010 smile con la differenza pero' che nn ho ancora seguito corsi con istruttori, ma ci sto' pensando.. cmq ora nn ne posso pi' fare a meno dell'acqua clorata smile si dice così?! ^_^

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

8

Re: Presente!

Salve a tutti,
rieccoci.
Esami e lavoro lasciano poco tempo libero, motivo per cui non mi sono fatto sentire prima.

Laura82: io ho scelto di fare una serie di lezioni con un istruttore poichè ero (ed ahimè tutt'ora sono) veramente ad uno stato di pre-principiante... Però è certo che a qualsiasi livello, avere qualcuno che ti segue personalmente, è una grosso aiuto... Come procedono le tue nuotate?

Stefano62: grazie per la disponibilità. Quanto hai scritto sono parole sante... sono ben lontano dal dovermi "perfezionare"... al momento, manca proprio la sostanza.

Andiamo con ordine:

Prima lezione: lasciando stare l'insensata brevità della lezione (sono tutte lezioni da 30 minuti, che mi sento veramente "stretti"), faccio conoscenza con la brava istruttrice.
"Fai due vasche, così vediamo come sei messo", mi dice. Al che rispondo "Se mi metto a fare due vasche, sforiamo con i 30 minuti della lezione".

Ora mi ha inquadrato meglio.

Seguono respirazioni a "candela" nelle quali non riesco ad avanzare di un cm, ma in compenso bevo diversi litri d'acqua. Fra una bevura e l'altra cambiamo esercizi (sempre volti ad imparare la respirazone). Su e giù attaccato a bordo vasca inspirando con la bocca ed espirando con il naso. A volte "bevo" tanta acqua dal naso, da sentirla fin dentro il cervello, in alto, fra le orecchie. Sensazione peraltro persistente e fastidiosissima.

Mi viene detto che non butto fuori tutta l'aria quando dovrei, al contrario, ne espiro pochissima.
Ed è vero. Faccio proprio fatica. Non riesco ad emetterla fluidamente, ma solo a razioni, piccolissime razioni (e sforzandomi moltissimo).

La lezione è finita. Il morale non è proprio alle stelle, ma non mollo (ci mancherebbe)!

Seconda lezione: Comincio con una vasca a stile (fatta, al solito, in apnea, in due comode "rate"), poi cominciamo con gli esercizi. Candela... non c'è modo di avanzare, e continuo a bere. Riesco con relativa facilità a prendere gli oggetti che mi vengono lanciati in corsia (sul fondo). Provo a fare una capriola soffiando col naso: quasi ci lascio le penne. Mi entra acqua dappertutto. Non demordo. Riprovo altre  due volte, ed ora mi riesce bene (bocca sigillata e naso che fa le bolle "a manetta").
Facciamo la "barchetta": mi metto a dorso e guardandomi i piedi provo a muovermi con la sola propulsione belle braccia in direzione dei piedi. Affondo miseramente dalla vita in giù. Non c'è modo di stare su.
Mi si dice di contrarre i glutei e gli addominali: eseguo ma il risultato non cambia.

Ora: 5 bracciate a stile espirando tutta l'aria sott'acqua. Fermarsi, prendere bene aria, poi espirarla tutta sott'acqua.

-"Naturalmente affonderai"

Avete presente un pallone buttato in acqua, alla deriva? Ecco, avete capito: non c'è modo di "scendere". Non riesco a buttare fori quest'aria...

Proviamo un tuffo dalla pedana (penso più per sdrammatizzare che altro). Eccezion fatta per il costume che dopo l'entrata in acqua mi ritrovo sotto le ginocchia, tutto bene.

La lezione finisce così. Volendo è andata un po meglio della scorsa volta... ma è dura.

