Preparazione fisica nel nuoto. PushUp su piano Instabile

Push up su piano instabile

Esercizio per lo sviluppo dei pettorali dell’atleta estratto

(di Gian Maria D’Amici)

Esercizio per la preparazione fisica nel nuoto. Un esercizio di Potenziamento: ”PushUp su piano instabile”, ovvero dei piegamenti sulle braccia per sviluppare i pettorali dell’atleta.DESCRIZIONE Piegamenti sulle braccia I Piegamenti sulle braccia, detti anche Push-Up, rappresentano il classico esercizio per rinforzare la muscolatura del pettorale, spalle e tricipiti.In questi particolari PushUp l’atleta esegue dei piegamenti sulle braccia in condizioni di equilibrio precario generato dall’elemento instabile cui è appoggiato. La particolarità di questo esercizio è che sono piegamenti alternati a piccoli balzi per il cambio di posizione.

Sconto primo ordine Nuoto Mania Shop

Durante l’esecuzione dell’esercizio si adottano 3 tipi di posizioni diverse:

  • piegamento con mano sinistra in appoggio sull’elemento instabile (skimmy);
  • piegamento senza l’uso dell’elemento propriocettivo (esecuzione normale di un PushUp);
  • piegamento con mano destra in appoggio sull’elemento instabile (skimmy).

Insomma, non il solito esercizio, ma grazie all’ausilio dello Skimmy posto sotto l’appoggio di un arto superiore aumenta la difficoltà dell’esercizio, cercando di creare più instabilità possibile all’atleta e quindi sviluppando il suo equilibrio, irrobustendo tutto il tronco, i pettorali, le spalle e i tricipiti.

INDICAZIONI L’esecuzione di questi PushUp non è alquanto facile perchè: l’equilibrio precario e i piccoli balzi inseriti tra un piegamento e l’altro aumentano la difficoltà di esecuzione degli stessi piegamenti. Quindi, prestare la massima attenzione, perché questi Pushup sono estremamente complessi e richiedono padronanza nei gesti e molta forza muscolare. E’ importante svolgere gli esercizi adatti al proprio livello di forza fisica, quindi inserire l’elemento instabile solo quando si sa già eseguire i piegamenti semplici in appoggio a terra.

Nonostante l’esercizio sia di difficile esecuzione, occorre assicurarsi di eseguirlo correttamente evitando gli errori più comuni:

  • cercare il giusto assetto tra CAVIGLIE-GLUTEI-SPALLE-TESTA, così da eseguire nel migliore dei modi l’esercizio;
  • una volta trovata questa posizione inserire lo skimmy come elemento di instabilità;
  • cercare la giusta distanza di appoggio delle mani, cosi da lavorare prettamente con i pettorali;
  • eseguire l’esercizio con scioltezza cosi da non creare irrigidimento al collo; cercare inoltre di mantenere la testa più dritta possibile, collo e testa devono essere allineati al tronco.

GUARDA IL VIDEO

Alcuni accorgimenti:

  • è fondamentale che l’atleta esegua l’esercizio su un punto non scivoloso del piano vasca;
  • assicurarsi che l’atleta sia messo in condizione di equilibrio con i piedi, e in disequilibrio con l’arto superiore in appoggio sullo skimmy, cosi da eseguire l’esercizio in massima sicurezza.

SERIE e RIPETIZIONI:
BASE: 2 serie x 10 ripetizioni (senza skimmy);
MEDIO : 3 serie x 6 ripetizioni (con skimmy) (3 ripetizioni con braccio destro in appoggio su skimmy e 3 ripetizioni con braccio sinistro in appoggio su skimmy);
AVANZATO: 4 serie x 8 ripetizioni (con skimmy) (4 ripetizioni con braccio destro in appoggio su skimmy e 4 ripetizioni con braccio sinistro in appoggio su skimmy);

Sconto primo ordine Nuoto Mania Shop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.