Re: Nuoto e palestra

Esempio 5 x 30 riposo 30" c'è la assoluta certezza che sei in aerobico.
Infatti se il carico fosse troppo alto non riusciresti a eseguire il lavoro e lo diminuiresti.

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

377

Re: Nuoto e palestra

Puoi pure fare un lavoro a tempo:2'di x o y esercizio pausa e ripeto...oppu continuativo...ma più son lunghi i lavori meno devi caricare:io direi non più del 30%...

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

di marina sito web

Condividi sui social

378

Re: Nuoto e palestra

Smile ha scritto:

Ciao a tutti! Help! Da un paio di settimane è ripartito l'allenamento in acqua, che dopo un mese di stop è stato difficile!! smile problemi di resistenza sul lavoro aerobico, non riesco a tenere i ritmi dei compagni. Ebbene, il mio corso comprende un terzo lavoro settimanale, senza allenatore, a scelta tra nuoto, palestra con scheda specifica, o entrambe le cose. Premesso che ho trascorso le vacanze in montagna, camminando a ritmo sostenuto e per molti tratti in salita per migliorare  la resistenza, e riscontrare questi problemi mi lascia perplessa.. E questo è il consiglio che vi chiedo: palestra, nuotare nuotare per riprendere confidenza con il cloro, o come dice l'allenatore palestra e poi nuoto ( anche se poi sono abbastanza stanca)? smile

imho direi prima aerobico, poi palestra (ipotizzando un anaerobico alattacido).
Sotto le ipotesi: nuoto aerobico A1-A2 e palestra anaerobico alattacido, non vi è moltissima differenza in termini "cosa fare per primo", anche se l'aerobico e preferibile come attività propedeutica.

Sotto le ipotesi: nuoto aerobico A1-A2 e palestra anaerobico lattacido, l'aerobico è sicuramente da preferire, anche a causa del deperimento delle riserve di glucosio da parte dell'attività anaerobica (anche se il nuoto A1-A2 non è grande divoratore di glucosio).

Tuttavia visto che si parla di "riavvio" dell'attività fisica post sosta d'agosto, imho direi prima nuoto (A1 e A2), poi palestra, dove suggerirei un aerobico blando, magari organizzato su circuito su 6 postazioni (petto-dorso-spalle-bicipiti-tricipiti-gambe) con esercizi di base e soste, tra un esercizio e l'altro, pari alla durata dello sforzo; quindi direi 30/40'' come suggerito da Stefano. Tuttavia resterei sulle 15 ripetizioni per ogni esercizio, perchè temp che 30 potrebbero condurre, in questo periodo dell'anno, anche in anaerobico se non si ha grande destrezza con i carichi e/o esperienza con i pesi.

wink

Condividi sui social

379

Re: Nuoto e palestra

Carichi moderata non c e problema smile

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

di marina sito web

Condividi sui social

380 (modificato da Smile 21-09-2012 21:16:08)

Re: Nuoto e palestra

Grazie dei consigli! Solitamente facevamo prima palestra poi piscina, su indicazioni dell'allenatore.. Siamo poi molto affaticate ed successivo nuoto molto blando.. Domani propongo allora di invertire il lavoro. Ciao!

smile

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

dogo ha scritto:
Smile ha scritto:

Ciao a tutti! Help! Da un paio di settimane è ripartito l'allenamento in acqua, che dopo un mese di stop è stato difficile!! smile problemi di resistenza sul lavoro aerobico, non riesco a tenere i ritmi dei compagni. Ebbene, il mio corso comprende un terzo lavoro settimanale, senza allenatore, a scelta tra nuoto, palestra con scheda specifica, o entrambe le cose. Premesso che ho trascorso le vacanze in montagna, camminando a ritmo sostenuto e per molti tratti in salita per migliorare  la resistenza, e riscontrare questi problemi mi lascia perplessa.. E questo è il consiglio che vi chiedo: palestra, nuotare nuotare per riprendere confidenza con il cloro, o come dice l'allenatore palestra e poi nuoto ( anche se poi sono abbastanza stanca)? smile

imho direi prima aerobico, poi palestra (ipotizzando un anaerobico alattacido).
Sotto le ipotesi: nuoto aerobico A1-A2 e palestra anaerobico alattacido, non vi è moltissima differenza in termini "cosa fare per primo", anche se l'aerobico e preferibile come attività propedeutica.

Sotto le ipotesi: nuoto aerobico A1-A2 e palestra anaerobico lattacido, l'aerobico è sicuramente da preferire, anche a causa del deperimento delle riserve di glucosio da parte dell'attività anaerobica (anche se il nuoto A1-A2 non è grande divoratore di glucosio).

