1

Argomento: eccessiva spossatezza post-allenamento

salve,

mi alleno 2 volte a settimana, al mattino (fascia oraria: h. 10-12) ed ogni seduta dura 1h20m ca.

già quando esco dall'acqua inizio ad avvertire una spossatezza che, nella migliore delle ipotesi, s'attenua nel tardo pomeriggio. oltre al pallore, in quei frangenti sono estremamente irritabile e, ovviamente, taaaanto stanco.


è una cosa normale, oppure devo cominciare a preoccuparmi? :-)

Condividi sui social

Re: eccessiva spossatezza post-allenamento

La stanchezza dopo un allenamento è normale,bisogna vedere se si tratta di una stanchezza che dà soddisfazione,o di una stanchezza che ti annichilisce.
Nel primo caso è benefica,nel secondo no,e significa che si è esagerato.

Condividi sui social

3

Re: eccessiva spossatezza post-allenamento

Ciao volevo porre una domanda, dopo l'allenamento ho una tachicardia abbastanza accentuata oltre ad una sovraeccitabilità, ho chiesto ad altre persone ma pare a loro non succeda cosa bisogna fare per evitarla? Anche mio marito pare soffrirne e non riesce neanche a dormire la notte, c'è qualcosa che non va, certo ci si potrebbe allenare a ritmi più blandi ma sinceramente in questo periodo almeno a me interessa aumentare la mia resistenza aerobica e se non mi alleno bene non succederà di sicuro... Però mi succede anche a ritmi più blandi! Sono sotto controllo da sempre da un cardiologo perchè sono nata con il cuore più piccolo del normale e ho già di mio un numero di battiti elevato rispetto alla media allenata quanto me. Qualche consiglio? Grazie. Ciao

Condividi sui social

Re: eccessiva spossatezza post-allenamento

Mah,non saprei.
Cosa intendi per tachicardia ?
Perchè la tachicardia quella vera comporta il ricovero.
Potrebbe trattarsi di adrenalina,però non succede nelle sedute aerobiche,ma quando si spinge un pò e le pulsazioni vanno su.
E se non si fa uno scarico adeguato nel finale,allora resta in circolo e provoca disturbi del sonno.

Ciao

Condividi sui social

5

Re: eccessiva spossatezza post-allenamento

stefano '62 ha scritto:

Mah,non saprei.
Cosa intendi per tachicardia ?
Perchè la tachicardia quella vera comporta il ricovero.
Potrebbe trattarsi di adrenalina,però non succede nelle sedute aerobiche,ma quando si spinge un pò e le pulsazioni vanno su.
E se non si fa uno scarico adeguato nel finale,allora resta in circolo e provoca disturbi del sonno.

Ciao

Ciao forse la tachicardia non è il termine adeguato, parlo allora di battiti cardiaci molto accelerati tali da dar veramente fastidio! Come si fa uno scarico adeguato? La nostra istruttrice spesso ci fa finire la serie tardi e riesco a fare solo 100 mt in scioltezza molto piano ma evidentemente non bastano, cosa potrei fare? Grazie. Ciao

Condividi sui social

Re: eccessiva spossatezza post-allenamento

Uno scarico ideale per un allenamento medio (non come volume ma come intensità) sarebbe 10-15 minuti sciolti.

Condividi sui social

7

Re: eccessiva spossatezza post-allenamento

stefano '62 ha scritto:

Uno scarico ideale per un allenamento medio (non come volume ma come intensità) sarebbe 10-15 minuti sciolti.

Ieri ho fatto 200 mt di nuoto in scioltezza ed ero meno agitata del solito, devo parlarne con l'istruttrice e organizzarmi gli ultimi dieci minuti per il defaticamento. Lei ci da al massimo 55 minuti per allenarci e spesso ci da dei carichi di lavoro anche impegnativi e non si arriva quasi mai al defaticamento che al massimo dura 5 minuti.. Bisogna che organizzi meglio le lezioni altrimenti diventa una sofferenza!  Grazie. Ciao

Condividi sui social

Re: eccessiva spossatezza post-allenamento

Veramente starebbe all'allenatore pensarci,voi non siete obbligati a sapere queste cose,lui sì !!!!!!!
Quando proponiamo (coi masters siamo in due,abbiamo ben 60 atleti iscritti) allenamenti più duri,come per esempio l'ultimo B2 peraltro poco voluminoso,proprio il minimo sindacale.
(3 x 300 frazionati)
(1) 100mx-50ps-50ps-100mx\10" 100 sciolti 1' pausa
(2) frazionato ai 75ps\10"  100 scilti 1' pausa
(3) frazionato ai 50ps\10" 100 sciolti
ci assicuriamo sempre che il lavoro centrale termini una ventina di minuti prima della fine della seduta,in modo da offrire un adeguato scarico,che per quell'allenamento è stato di 750 metri:
300 braccia (25do-25sl) sciolti per metabolizzare parte dei cataboliti,
seguiti da 6x75 sl con variazioni di tecnica esecutiva (25 max lentezza,25 max ampiezza etc.) per recuperare la coordinazione compromessa dall'intensità precedente.

Ciao

Condividi sui social