Terza lezione (finita poche ore fa): Solita vasca di riscaldamento in apnea... In verità provo a respirare lateralmente, ma eseguo il tutto in modo goffo e scomposto. A partire dalla "presa di aria" che mi vede sempre in affanno (già dalla prima!), il tutto è inguardabile.
Soliti esercizi di respirazione... soliti problemi. Comincio un po a spazientirmi... ma dopotutto sono stato in acqua per meno di un'ora e mezzo in 3 settimane... miracoli immagino non se ne facciano (anche se mi viene confessato che in realtà problemi con la respirazione come  i miei -"Non li avevo mai visti"... vabbeh, non demordo).
Questa volta un nuovo esercizio: un cerchio galleggiante vincolato con una corda ad un peso che giace sul fondo. -"Scendi giù in verticale, quando arrivi a toccare il fondo espiri lentamente l'aria e vai ad infilarti dentro al cerchio". I primi 2 tentativi sono patetici, poi mi si fanno notare i difetti di esecuzione, e grazie a queste considerazioni riesco poi ad eseguire correttamente l'esercizio (un po fatico, ma ci riesco).
Di nuovo capriole: in questo sono una bomba, non temo confronti! Tutto bene.
Rifaccio la "barchetta". Pessima esecuzione come l'altra volta. L'istruttrice entra in acqua con me e mi fa vedere come eseguire correttamente l'esecizio e lo esegue a sua volta. Ok, ho capito.
Lo eseguo un paio di volte, questa volta va bene. Fa piacere.
Candela: al solito, non c'è modo di avanzare lungo la vasca, ma bevo sempre meno acqua.
Faccio altri esercizi che sinceramente non saprei come descrivere se non scrivendo pagine di testo, quindi evito dal farlo. Esercizi comunque sempre "base", per respirazione e per "sentire l'acqua".

Fine della terza lezione. Un po giù... non c'è ancora modo di respirare in modo decente (tutt'altro). Comunque continuiamo sulla strada della perseveranza.

Ho raddoppiato i miei appuntamenti in piscina con l'istruttrice (dalla prossima settimana saranno dunque bisettimanali) e se riuscirò a trovare del tempo, magari, vedrò di andare una volta a settimana a nuoto libero, starmene buono buono sugli angoli della prima corsia con la seguente mission: più scambi d'aria, meno bevute d'acqua!

Alla prossima

p.s.: se qualcuno ha da consigliarmi esercizi per la respirazione (in acqua ma, se esistono, anche fuor d'acqua) sono ben accetti...

Condividi sui social

9

Re: Presente!

ciao!!non abbiamo mai parlato perchè sono mancata un pohetto!!piacere!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

10

Re: Presente!

Marina, buongiorno! (e ben tornata)

Si, non abbiamo mai parlato, ma ho letto parecchi tuoi messaggi, quindi è un po come se ti conoscessi.
Prometto che non farò mai uso di integratori... così stai tranquilla :-)

Buona giornata

Condividi sui social

11

Re: Presente!

aldo09 ha scritto:

...sono tutte lezioni da 30 minuti, che mi sento veramente "stretti")...

si, trenta minuti sono un po' troppo pochini in effetti.
se ne era parlato almeno in un paio di occasioni negli ultimi mesi e mi sembra di ricordare che non si era sentito di lezioni sotto i 50 minuti: anzi, forse ovunque sono proprio di 50 minuti standard.
che poi a me gia' 50 minuti sembrano un po' pochi: io proporrei fra 1 ora e 10 e 1 ora e 20...   hmm

aldo09 ha scritto:

Ho raddoppiato i miei appuntamenti in piscina con l'istruttrice (dalla prossima settimana saranno dunque bisettimanali) e se riuscirò a trovare del tempo, magari, vedrò di andare una volta a settimana a nuoto libero...

questo e' un ottimo segnale: con ogni probabilita' stai diventando anche tu un cloroleso.
http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?pid=22064#p22064
ma non ti preoccupare, non e' brutto: ANZI, e' una passione contagiosa e mooolto piacevole   lol

Si fa presto a dire ... NUOTO

Condividi sui social

12

Re: Presente!

aldo09 ha scritto:

Salve a tutti,
rieccoci.
Esami e lavoro lasciano poco tempo libero, motivo per cui non mi sono fatto sentire prima.

Laura82: io ho scelto di fare una serie di lezioni con un istruttore poichè ero (ed ahimè tutt'ora sono) veramente ad uno stato di pre-principiante... Però è certo che a qualsiasi livello, avere qualcuno che ti segue personalmente, è una grosso aiuto... Come procedono le tue nuotate?

Stefano62: grazie per la disponibilità. Quanto hai scritto sono parole sante... sono ben lontano dal dovermi "perfezionare"... al momento, manca proprio la sostanza.