Tuttavia visto che si parla di "riavvio" dell'attività fisica post sosta d'agosto, imho direi prima nuoto (A1 e A2), poi palestra, dove suggerirei un aerobico blando, magari organizzato su circuito su 6 postazioni (petto-dorso-spalle-bicipiti-tricipiti-gambe) con esercizi di base e soste, tra un esercizio e l'altro, pari alla durata dello sforzo; quindi direi 30/40'' come suggerito da Stefano. Tuttavia resterei sulle 15 ripetizioni per ogni esercizio, perchè temp che 30 potrebbero condurre, in questo periodo dell'anno, anche in anaerobico se non si ha grande destrezza con i carichi e/o esperienza con i pesi.

wink

Sono un pò dubbioso su alcuni punti:

Per cominciare la considerazione su cosa fare prima e cosa dopo dipende sempre e solo dalle priorità dell'allenamento,non da una norma astratta.
Quindi dipende prima di tutto da quale sia l'obbiettivo centrale,se palestra o vasca,ma anche da quale genere di obbiettivo stiamo parlando.
E la regola è che le capacità (dimensioni) dei sistemi si allenano meglio alla fine,mentre la forza l'esplosività e la qualità dei sistemi si allenano meglio quando ancora c'è enorme disponibilità di glicogeno,cioè il prima possibile,naturalmente dopo un adeguato lavoro di introduzione.

Quindi se consideriamo che l'obbiettivo di una ripresa è tornare a sviluppare le dimensioni delle resistenze specifiche nell'acqua (di breve medio e lungo periodo),mentre invece la funzione della routine in palestra è limitata alla prevenzione infortuni (da fare sempre prima della seduta per preparare i distretti muscolari evitando traumi) e ad un primo reclutamento di fibre (quindi non certo allo sviluppo tout court della forza,che avverrà più tardi),allora la palestra viene collocata alla fine soltanto in quei casi particolari in cui l'obbiettivo centrale sia di capacità dei sistemi e sia in palestra.

Invece fare prima aerobico in vasca e poi forza rapida in palestra,si compromettono entrambi i lavori.
Perchè ti ritrovi a fare aerobia quando hai ancora tanto glicogeno abbattendo il peso specifico dell'aerobico,e a fare forza rapida quando il glicogeno lo hai prosciugato e non puoi verosimilmente lavorare a dovere.
Poi è vero che si basa sulla fosfocreatina,ma il fatto è che il glicogeno entra comunque e che i muscoli (il cuore in primis) sono stressati dal lavoro precedente.

Diciamo invece che io perseguo un obbiettivo di resistenza aerobica in palestra,allora in quel caso posso fare forza esplosiva in vasca,così poi in palestra arrivo in deplezione di glicogeno e questo mi sposta il peso specifico sull'aerobico,così mi risulta più incisivo.
Oppure ribalto il discorso,facendo lavori di qualità in palestra,con una certa deplezione di glicogeno,dopodichè mi butto in acqua e l'aerobico ancora una volta è aerobico per davvero.

Poi può capitare a volte che la palestra venga messa alla fine anche in deroga a queste considerazioni,magari perchè il tecnico ha un certo progetto in testa,ma l'allenatore avveduto sa che comunque non è adeguato,e distanzia le sedute di almeno tre ore.

Ciao

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social

382

Re: Nuoto e palestra

Oggi ho ripreso, dopo 3 mesi, il nuoto libero e avrei due domande da farvi:
1) volendo fare dei piegamenti, e magari anche delle serie di addominali, mi consigliate di farli prima o dopo il nuoto libero?
2) è sconsigliato fare del nuoto libero a giorni consecutivi (es. mercoledì e giovedì)?



forse la 2) è un po' OT però comunque riguarda la pausa di un giorno tra un allenamento e un altro che anche in palestra anni fa facevo.

Condividi sui social

383

Re: Nuoto e palestra

I piegamenti farli prima o dopo dipende sempre dagli obiettivi di cui ti parlava stefano e comunque se decidi di farli prima e'opportuno che ti riscaldi a secco.Nessuno sconsiglia di nuotare due giorni di fila smile

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

di marina sito web

Condividi sui social

384

Re: Nuoto e palestra

Quindi nel caso in cui io voglia ad esempio fare i piegamenti per avere maggiore incisività in vasca mi conviene farli prima di fare nuoto libero. Giusto?

Condividi sui social

385

Re: Nuoto e palestra

incisività:se intendi un maggiore allenamento della forza resistemte si:perchè ti permetterebbe di allenare la forza in modo"diverso",in questo caso messa in crisi da un lavoro fatto prima...parti già con un lavoro di forza già fatto che si somma al lavoro che fai in acqua.Cerco di stare molto attenta alla terminologia perchè vedo che si crea parecchia confusione...

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

di marina sito web

Condividi sui social

386

Re: Nuoto e palestra

esatto, intendo proprio quello, allenare la forza in modo tale da fare un allenamento più completo.

Condividi sui social

387

Re: Nuoto e palestra

non è che è più completo è solo...diverso!entrambi i modi sono validi,a seconda dell'obiettivo che hai...

