Re: Stile libero: consigli?

Daniele75 ha scritto:
stefano '62 ha scritto:
cricrina81 ha scritto:

bello...ma oserei dire che si tratta di un esercizio di tecnica...non di una normale nuotata...cmq proverò ad abbassare il numero delle mie bracciate!!!   wink

E' un esercizio di scivolamento con controllo della posizione idrodinamica.

E pensa che con questo c'e' gente che c'ha fatto i milioni ( di dollari) leggi metodo total immersion di cui si fischiante alcuni giorni fa..

E' vero,che vergogna,pretende di avere inventato le lezioni di nuoto.
Quel tizio millantava di avere scoperto l'acqua calda quando invece il nuoto alla massima lentezza lo faceva fare Touretsky a Popov (un esempio tra i tanti) tutti i mercoledì quando si allenava a Torino.

Condividi sui social

102

Re: Stile libero: consigli?

sto' leggendo un libro di nuoto, c'è scritto che sia nel dorso che nello stile, le battute di gambe sono 6 per ogni bracciata ( 6 nello stile e 3 per ogni bracciata a dorso ) è vero???

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

103

Re: Stile libero: consigli?

@Daniele: allora normalmente respiro ogni 3 a sinistra o destra, ma a volte allungo le bracciate..magari tiro anche ad arrivare a 5, il mio problema è che respiro bene, solo a sinistra, a destra mi accorgo di rallentare la nuotata durante la respirazione appunto, e di alzare troppo la testa hmm

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

104 (modificato da ippocampo 23-02-2011 11:38:54)

Re: Stile libero: consigli?

stefano '62 ha scritto:
ippocampo ha scritto:

C'è un altro video dove invece le bracciate sono 12 ed ho notato solo un aumento della velocità dei movimenti.

L'ho visto,e anche li hanno imbrogliato nel conteggio,in realtà sono tredici.

...infatti mi sembra più giusto contare le passate invece dei recuperi, cioè quello che fa spostare!

Comunque quello è un nuotatore master,gli agonisti ne fanno molte meno.

...Allora io mi sparo! sad


X Laura: per imparare a respirare a destra non respirare ogni numero dispari di bracciate ma ogni pari e, ovviamente, SOLO a destra, ciao!!!

Condividi sui social

105

Re: Stile libero: consigli?

..è un master buonino wink

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

106

Re: Stile libero: consigli?

ippocampo ha scritto:
stefano '62 ha scritto:
ippocampo ha scritto:

C'è un altro video dove invece le bracciate sono 12 ed ho notato solo un aumento della velocità dei movimenti.

L'ho visto,e anche li hanno imbrogliato nel conteggio,in realtà sono tredici.

...infatti mi sembra più giusto contare le passate invece dei recuperi, cioè quello che fa spostare!

Comunque quello è un nuotatore master,gli agonisti ne fanno molte meno.

...Allora io mi sparo! sad


X Laura: per imparare a respirare a destra non respirare ogni numero dispari di bracciate ma ogni pari e, ovviamente, SOLO a destra, ciao!!!

ok faro' così, allora ogni 2 oppure ogni 4 solo a dx.. quindi alternato solo dispari e da una parte solo pari è corretto?

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

107

Re: Stile libero: consigli?

puoi respirare come vuoi smile cosa si chiama a fare stile libero? wink

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

108

Re: Stile libero: consigli?

smile davvero^^.. ma ho letto su un libro del nuoto che le battute di gambe sono per il dorso 3 ad ogni bracciata e 6 per lo stile, è vero?? ( scusa l'OT ) ;P

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

Re: Stile libero: consigli?

Laura82 ha scritto:

sto' leggendo un libro di nuoto, c'è scritto che sia nel dorso che nello stile, le battute di gambe sono 6 per ogni bracciata ( 6 nello stile e 3 per ogni bracciata a dorso ) è vero???

Ai corsi di nuoto si racconta in modo un pò semplicistico (e pericoloso) questa cosa che però origina da un fatto vero.
Cioè che la battuta di gambe deve lavorare in sinergia con le bracciate;da cià consegue che la battuta di gambe,pur dovendo venire eseguita in modo naturale e fluido,per evitare di disturbare la nuotata deve essere coordinata in un modo specifico,cioè ogni colpo di gambe va collocato in un certo momento piuttosto che in un altro.

Ogni volta che il braccio cambia direzione determina uno squilibrio (proporzionale all'intensità) che va compensato con una gambata omologa oppure con una opposta;i punti "critici" sono tre per ogni passata subacquea dunque nella nuotata completa sono sei (sia a dorso sia a stile).
Per questo motivo viene raccontata la storia delle sei battute.
Poi dato che come dicevo sopra ciò è proporzionale alla intensità,allora capita che nelle nuotate meno intense questi punti critici diminuiscono a due o uno per passata,ed ecco spiegato il motivo per cui ai corsi si dice che possono essere anche due oppure quattro.

