Re: Respirazione stile libero

Un momento,chiariamo bene,per appoggio intendo dire che occorre agganciare acqua in modo da mantenere l'equilibrio e avere un base solida per la successiva trazione.
Ma non è che uno debba scavare nelle profondità marine nel tentativo spasmodico di uscire dall'acqua con la testa.
Quello sarebbe un errore enorme,la faccia deve uscire di lato senza bisogno che esca tutta la testa,e senza bisogno di appoggiarsi col braccio ad un invisibile tavolo sommerso.

Se fosse questo il tuo problema,allora consiglio esercizi di sole gambe a braccia ferme in basso,respirando di lato ruotando le spalle e il busto per facilitare l'uscita della faccia.

Ciao

Condividi sui social

127 (modificato da enjoymike 20-07-2011 09:00:42)

Re: Respirazione stile libero

Beh diciamo che sicuramente non credo ci sia un sollevamento della testa, quando respiro lo sguardo e' puntato lato e c'e una leggera rotazione anche delle spalle. Quindi direi che l'appoggio mi sembra regolare anche se la presa dell'acqua, diciamo quella che permette di sentire che sto aggrappando una massa d'acqua da spostare, secondo me e' ancora poco efficace. C'è qualcosa, ma non qualcosa di consistente in mano. Sto facendo alcune vasche  a sole gambe con le braccia avanti o le braccia lungo i fianchi, un pò per rinforzarle e un pò per trovare una posizione migliore in acqua perchè di fatto questo tipo di esercizi evidenziano che la mia porzione superiore del busto e le spalle non sono appoggiate in acqua in modo molto rilassato e risentono un po' di rigidità e la respirazione ne risente.

Condividi sui social

128

Re: Respirazione stile libero

Paolo82 ha scritto:

virata:
sì io in effetti espiro dal naso per paura che entri acqua dal naso e così ho poca aria da espirare durante la spinta, proverò e riproverò, ou da bambino mi veniva...

respirazioni:
mi puoi spiegare in 2 parole cos'è e come fare un lavoro in ipossia?
per apnea intendi nuotare a stile per 25 m senza respirare oppure fare una subaquea?
proprio oggi ho provato a fare una subaquea gambe delfino, ma sono tornato su dopo una quindicina di metri...  sad
devo proprio imparare questi a1, a2, ecc...

respirazioni a sx:
grazie mille, proverò questi esercizi, per il secondo prima devo rimediare un pull!!!

Ancora grazie!

l'apnea invece è un esercizio in cui devi coprire la maggiore distanza possibile senza respirare. se non riesci a nuotare tutto il 25m, concludi la vasca respirando normalmente, prendi un piccola pausa e ci riprovi. è molto utile in questo esercizio contare il numero di bracciate

l'ipossia è un esercizio in cui ci si impone un ritmo prestabilito di respirazioni in modo nuotare in una condizione di carenza di ossigeno. ad esempio posso decidere di fare 300m in cui respiro un 50m ogni 5 bracciate e un 50m ogni 7 oppure respiro a 7-5-4 cambiando ogni 100m. insomma l'ipossia permette di usare molto fantasia.
per maggiori info leggi qui:
http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/search.php?search_id=675081162
http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?id=1966&p=1

leggi anche qui: http://www.nuotomania.it/public/blog/index.php/2012/01/respirazione-stile-libero-crawl/

devo fare una piccola precisazione che nel mio post precedente avevo dimenticato sulla tecnica della respirazione: si appoggiano guancia e orecchio e le spalle NON devono essere appiccicate alla superficie perché è un errore.
mi è venuto in mente un altro bell'esercizio che potresti fare e che aiuta tantissimo. prova a spiegartelo: sguardo fisso sul fondo con spalle asimmettrice (cioè un su e l'altra giù). quando devi respirare, fai come ti ho detto wink

Condividi sui social

129

Re: Respirazione stile libero

Grazie mille Nuotix, ho deciso di inserire questi esercizi di tecnica in ogni giornata di allenamento.
Per l'ultimo esercizio le braccia vanno una una distesa in avanti (spalla giu) e l'altra distesa indietro (spalla su) o sempre lungo i fianchi?

All'apnea e all'ipossia dedicherò una giornata alla settimana, finchè non mi sentirò più a mio agio.
Le virate le farò il più possibile...