Andiamo con ordine:

Prima lezione: lasciando stare l'insensata brevità della lezione (sono tutte lezioni da 30 minuti, che mi sento veramente "stretti"), faccio conoscenza con la brava istruttrice.
"Fai due vasche, così vediamo come sei messo", mi dice. Al che rispondo "Se mi metto a fare due vasche, sforiamo con i 30 minuti della lezione".

Ora mi ha inquadrato meglio.

Seguono respirazioni a "candela" nelle quali non riesco ad avanzare di un cm, ma in compenso bevo diversi litri d'acqua. Fra una bevura e l'altra cambiamo esercizi (sempre volti ad imparare la respirazone). Su e giù attaccato a bordo vasca inspirando con la bocca ed espirando con il naso. A volte "bevo" tanta acqua dal naso, da sentirla fin dentro il cervello, in alto, fra le orecchie. Sensazione peraltro persistente e fastidiosissima.

Mi viene detto che non butto fuori tutta l'aria quando dovrei, al contrario, ne espiro pochissima.
Ed è vero. Faccio proprio fatica. Non riesco ad emetterla fluidamente, ma solo a razioni, piccolissime razioni (e sforzandomi moltissimo).

La lezione è finita. Il morale non è proprio alle stelle, ma non mollo (ci mancherebbe)!

Seconda lezione: Comincio con una vasca a stile (fatta, al solito, in apnea, in due comode "rate"), poi cominciamo con gli esercizi. Candela... non c'è modo di avanzare, e continuo a bere. Riesco con relativa facilità a prendere gli oggetti che mi vengono lanciati in corsia (sul fondo). Provo a fare una capriola soffiando col naso: quasi ci lascio le penne. Mi entra acqua dappertutto. Non demordo. Riprovo altre  due volte, ed ora mi riesce bene (bocca sigillata e naso che fa le bolle "a manetta").
Facciamo la "barchetta": mi metto a dorso e guardandomi i piedi provo a muovermi con la sola propulsione belle braccia in direzione dei piedi. Affondo miseramente dalla vita in giù. Non c'è modo di stare su.
Mi si dice di contrarre i glutei e gli addominali: eseguo ma il risultato non cambia.

Ora: 5 bracciate a stile espirando tutta l'aria sott'acqua. Fermarsi, prendere bene aria, poi espirarla tutta sott'acqua.

-"Naturalmente affonderai"

Avete presente un pallone buttato in acqua, alla deriva? Ecco, avete capito: non c'è modo di "scendere". Non riesco a buttare fori quest'aria...

Proviamo un tuffo dalla pedana (penso più per sdrammatizzare che altro). Eccezion fatta per il costume che dopo l'entrata in acqua mi ritrovo sotto le ginocchia, tutto bene.

La lezione finisce così. Volendo è andata un po meglio della scorsa volta... ma è dura.

Terza lezione (finita poche ore fa): Solita vasca di riscaldamento in apnea... In verità provo a respirare lateralmente, ma eseguo il tutto in modo goffo e scomposto. A partire dalla "presa di aria" che mi vede sempre in affanno (già dalla prima!), il tutto è inguardabile.
Soliti esercizi di respirazione... soliti problemi. Comincio un po a spazientirmi... ma dopotutto sono stato in acqua per meno di un'ora e mezzo in 3 settimane... miracoli immagino non se ne facciano (anche se mi viene confessato che in realtà problemi con la respirazione come  i miei -"Non li avevo mai visti"... vabbeh, non demordo).
Questa volta un nuovo esercizio: un cerchio galleggiante vincolato con una corda ad un peso che giace sul fondo. -"Scendi giù in verticale, quando arrivi a toccare il fondo espiri lentamente l'aria e vai ad infilarti dentro al cerchio". I primi 2 tentativi sono patetici, poi mi si fanno notare i difetti di esecuzione, e grazie a queste considerazioni riesco poi ad eseguire correttamente l'esercizio (un po fatico, ma ci riesco).
Di nuovo capriole: in questo sono una bomba, non temo confronti! Tutto bene.
Rifaccio la "barchetta". Pessima esecuzione come l'altra volta. L'istruttrice entra in acqua con me e mi fa vedere come eseguire correttamente l'esecizio e lo esegue a sua volta. Ok, ho capito.
Lo eseguo un paio di volte, questa volta va bene. Fa piacere.
Candela: al solito, non c'è modo di avanzare lungo la vasca, ma bevo sempre meno acqua.
Faccio altri esercizi che sinceramente non saprei come descrivere se non scrivendo pagine di testo, quindi evito dal farlo. Esercizi comunque sempre "base", per respirazione e per "sentire l'acqua".