Però questa è oggettivamente una scemenza per una serie di motivi:

1.
Nella realtà ci sono nuotatori che ne fanno anche molti di più eppure vanno forte lo stesso,perchè tra tutti quei colpi ci sono anche quei sei necessari a rispondere all'esigenza di equilibrio,e quelli in più semplicemente aggiungono propulsione e migliorano ulteriormente l'equilibrio compromesso dalle forti intensità.
2.
Certe sinergie si raggiungono con lavori di tecnica coordinazione e sensibilità,variando le richieste in termini di intensità incrociate tra battuta di gambe e azione di braccia,in mille modi diversi,per creare un requisito percettivo che poi permetterà alle gambe di lavorare in automatico alla ricerca degli equilibri corretti discriminati sulla base di ogni singolo e diverso momento della nuotata.
Il migliore (e primo da provare cronologicamente parlando,richiesto a scuola nuoto) è nuotare con gambe forte e veloci e braccia piano.
3.
Se invece si racconta sta cosa ai propri atleti,nel tentativo di fare coscientemente qualcosa che è possibile fare solo autonomamente e in modo istintivo,di sicuro la battuta perderà naturalezza e si otterrà l'effetto contrario (molto ma molto contrario).

Nuotate senza starci a pensare,che quando le gambe sono belle rilassate e fluide poi vanno a posto da sole.
Se invece fossero rigide allora una tale informazione peggiorerebbe la situazione,che invece si risolve con tanti lavori di ambientamento o di cordinazione dei primi livelli e con esercizi settoriali di gambe.
E se uno si presenta a pretendere le due o le sei battute ditegli che le farete solo se lui vi fornirà una bella calcolatrice subacquea da tenere penzoloni davanti agli occhi.

PS
Avete notato vero che non ho specificato i punti critici da compensare con le gambate ?
L'ho fatto apposta,nuotate in modo naturale.

Condividi sui social

110

Re: Stile libero: consigli?

si è sempre avallato che meno interferenze ci son dall'esterno per migliorare e meglio è...

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

111

Re: Stile libero: consigli?

grazie stefano della risposta.. bravissimo! mamma mia smile

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

112

Re: Stile libero: consigli?

NB davvero è corretto avere in proporzione gambe molto piu' veloci e le braccia possono andare piu' lente??

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

Re: Stile libero: consigli?

Laura82 ha scritto:

NB davvero è corretto avere in proporzione gambe molto piu' veloci e le braccia possono andare piu' lente??

No,è una scelta personale,
lo avevo proposto solo come esercizio da fare nelle prime fasi dell'apprendimento della coordinazione,perchè fare le gambe veloci e le braccia lente permette di stimolare la coordinazione e la sinergia tra gambe e braccia in modo inconscio,perchè è molto facile che il sistema nervoso lavori automaticamente a tal fine.
Se invece nelle prime fasi dell'apprendimento l'azione di braccia (primaria naturalmente) fa da asso pigliatutto e le gambe si fanno semplicemente trascinare,allora la nuotata a crawl non diventa mai una occasione di coordinazione,e ciò inibisce il lavoro di gambe che poi in seguito faranno sempre più fatica a ritagliarsi uno spazio (basti pensare a quegli adulti che nuotano a gambe fermissime e poi quando respirano sforbiciano di lato allargando i piedi di un metro e mezzo....)
Il mio dunque era solo un consiglio didattico.

Ciao

Condividi sui social

Re: Stile libero: consigli?

titolo autore del libro che stai legendo ? laura ?...

non importa quante volte cadi, ma quante volte cadi e ti rialzi

Condividi sui social

115

Re: Stile libero: consigli?

Nuoto: allenamento-stili e discipline-tecniche di Stefano Alfonsi

(Giunti Demetra)

L'ho comprato in una libreria lo scorso giovedì, ho chiesto alla commessa se c'erano libri sul nuoto e mi ha dato questo, nn ce n'erano altri ha detto hmm

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

116

Re: Stile libero: consigli?

stefano '62 ha scritto:
Laura82 ha scritto:

NB davvero è corretto avere in proporzione gambe molto piu' veloci e le braccia possono andare piu' lente??