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

di marina sito web

Condividi sui social

388 (modificato da .fabioss. 28-09-2012 13:36:29)

Re: Nuoto e palestra

beh ma se io faccio prima i piegamenti (diciamo 3 serie da 20) e poi faccio nuoto libero credo che sia un allenamento maggiormente completo. o no? insomma si va ad allenare la parte superiore del corpo (pettorali e braccia) in maniera forse più intensa rispetto al nuoto.
purtroppo non sono molto ferrato in materia e quindi potrei tranquillamente dire un mare di sciocchezze.

Condividi sui social

389

Re: Nuoto e palestra

completo sul piano della forza resistente:hai allenato la forza resistente perchè hai comunque fatto i piegamenti,quindi hai nuotato in una situazione diversa di quando non li fai.Se li avessi fatti dopo,sarebbe stata la stessa storia al contrario:stanco della nuotata hai fatto i piegamenti quindi hai estrinsecato la forza che ti serve per i piegamenti dopo la nuotata...sono due situazioni diverse che allenano due momenti diversi(della competizione).Per un inizio gara di 400 800 o 1500  è più congeniale fare prima,per finale delle stesse gare meglio dopo,ad esempio!OOOOKKKKK??? wink

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

di marina sito web

Condividi sui social

390

Re: Nuoto e palestra

Ok. smile

Condividi sui social

391

Re: Nuoto e palestra

Ciao a tutti! Una domanda: dopo il lavoro abbastanza intenso in palestra con lavori atti a favorire il nuoto, l'allenatore ci esorta a correre in acqua e fare, dopo alcune vasche sciolte, una serie di scatti veloci con poco recupero (10"). La chiama "trasformazione". Cosa si intende nello specifico per trasformazione? Grazie!!!

smile

Condividi sui social

392

Re: Nuoto e palestra

non ho mai fatto palestra e mai sentito un lavoro simile.
però suppongo che l'obiettivo sia tradurre in acqua il lavoro di forza fatto in palestra. nel senso che se fai un lavoro di potenziamento fine a sé stesso, non ti serve a niente, anzi rischi solo di appesantire il muscolo. se invece il lavoro  viene traferito in acqua, allora ciò consente di beneficiare del potenziamento anche nella nuotata.
spero di non aver  detto sciocchezze.

Condividi sui social

393

Re: Nuoto e palestra

Se così fosse allora è tutto ok! Grazie ciao!!

smile

Condividi sui social

394

Re: Nuoto e palestra

Ciao ragazzi, ho appena trovato questo post, ancora sono alla pagina 5 quindi mi ci vorrà un bel po' prima di rimettermi in paro, però volevo assolutamente ringraziare marina e stefano per la loro enorme disponibilità: grazie a voi sto imparando tantissimo!

E a tal riguardo volevo chiedervi: ci sono libri sulla teoria dell'allenamento (non per forza relativa al nuoto) che sentireste di raccomandare? Leggendo vari forum sto imparando molto, però sento il bisogno di qualcosa di più strutturato.

Condividi sui social

395

Re: Nuoto e palestra

Ciao a tutti,ho iniziato a fare nuoto il mese scorso,mi sapete dire se la creatina può servire a qualcosa nel nuoto? Cosa posso prendere per avere più resistenza ed energia?

Condividi sui social

396

Re: Nuoto e palestra

Alexpato ha scritto:

Ciao a tutti,ho iniziato a fare nuoto il mese scorso,mi sapete dire se la creatina può servire a qualcosa nel nuoto? Cosa posso prendere per avere più resistenza ed energia?

Buttala nell'immondizia... e semplicemente mangia bene e sano, limitando le schifezze. 

La creatina in condizioni di riposo viene rigenerata in fosfocreatina, e in pratica ha lo scopo di mantenere alti i livelli di ATP per i primi 6/7 secondi di uno sforzo fisico intenso, la si trova nella carne tranquillamente senza bisogno di assumerla  in modo artificiale.

Quindi mangia bene e fai regolare attività fisica, il tuo corpo pensa al resto wink

Condividi sui social

397

Re: Nuoto e palestra

Ok,grazie! Per quanto riguardo l'assunzione di proteine?

Condividi sui social

398

Re: Nuoto e palestra

è lo stesso discorso, le proteine le  assumi mangiando carne, petto di pollo, pesce,  uova, ecc anche i vegetali le contengono... quindi ti basta mangiare un pò di TUTTO e in modo sano per non sbagliare mai wink

Condividi sui social

399

Re: Nuoto e palestra

Mi puoi dare delle dritte su cosa mangiare prima e dopo l'allenamento!

Condividi sui social

Re: Nuoto e palestra

Leggi la discussione sul tema:
http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?id=146&p=31

--- programmi di allenamento per nuoto libero GRATUITI elaborati da tecnici dell FIN (Federazione Italian Nuoto)

Condividi sui social