Fine della terza lezione. Un po giù... non c'è ancora modo di respirare in modo decente (tutt'altro). Comunque continuiamo sulla strada della perseveranza.

Ho raddoppiato i miei appuntamenti in piscina con l'istruttrice (dalla prossima settimana saranno dunque bisettimanali) e se riuscirò a trovare del tempo, magari, vedrò di andare una volta a settimana a nuoto libero, starmene buono buono sugli angoli della prima corsia con la seguente mission: più scambi d'aria, meno bevute d'acqua!

Alla prossima

p.s.: se qualcuno ha da consigliarmi esercizi per la respirazione (in acqua ma, se esistono, anche fuor d'acqua) sono ben accetti...

le mie nuotate procedono benino, viro, dorso che una maeraviglia ma ora mi dedico anima e corpo al pull smile smile

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

Re: Presente!

ciao aldo09!

in primis NN MOLLARE! ho iniziato da zero a settembre, sono discreta sullo stile e il dorso e mi sono "arenata" sulla rana! sto insistendo ma è dura...
per quanto concerne la respirazione ti consiglierei di insistere con le respirazioni a candela , io le faccio faccia al muretto, prendo aria fuori , vado sotto e la butto via dal naso...vedrai che facendone a iosa ti verranno anche quando nuoti a stile con la testa sotto
una domanda: ma la tua istruttrice è scesa in acqua con te solo alla terza lezione ?!
io le prime vole se nn avessi avuto l'istruttore con me non avrei capito quasi nulla dei vari movimenti di stile e dorso...

Condividi sui social

Re: Presente!

Ciao aldo09,

ti do un piccolo consiglio anch'io. Mezz'ora di lezione è vermente troppo poca! Quindi se fai in più un'oretta settimanale di nuoto libero, seguendo i consigli di Maria Pia (Marina) e di Stefano non sarebbe male.
Gli esercizi basilari per te adesso sono almeno questi tre: respirazioni a candela, galleggiamenti e scivolamenti. Parola d'ordine (come dico ai miei allievi): stare rilassati e divertirsi!!!
Innanzitutto stai rilassato quando fai le respirazioni a candela (verticali) prendi bene aria dalla bocca e comincia subito a soffiare appena ti immergi, se stai rilassato vedrai che il flusso non si interrompe, altrimenti vuol dire che non lo sei e bevi dal naso. Fallo per molte volte consecutive, variando la velocità di esecuzione e soffiando sia dal naso che dalla bocca e finendo sempre tutta l'aria che hai preso! I galleggiamenti, in tutte le posizioni (pancia su, pancia giù, pallina, verticale) ti servono sempre per stare rilassato e gli scivolamenti la tua istruttrice te li dovrebbe far fare ....prima di farti fare cose più difficili come la respirazione a stile.
Facci sapere come va, ciao!
Federica.

Condividi sui social

15 (modificato da stefano '62 31-01-2011 10:50:31)

Re: Presente!

aldo09 ha scritto:

Su e giù attaccato a bordo vasca inspirando con la bocca ed espirando con il naso. A volte "bevo" tanta acqua dal naso, da sentirla fin dentro il cervello, in alto, fra le orecchie.

E io ci scommetto che bevi dal naso non quando entri in acqua ma quando stai per uscire.

La  !!!!! PRIMA !!!!! cosa da imparare in fatto di respirazione,è prendere aria dalla bocca e soffiare dalla bocca,E NON DAL NASO,per i seguenti motivi:

- espellere dalla bocca è primario perchè lo scopo dello scambio respiratorio è espellere aria sporca per far posto a quella pulita,e la bocca espelle più litri del naso,un pò come vuotare una lattina con una cannuccia lunga (la bocca) o invece con una corta che non pesca in profondità (il naso).

- requisito per buone respirazioni,dunque parimenti primario è il rilassamento della bocca e dei muscoli di mascella gola e collo,e richiedere la soffiata dal naso ottiene invece come effetto secondario quello di serrare la bocca (bestemmia allucinante),che impedirà un corretto controllo involontario della pressione della testa (mediante bilanciamento aria tramite la epiglottide),senza la quale la testa si riempie inesorabilmente di acqua dal naso ogni volta che ci si immerge.