No,è una scelta personale,
lo avevo proposto solo come esercizio da fare nelle prime fasi dell'apprendimento della coordinazione,perchè fare le gambe veloci e le braccia lente permette di stimolare la coordinazione e la sinergia tra gambe e braccia in modo inconscio,perchè è molto facile che il sistema nervoso lavori automaticamente a tal fine.
Se invece nelle prime fasi dell'apprendimento l'azione di braccia (primaria naturalmente) fa da asso pigliatutto e le gambe si fanno semplicemente trascinare,allora la nuotata a crawl non diventa mai una occasione di coordinazione,e ciò inibisce il lavoro di gambe che poi in seguito faranno sempre più fatica a ritagliarsi uno spazio (basti pensare a quegli adulti che nuotano a gambe fermissime e poi quando respirano sforbiciano di lato allargando i piedi di un metro e mezzo....)
Il mio dunque era solo un consiglio didattico.

Ciao

ah capisco.. Io invece mi accorgo che tengo cmq le gambe abbastanza unite sia durante la nuotata che la respirazione, ed ora sto' cercando di fare la bracciata piu' lunga possibile, ( e mi sforzo per farlo, perchè normalmente la farei cortissima e a gomito nn altissimo).. invece mi sforzo, cerco di tenere bene il gomito alto e fare una bracciata piu' ampia possibile.. poi cerco durante la respirazione di ruotare la testa e nn alzarla.. insomma è vero che un occhio dovrebbe restare nell'aqua no, quando si respira? purtroppo a destra respiro ancora male e alzo troppo la testa.. le gambe le muovo veloci, sia a stile, ma soprattutto a dorso.. pero' NN RIESCO A SEGUIRE UN NUMERO DI BATTUTE COORDINATE CON LE BRACCIATE, le muovo veloci e basta MA NN CONTO LE BATTUTE DI GAMBE PER BRACCIATE sad(

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

117

Re: Stile libero: consigli?

Io non me lo sono mai sognata di mettermi a contare il numero di gambate per ciclo di bracciate! Laura, nuota sciolta, naturale e magari manda un video wink

Condividi sui social

118

Re: Stile libero: consigli?

è un esercizio che uso spesso hmm

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

119 (modificato da ippocampo 24-02-2011 17:17:07)

Re: Stile libero: consigli?

Quale Mara Pia, quello di far contare le gambate per ciclo di bracciate? Ma a quale livello? hmm
Se invece parli di quello "gambe veloci e braccia lente" è già più fattibile e, se ci riescono, molto utile anche per i miei che sono ancora agli inizi, anche se ne ho 3 che devono ancora sistemare la gambata e ...ci vuole un po'!!!

Condividi sui social

Re: Stile libero: consigli?

x leggere   che differenza  c'è tra nuotatore master e agonista (magari nessuna ) dove devo cercare ?

non importa quante volte cadi, ma quante volte cadi e ti rialzi

Condividi sui social

Re: Stile libero: consigli?

stefano '62 ha scritto:

.....dipende da troppe cose,prima di tutto la lunghezza delle braccia e l'altezza di chi nuota.

Una curiosità.
Sono alto 183 cm. e braccia lunghe 80 cm. Che calcolo bisogna fare per conoscere il numero di bracciate ideale, non considerando il tempo impiegato, ma per eseguire quel tipo di esercizio.

Stè, è solo curiosità. Vorrei capire a che livello sono. In genere quell'esercizio lo copro in 12 bracciate.

Grazie

1) AUT DISCE, AUT DISCEDE
2) Azzoppare il cavallo pensante....questo

Condividi sui social

122

Re: Stile libero: consigli?

...non esiste un numero ideale:implica tante cose quali il livello dell'atleta e la tecnica,quindi ci son troppi paramentri da valutare per dare un valore assoluto....

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Stile libero: consigli?

Esatto non esiste un numero ideale,la regola è che più sei alto e meno bracciate ti servono,ma un numero preciso e oggettivo no c'è;diciamo che meno ne fai e più sei efficiente.
12 bracciate (sei destre e sei sinistre) è un signor risultato comunque.

Ciao

Condividi sui social

124

Re: Stile libero: consigli?

io una vasca da 25 m minimo faro' un 25 bracciate nn di meno, cmq appena mi ricordo le conto.. e sono alta 159.. muovo molto le gambe, ma le bracciate mi servono, insomma per me sarebbe impossibile farne appena 12

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social

125

Re: Stile libero: consigli?

ippocampo ha scritto:

Io non me lo sono mai sognata di mettermi a contare il numero di gambate per ciclo di bracciate! Laura, nuota sciolta, naturale e magari manda un video wink

vorrei tanto mettere un video sia per il mio dorso smile, che per lo SL che per la virata  ( standing ovation ) ^_^ scherzi a parte.. dovrei andare un gg con mio fratello in piscina e farmi fare dei video da lui smile

" ..A volte quando si perde, si vince!"

Condividi sui social