Condividi sui social

130 (modificato da nuotix 01-05-2012 20:38:40)

Re: Respirazione stile libero

le braccia stanno rigorosamente ferme e lungo i fianchi e l'avanzamento è assicurato esclusivamente dalle gambe.
lo ritengo un ottimo esercizio di equilibrio perché permette di capire che la respirazione non consiste semplicemente nel girare il capo su un lato o sull'altro, ma essa deve essere agevolata dalla posizione delle spalle. tenere le spalle attaccate all'acqua significa opporre resistenza ad una azione che è il risultato di una nuotata corretta a stile libero cioè quella in cui le spalle ruotano liberamente senza impedimenti
per le gambe, lasciale lavorare senza forzare l loro posizione , la quale invece deve essere la naturale conseguenza dell'inclinazione data dal posizionamento delle spalle. in parole più semplici non riesco a spiegartelo.

Condividi sui social

131

Re: Respirazione stile libero

Oggi allenamento di fondo, mi son fatto il mio bel 3x1000 in un'ora, ma stavolta con le virate smile
Vasca da 33 (sono in trasferta in Ungheria e questo mi son trovato...), quando giro butto fuori un po' d'aria dal naso, ma sto attento a risparmiarne un bel po'...
Alla fine mi son fatto l'esercizio che dicevi tu, con le braccia lungo i fianchi e la respirazione a dx e sx, poi ho provato a nuotare a stile ogni tre bracciate o ogni due a sx e va' già un po' meglio, mi entra un po' d'acqua in bocca (che non bevo), però va un po' meglio...

Domani mi concentro solo su quegli esercizi di tecnica e sulla ipossia/apnea!

Condividi sui social

132 (modificato da nuotix 04-05-2012 11:30:32)

Re: Respirazione stile libero

per imparare a non eliminare l'aria dal naso durante la capriola, prima leggi qui:
http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?pid=32337#p32337
e poi qui: http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?pid=10465#p10465

Condividi sui social

133

Re: Respirazione stile libero

avrei una domandina per stefano.
in una discussione su un altro forum, riferendoti alla muffat,  hai scritto che lei nuota fluida anche perché "respira al momento giusto".

che cosa intendevi? ti riferivi alla sua respirazione a livello tecnico oppure alla frequenza respiratoria?

Condividi sui social

Re: Respirazione stile libero

A livello tecnico.
Il momento giusto non è oggettivo,ma è riferito alla sua particolare tecnica di nuotrata.

Condividi sui social

135 (modificato da nuotix 16-08-2012 10:25:14)

Re: Respirazione stile libero

molto interessante.
questo però genera un'altra domanda.

come si arriva a capire qual'è il momento giusto in relazione alla nuotata? esistono esercitazioni particolari che permettano di capire il corretto tempismo?
wink

Condividi sui social

136

Re: Respirazione stile libero

...dovresti farti aiutare da un allenatore(bravo),in mancanza di questo fidati delle tue sensazioni o ci mandi un video!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

137

Re: Respirazione stile libero

eheh, ci pensavo proprio l'laltro giorno. prima o poi qualche video lo posterò quasi certamente (ma più avanti) ! wink

in ogni caso per curiosità, se vedi uno nuotare da fuori, da cosa desumi se respira al momento giusto o al momento sbagliato?

ps. marina, tu sei posturologa?

Condividi sui social

138

Re: Respirazione stile libero

lo desumo dal rapporto frequenza/ritmo,dalla fluidità della nuotata,dall'equilibrio in acqua,da come si coordina,dall'economicità dei gesti,dall'efficacia della stessa respirazione.... big_smile
Si,posturologa e osteopata! smile

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

139

Re: Respirazione stile libero

marina ha scritto:

lo desumo dal rapporto frequenza/ritmo,dalla fluidità della nuotata,dall'equilibrio in acqua,da come si coordina,dall'economicità dei gesti,dall'efficacia della stessa respirazione.... big_smile

grazie mille.
chiarissima come sempre wink

tra l'altro da una settimana, nelle sessioni di tecnica che non mancano mai in ogni seduta, sto lavorando sulla respirazione e sul posizionamento della testa cercando di capire quale soluzione mi assicura una maggiore fluidità e impegni il meno possibile i muscoli del collo.
Bé i risultati mi hanno soddisfatto smile


marina ha scritto:

Si,posturologa e osteopata! smile

nei prossimi giorni vorrei parlare di alcuni problemi fisici che mi affliggono da tanto tempo e mi piacerebbe avere il tuo parere di esperta. se non hai nulla in contrario

Condividi sui social

140

Re: Respirazione stile libero

...in genere,incoraggio l'oppositività delle braccia e il soffiare bene l'aria:questo di solito aiuta...poi è tutto da valutare!
Si,ti ascolto volentieri sperando di esserti utile wink

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

141

Re: Respirazione stile libero

marina ha scritto:

...in genere,incoraggio l'oppositività delle braccia

Non sono sicuro di aver capito cosa intendi...   io tendo a nuotare "nel primo quadrante" (non so se sia la terminologia corretta), cioè a non avere le braccia "opposte", bensì ad avere un bracio a metà recupero quando l'altro sta appena iniziando la trazione....  questo in quanto essendo io vecchietto e sfiatato, nonchè mai stato agonista, trovo che attuare un leggero e momentaneo scivolamento sul braccio disteso in avanti (mentre l'altro è in recupero) mi faccia fare meno fatica (cioè sia per me più efficiente). Sostanzialmente se cerco di nuotare a braccia opposte, alzo automaticamente il ritmo di bracciata e scoppio....
Pensa che sono talmente sfiatato che sui 50 SL ci do' dentro di gambe praticamente solo nella seconda vasca, sennò muoRo roll
Tanto per darti un riferimento, nuoto (sono un M50) i 50 SL in 35" ed i 50 RA in 41"3 (e da ciò si vede che a stile sono ancora più schiappa che a rana).

Tornando comunque al punto: quali sono i motivi per cui incoraggi l'oppositività delle braccia (sempre che io abbia compreso correttamente cosa tu intendi con quel termine)?

Grazie!

Lost in time, and lost in space/And meaning

Condividi sui social

142

Re: Respirazione stile libero

...braccia opposte intendo una sopra e uno sotto.Puoi nuotare lentamente con le braccia opposte.
Secondo me,tenere le braccia opposte aiuta a non fare pause all'inizio o alla fine della nuotata o in ambo i casi:alcuni si fermano pure per respirare.Secondo me,l'obiettivo deve essere sempre quello di mantenere una nuotata più fluida e meno arzigogolata possibile... smile

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

143

Re: Respirazione stile libero

marina ha scritto:

...in genere,incoraggio l'oppositività delle braccia e il soffiare bene l'aria:questo di solito aiuta...poi è tutto da valutare!
Si,ti ascolto volentieri sperando di esserti utile wink

grazie mille smile

avrei ancora una (ennesima) domanda.
una curiosità tecnica su quando è opportuno che finisca la respirazione.
a livello didattico e idrodinamico qual'è il momento migliore in cui si deve far reimmergere la faccia in modo da disturbare il meno possibile l'equilibrio della nuotata?  appena prima dell'ingresso in acqua del braccio omologo (a me è venuto sempre naturale in quel momento)?

Condividi sui social

144

Re: Respirazione stile libero

...io dico spesso alla fine della bracciata:almenochè tu non abbia una nuotata particolare che se efficace non mi permetterei mai di correggere.rischi di bloccare l'azione della presa,cioè il primo approccio all'acqua.Poi,mi ripeto,è tutto da valutare caso per caso! smile Ecco perchè vi chiedo di postare i video:per avere qualcosa di cui parlare,diversamente sono solo ipotesi!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Respirazione stile libero

nuotix ha scritto:

......se vedi uno nuotare da fuori, da cosa desumi se respira al momento giusto o al momento sbagliato?
?

Se mentre respira perde l'assetto significa che qualcosa non funziona.
Se invece mentre respira riesce a mantenere la velocità inerziale,l'equilibrio idrodinamico e la fluidità della nuotata,senza scossoni o beccheggi (come per esempio invece purtroppo fanno sia la Fede sia Paltrinieri) e senza peggiorare il drag,senza che la nuotata insomma cambi rispetto a quando non respira.....allora la tecnica (e quindi anche il punto) di respirazione è adeguata ai suoi equilibri.

Ciao

Condividi sui social

Re: Respirazione stile libero

PS
@nuotix
come dice Marina la respirazione va fatta al termine della bracciata,di solito insegno ai bambini che PRIMA entra un braccio in acqua,e POI si gira la faccia di lato per respirare mentre l'altro braccio esce.