- dato che in pochi hanno da subito una discreta capacità di espulsione di aria dal naso all'inizio,non appena questo smetterà di espellere (meno di due secondi) l'acqua entrerà dal naso prima che l'allievo riesca ad uscire,per il motivo appena spiegato sopra.
Se invece la bocca sta soffiando risulta impossibile incamerare acqua dal naso anche se questo non sta soffiando,per tutto il lunghissimo tempo che la bocca riesce a tenere la pressione della testa superiore a quella dell'acqua per il semplice fatto che sta soffiando.

Dunque soffiare dal naso va imparato perchè è importantissimo nell'economia di scambio respiratorio,ma solo DOPO avere assicurato i requisiti di rilassamento in apnea e di controllo respiratorio tramite la bocca.

Prova a fare immersioni a bocca aperta e morbida con lo scopo di riempirti la bocca di acqua,notando il fatto che la'cqua non scende in gola perchè la epiglottide lo impedisce (così impari ad affrancarti dal bisogno inutile e pernicioso di serrare la bocca) poi esci a d espellerla;in seguito varia l'esercizio cercando di stare sott'acqua di più senza soffiare,e poi di espellere sott'acqua tutta l'acqua incamerata .

Ciao

Condividi sui social

Re: Presente!

----La  !!!!! PRIMA !!!!! cosa da imparare in fatto di respirazione,è prendere aria dal naso e soffiare dalla bocca,E NON DAL NASO---

ciao stefano

mi crolla un mito!!! ero convinta fosse necessario prendere acqua dalla bocca ed espellerla dal naso (soprattutto nelle respirazioni a candela) , il mio primo istruttore mi ha insegnato così ...  e invece è corretto il contrario?! effettivamente ...durante la nuotata a crawl di fatto espiro dalla bocca (al massimo dalla bocca e dal naso insieme, ma solo dal naso riesco solo nelle respirazioni a candela )

può andar bene così allora?!

p.s. a volte mi trovo un pò "spaesata" perchè un istruttore mi dice di fare una cosa e un altro mi dice il contrario...boh...ad es. come tenere la testa nel dorso: completamente rilassata all'indietro o leggermente tesa in avanti?!

ciao e buona giornata

complimenti...dai sempre delle spiegazioni esaustive ed efficaci!

Condividi sui social

17 (modificato da aldo09 31-01-2011 13:04:58)

Re: Presente!

Salve a tutti.

Grazie mille per i suggerimenti e le esperienze personali che avete voluto condividere.

Mi ritrovo in molte delle cose che avete scritto.

Col raddoppio delle lezioni (2x30') magari qualcosa migliorerà, lo spero. Intanto appena avrò modo vedrò di fare un'oretta (45') di nuoto libero alla settimana (magari a partire da fine febbraio perchè ora sono sotto esami e di tempo da dedicare ad altro ne ho veramente pochissimo).

Si, l'unico episodio in cui l'istruttrice (che reputo comunque capace, nononstante io non abbia conoscenza diretta di altri istruttori/metodi di insegnamento) è scesa in acqua con me è stata quell'occasione descritta nel mio precedente messaggio.
Per ora (eccezion fatta per oggi, dove ho fatto la mia 4a mini-lezione) non abbiamo mai affrontato "direttamente" gli stili. Anche perchè appunto, come ormai sapete, ho grossi problemi con la respirazione, quindi penso che a questo livello la presenza in acqua dell'istruttore magari possa essere poco utile/efficace.