@Paolo61
la nuotata nel quadrante frontale è una nuotata in allungamento,cioè una variante specifica della nuotata di base.
Quello che consiglia Marina con le braccia in opposizione invece è appunto la nuotata di base corretta,cioè la nuotata che va sviluppata primariamente sopra ad ogni altra cosa,e fino a che uno non è in grado di farlo significa che manca di coordinazione.
POI,in seguito uno può evolvere come gli pare per ottimizzare la sincronia tra fase di spinta di un braccio e posizionamento dell'altro,ma fino a che uno non riesce a coordinare come dice Marina a braccia opposte (cioè senza fare pause),non si può dire che abbia imparato a nuotare.

Ciao

Condividi sui social

147 (modificato da nuotix 17-08-2012 22:24:03)

Re: Respirazione stile libero

stefano '62 ha scritto:

senza scossoni o beccheggi (come per esempio invece purtroppo fanno sia la Fede sia Paltrinieri)

accidenti mi hai letto nel pensiero smile
domani avrei voluto postare un video di gregorio per dire che, vedendolo da fuori, il suo assetto e la sua fluidità durante la respirazione vengono molto compromessi.
invece, osservando nuotatori tipo agnel, sun, muffat, schmitt, è appena percettibile il momento in cui girano la faccia per respirare, limitando molto il movimento del collo e rimanendo molto più piatti sull'acqua rispetto a paltrinieri.
insomma volevo porre un bel confronto fra chi ha una fluidità ammirevole e chi no e capire se avevo capito.
mi sembra di sì big_smile

ps.
a proposito di paltrinieri
http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?pid=33095#p33095
vediamo se ho capito: paltrinieri adotta la hybrid, giusto?

Condividi sui social

148

Re: Respirazione stile libero

marina ha scritto:

...io dico spesso alla fine della bracciata:almenochè tu non abbia una nuotata particolare che se efficace non mi permetterei mai di correggere.rischi di bloccare l'azione della presa,cioè il primo approccio all'acqua.Poi,mi ripeto,è tutto da valutare caso per caso! smile Ecco perchè vi chiedo di postare i video:per avere qualcosa di cui parlare,diversamente sono solo ipotesi!

stefano '62 ha scritto:

PS
@nuotix
come dice Marina la respirazione va fatta al termine della bracciata,di solito insegno ai bambini che PRIMA entra un braccio in acqua,e POI si gira la faccia di lato per respirare mentre l'altro braccio esce.

temo ci sia stato un fraintendimento perché non ho specificato bene la domanda (sigh).
non intendevo chiedere in quale momento debba Cominciare la respirazione (cioè durante la spinta o come dice marina alla fine della bracciata, assicurandosi però che l'altro braccio sia in appoggio).
invece volevo domandare quale fosse il momento opportuno in cui la respirazione deve Finire cioè il momento in cui la faccia torna sott'acqua

Condividi sui social

149

Re: Respirazione stile libero

cosa intendete per nuotata nel quadrante frontale? hmm
nuotix,scusami...nn ho capito il fraintendimento!!

Il mio nickname

di marina sito web

Condividi sui social

Re: Respirazione stile libero

@nuotix
La respirazione deve durare un atttimo,che senso ha chiedere quando deve finire invece che cominciare.....è la stessa cosa.
Per punto di respirazione si intende quando uno respira,non quando chiude la bocca e torna sotto (cioè una frazione di secondo dopo).
Comunque la testa deve restare assolutamente immobile a faccia orientata in giù fino a che il braccio opposto alla respirazione non è entrato in acqua.

Paltrinieri non usa la Hybrid,ma saltella e basta,o altrimenti dovremmo dire a) che la fa malissimo b) che dovrebbero dirglielo che ha senso solo nel 200\400.

@marina
Nuotata nel quadrante frontale significa che c'è sempre un braccio posizionato in avanti rispetto al corpo,cioè le nuotate in successivo.
Anche io le chiamavo in altro modo,ma alcuni mesi fa qualcuno ha tirato fuori la Total Immersion Swimming e sono venuti fuori i termini correlati.
(ti sei persa qualcosa,ha provato persino il responsabile Italia di TI a venderci le sue panzane,leggi qua:
http://www.nuotomania.it/public/forum/upload/viewtopic.php?id=2100&p=1)


Ciao

Condividi sui social