Come dicevo: oggi (prestissimo!) quarta lezione.
La respirazione continua ad essere molto difficoltosa. Devo prorpio concentrarmi e "sforzarmi" di espirare sott'acqua. E quando riemergo, a prescindere, sono sempre in stato di affanno. Veramente demotivante... Comunque ripeto: non mollo!
Abbiamo cominciato a fare un po di "nuoto", solo gambe, pullbuoy tenuto con una sola mano, tesa in avanti, l'altra distesa sul fianco. Provando a respirare (ovviamente girandomi dalla parte opposta al braccio teso in avanti). Dopo alcuni litri (ormai c'ho fatto l'abitudine) d'acqua assunti via bocca, una bella sorsata ogni "inspirazione", ho migliorato un po la tecnica seguendo i consigli dell'istruttrice. Ora facendo lo stesso esercizio non bevo più... ma il problema è sempre quello... Espiro 1/1000 dell'aria che ho nei polmoni, con il risultato che inspiro quel poco che ho espirato, tenendomi dentro la vecchia (ed ormai cattiva) aria. Risultato?
Sempre lui: affanno.
Quando provo ad inspirare, fra l'altro, penso solo a quello. Blocco tutto, gambe, braccia: respiro "profondamente/affannosamente" (ritrovandomi quasi in verticale) e poi riprendo a ""nuotare"" già sentendomi ancor più a disagio di prima e sapendo che questa volta non durerò più le 6/7 bracciate di prima, ma molto meno... e così avanti... a scendere...

Credo che uno dei più grossi problemi, sia quello che in acqua sono sempre molto, molto in tensione (muscolare). Contraggo quasi sempre ogni muscolo. L'istruttrice ha notato che anche  quando provo ad andare avanti a stile ibero, le braccia non sono mai a riposo quando entrano in acqua, ma sono sempre tese e le "infilo" con forza in acqua (facendo lavorare le braccia al posto delle spalle).

Stefano62: esatto. Bevo dal naso quando stò uscendo.
Il tuo discorso non fa una piega. Proverò a inspirare/espirare con la bocca. Grazie
Come scrivevo prima, insieme con gli altri muscoli, anche bocca/mascella&Co sono sempre tesi (e questo me l'aveva fatto notare anche l'istruttrice). Dovrò lavorare anche su questo aspetto (magari con gli esrcizi che mi hai suggerito a fine messaggio, e provando pure qualche esercizio di galleggiamento (che non mi è mai stato fatto fare)).

Una cosa: non dovri mai essere in apnea, giusto? Dovrei inspirare fuor d'acqua e cominciare da subito ad espirare quando metto la testa sott'acqua?
Perche ho notato che, al momento, una volta messa la testa sott'acqua vado in apnea per 4/5 bracciate, cominciando ad espirare (poco) dalla sesta in poi...

La cosa mortificante è che quando comincio a "capire" qualcosa, la lezione è finita e me ne devo andare. Avevo pure chiesto se c'era modo di unire 2 lezioni (30+30) per fare almeno un'oretta continuativa, ma non c'è disponibilità. Fastidio.

Grazie ancora a tutti, davvero

p.s.:mauro65: cloroleso lo sono di certo... non foss'altro per l'uso del naso come una cannuccia che stò facendo ormai da quattro lezioni e che mi porta l'acqua della piscina direttamente nel cervelletto... :-)  Che poi, a parte gli scherzi, dopo non una, ma ben due doccie, anche adesso, quando inspiro col naso, sento fortissimo l'odore del cloro.

Condividi sui social

18

Re: Presente!

si,non serve apnea!!concordo che mezz'oretta è un po'pochino hmm

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

19 (modificato da ippocampo 31-01-2011 13:50:14)

Re: Presente!

Sì, sì ....ho detto troppe cose tutte insieme, prima mi assicuro che riescano perfettamente le respirazioni effettuate solo con la bocca, oltre a apnea rilassata, bocca e occhi aperti sott'acqua, li faccio pure cantare, parlare e fare la linguaccia ...certe risate!
Non so bene il livello di aldo09 però certamente ti devi assicurare di saper fare bene ogni esercizio prima di passare oltre, pena bevute ....per questo mi pareva prematura la vasca con respirazione a stile ....ve bene il metodo globale ma insomma!

P.S. io entro in acqua con i miei allievi sempre!

Condividi sui social

20

Re: Presente!

perchè? smile

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

21

Re: Presente!

aldo09 ha scritto:

Col raddoppio delle lezioni (2x30') magari qualcosa migliorerà, lo spero. Intanto appena avrò modo vedrò di fare un'oretta (45') di nuoto libero alla settimana (magari a partire da fine febbraio perchè ora sono sotto esami e di tempo da dedicare ad altro ne ho veramente pochissimo).

secondo me (anche io sono niubbissimo: frequento piscina appena da marzo scorso) quando farai ANCHE il nuoto libero vedrai bene la differenza rispetto ad ora: e poi sono le tue prime lezioni, non puoi pretendere l'impossibile!
datti (almeno un po' di) tempo e non ti preoccupare

aldo09 ha scritto:

La respirazione continua ad essere molto difficoltosa. Devo prorpio concentrarmi e "sforzarmi" di espirare sott'acqua. E quando riemergo, a prescindere, sono sempre in stato di affanno. Veramente demotivante... Comunque ripeto: non mollo!
Quando provo ad inspirare, fra l'altro, penso solo a quello.

Credo che uno dei più grossi problemi, sia quello che in acqua sono sempre molto, molto in tensione (muscolare).

siccome in questa fase ci sono passato poco tempo fa, posso solo confermarti che seguendo le parole di Stefano arriverai ai risultati che cerchi    smile
la parola d'ordine e' RILASSARSI: senza questa PRE-condizione (necessaria ma non sufficiente) non si va da nessuna parte.
garantito.
quindi continuare con l'ambientamento, tenendo bene a mente il punto sopra: RILASSAMENTO.

aldo09 ha scritto:

p.s.:mauro65: cloroleso lo sono di certo... non foss'altro per l'uso del naso come una cannuccia che stò facendo ormai da quattro lezioni e che mi porta l'acqua della piscina direttamente nel cervelletto... :-)  Che poi, a parte gli scherzi, dopo non una, ma ben due doccie, anche adesso, quando inspiro col naso, sento fortissimo l'odore del cloro.

ci siamo passati tutti: e' normale!   smile
io ho ripreso il 20/1 ed ero fermo forzatamente dalla piscina dal 20/9: pur avendo cominciato da pochi mesi, anche facendo partenza da sott'acqua a dorso non mi entra acqua dal naso.
quindi secondo me e' proprio vero: serve solo un buon ambientamento...
milioni di ore di volo dedicato all'ambientamento.

se vuoi lo dico per ridere ma c'e' un fondo di verita': per certi versi mi manca sentire l'odore del cloro nel naso... dopo tanta assenza dalla piscina quasi lo speravo  tongue

---> cmq anche quando si e' bene ambientati puo' entrare acqua dal naso se si e' nervosi, incaXXati, stanchi, ecc: insomma se non si e' concentrati e/o rilassati.

Si fa presto a dire ... NUOTO

Condividi sui social

Re: Presente!

marina ha scritto:

perchè? smile

Dicevi a me? Perché ....cosa? smile

Condividi sui social

23

Re: Presente!

Buongiorno a tutti.

mauro65: grazie per la tua "testimonianza".
fa piacere sapere che quello nel quale mi trovo ora è un passaggio, faticoso, che non mi vede come unico soggetto interessato, ma che è comune un po a tutti i principianti...

Appena mi libero da qualche impegno, sicuramente farò anche nuoto libero (certo che, fra le 12 lezioni private, il futuro nuoto libero, costumi-occhialini e compagnia bella, ho cominciato il 2011 con delle uscite fuori budget... risparmieremo sul cibo :-) )

Dunque, rilassamento imprescindibile. Ci dovrò lavorare parecchio.

Non vedo l'ora di sentire la mancanza dell'odore del cloro nel naso... :-)

Buona giornata

Condividi sui social

24 (modificato da stefano '62 01-02-2011 12:51:18)

Re: Presente!

cricrina81 ha scritto:

p.s. a volte mi trovo un pò "spaesata" perchè un istruttore mi dice di fare una cosa e un altro mi dice il contrario...boh...

Perchè alcuni studiano e si informano quando hanno dubbi,altri no,brancolano nel buio e poi tirano a spannella.

Condividi sui social

Re: Presente!

ippocampo ha scritto:

Sì, sì ....ho detto troppe cose tutte insieme, prima mi assicuro che riescano perfettamente le respirazioni effettuate solo con la bocca, oltre a apnea rilassata, bocca e occhi aperti sott'acqua, li faccio pure cantare, parlare e fare la linguaccia ...certe risate!
Non so bene il livello di aldo09 però certamente ti devi assicurare di saper fare bene ogni esercizio prima di passare oltre, pena bevute ....per questo mi pareva prematura la vasca con respirazione a stile ....ve bene il metodo globale ma insomma!

P.S. io entro in acqua con i miei allievi sempre!

Quoto tutto alla grande.

Condividi sui social